Crisi e Lavoro
BSI, adesso è ufficiale: salteranno fino a 450 posti di lavoro. Due terzi dei quali in Svizzera. "Ma Zurigo, Lugano e Ginevra resteranno piattaforme importanti"
EFG International ha comunicato che taglierà tra i 300 e 450 posti di lavoro nel periodo 2017-2019 nell'ambito dell'acquisizione della BSI
© Keystone / Ti-Press / Pablo Gianinazzi
LUGANO - La brutta notizia era attesa da tempo e ora è ufficiale: EFG International itaglierà tra i 300 e 450 posti di lavoro nel periodo 2017-2019 nell'ambito dell'acquisizione della BSI. 
 
 
A comunicarlo è stato lo stesso istituto di credito precisando che due terzi degli impieghi saranno cancellati in Svizzera. Nonostante ciò EFG International ha voluto assicurare che "Zurigo, Lugano e Ginevra rimarranno piattaforme importanti per la direzione e le operazioni della banca".
 
 
Negli scorsi mesi la politica ticinese si era mostrata molto preoccupata per il futuro dei posti di lavoro della BSI. Diversi gli incontri tra il Governo, il Municipio di Lugano e i vertici di EFG International. È presumibile che ora ce ne saranno altri, di sicuro con esiti meno rassicuranti...


Pubblicato il 08.12.2016 09:40

Guarda anche
Crisi e Lavoro
Replica al giornalista del Corriere di Como, con alcune precisazioni: il tema non è la nazionalità del medico ma il suo domicilio. Anche alla luce delle iniziative parlamentari firmate da tutti i partiti che chiedono "la precedenza va data alle persone residenti" per tutto il personale medico e non solo quello dell'EOC
Crisi e Lavoro
Il deputato e sindacalista: "Purtroppo il passaggio dall’agenzia interinale è sempre meno un’occasione per facilitare l’ingresso al mercato lavoro e sempre più una situazione perenne per molti lavoratori. Non possiamo sottacere che le conseguenze di questo trend ricadono su tutta la società"
Crisi e Lavoro
Il presidente dell'UDC: "Condivido l'analisi di Marco Bazzi (leggi qui) aggiungendo solo una considerazione: L'IRE necessita di un sondaggio fatto dal 20 minuti per confermare il suo studio scientifico?"
Crisi e Lavoro
L'ANALISI - "Caro professor Maggi, corregga il tiro se non vuole che l’IRE finisca ancora una volta nel mirino di coloro che chiesero al Governo di togliere i finanziamenti pubblici all’Istituto che dirige. Perché questa volta avrebbero ragioni da vendere"