Post Nucleare
L’energia del sole sulla palestra della Scuola d’Arti e Mestieri: un progetto firmato da AET e DFE
L’energia prodotta dall’impianto sarà prevalentemente consumata in loco, mentre quella in esubero verrà immessa in rete e valorizzata da AET
BELLINZONA -  È stato inaugurato questa mattina, alla presenza del Direttore del Dipartimento delle finanze e dell’economia (DFE), Christian Vitta, il nuovo impianto fotovoltaico realizzato dall’Azienda Elettrica Ticinese sul tetto della palestra della Scuola d’Arti e Mestieri a Bellinzona.
 

L’impianto occupa una superficie di 1'350 m2 ed è composto da 291 pannelli monocristallini da 270 Wp, per una potenza complessiva di 78.57 kWp. La produzione annua prevista è di 85 MWh, sufficienti a soddisfare il fabbisogno di 21 economie domestiche. I moduli utilizzati sono laminati e non presentano cornici: una soluzione tecnica che favorisce l’autopulitura nelle giornate di pioggia.
 

L’impianto nasce dalla collaborazione tra AET e la Sezione della Logistica del Dipartimento delle finanze e dell’economia, fra le quali è in vigore sin dalla primavera 2015 un “contratto quadro” che
 regola le condizioni di realizzazione ed esercizio di impianti fotovoltaici su edifici di proprietà dello Stato.
 

AET ha curato la progettazione e la fase di realizzazione, mentre la Sezione della Logistica del DFE ha messo a disposizione la superficie per un periodo di 30 anni.


Grazie alla collaborazione fra AET e il DFE sarà possibile aumentare la quota di energia rinnovabile prodotta nel nostro Cantone, conformemente a quanto previsto dal Piano energetico cantonale (PEC).
 

All’inaugurazione erano presenti il Direttore del DFE, Christian Vitta, e quello di AET, Roberto Pronini, che hanno evidenziato l’ottimo esempio di collaborazione e ricerca di sinergie all’interno del settore pubblico.

 
L’energia prodotta dall’impianto sarà prevalentemente consumata in loco, mentre quella in esubero verrà immessa in rete e valorizzata da AET.


Pubblicato il 30.11.2016 16:13

Guarda anche
Post Nucleare
Il timore è che a Ispra, dove ha sede l’Euratom, l’agenzia atomica europea, arrivino in futuro arrivino anche sostanze di vario genere da altri paesi dell’Ue
Post Nucleare
La nuova centrale del Ritom sostituirà quella costruita dalle FFS nel 1917 a Piotta e sarà edificata tra quest’ultima e la Centrale Stalvedro di AET
Post Nucleare
In risposta alla difficile situazione di mercato, per la quale non si prevedono inversioni di tendenza a breve termine, AET ha implementato numerose misure di ottimizzazione operativa e riduzione dell’esposizione finanziaria
Post Nucleare
“Un risultato che ci riempie di orgoglio e che conferma come il gas naturale riscuota un grande interesse quale vettore alternativo” dichiara il direttore Nicola Dotta commentando i risultati