Medici in prima linea
Ospedale di riferimento: i medici tentano la rivoluzione sanitaria. Sarà lanciata un'iniziativa popolare: "Bisogna coinvolgere il popolo per smuovere le acque"
Promotori della raccolta firme saranno l’Associazione dei Medici Assistenti e Capi clinica (ASMACT) e l'Ordine dei Medici: "Accanto a un’offerta completa e capillare nelle Città e nelle Valli della medicina di base deve esserci una struttura nella quale concentrare le specializzazioni di punta"
LUGANO - I tempi sono maturi per progettare e realizzare in Ticino un ospedale cantonale di riferimento, una struttura nella quale concentrare le specializzazioni di punta. Ne è assolutamente convinta l’Associazione dei Medici Assistenti e Capi clinica del Canton Ticino (ASMACT), che intende farsi promotrice, assieme all’Ordine dei Medici del Canton Ticino (OMCT), di un’iniziativa popolare.

 
"In Ticino - si legge in una nota diffusa dai presidenti delle due associazioni, i deputati Franco Denti e Simone Ghisla - si discute da decenni della realizzazione di un ospedale cantonale di riferimento. Pur riconoscendo passi concreti nella giusta direzione, la discussione in atto non ha prodotto i risultati auspicati. L’evoluzione più recente della scienza medica, combinata con l’impatto economico dei costi ospedalieri, rendono sempre più importante un cambiamento di strategia per andare con decisione verso la realizzazione di un unico ospedale cantonale di riferimento".


"L’attuale modello - prosegue il comunicato - arrischia di pregiudicare il mantenimento nel cantone Ticino di un’offerta ospedaliera di punta (medicina MAS). È opinione dei giovani medici, che accanto a un’offerta completa e capillare nelle Città e nelle Valli della medicina di base debba esserci in Ticino un unico centro nevralgico che faccia da precursore e da traino per la formazione e la ricerca, anche in vista del Master in Medicina. Si tratta di un’opportunità soprattutto per i pazienti, che vedrebbero aumentare ulteriormente la qualità e la sicurezza, oltre che poter contare su cure specialistiche nel Cantone del proprio domicilio".


"I vertici dell’OMCT e dell’ASMACT - termina la nota - considerano infatti che per smuovere le acque nella direzione della realizzazione di un ospedale cantonale sia necessario e opportuno coinvolgere la cittadinanza, in tal senso annunciano che a breve verrà costituito un comitato promotore per il lancio di un’iniziativa popolare".


Pubblicato il 23.08.2016 13:44

Guarda anche
Medici in prima linea
"Dal 1. Gennaio 2019 i Cantoni dovranno assumere circa la metà dei costi delle cure ospedaliere stazionarie erogate in Svizzera anche per gli assicurati LAMal frontalieri, i pensionati e i loro familiari che risiedono in un Paese EU/AELS. Quali saranno le conseguenze finanziarie per il Ticino?"
Medici in prima linea
Il presidente dell'Ordine dei medici: "È evidente che nel gioco delle parti, l’interesse delle casse malati sia quello di scoraggiare il più possibile il paziente a rivolgersi a un medico o a una struttura ospedaliera. Il problema è: a quale rischio? Davvero ci si vuole assumere la responsabilità di consigliere una persona sulla base di una telefonata? A mio avviso stiamo veramente giocando con il fuoco sulla pelle dei pazienti”
Medici in prima linea
Una vertenza cominciata oltre quattro anni fa e conclusasi in questi giorni con una sentenza favorevole del Tribunale Federale. Denti: "È stata una battaglia lunga e stressante"
Medici in prima linea
Presa di posizione del Consiglio direttivo dell'OMCT: "Questa iniziativa delle cure mediche ospedaliere di prossimità permette altresì un miglior rapporto tra qualità delle cure e costi sanitari, conformemente a quanto richiede da sempre la LAMal: cure accessibili per tutti, di qualità e economicamente sostenibili"
  • Le più lette