Cronaca
Cosa vuoi di più dalla vita? Un Lugano! Primi treni di Alptransit, nuova stazione e nuova funicolare (ribattezzata Sassellina). E in Città è festa grande. Ecco la gallery con le immagini più belle della giornata
In Città è andata in scena una grande festa del trasporto pubblico. Presenti, come si conviene in queste occasioni, le autorità cantonali e comunali e il CEO delle FFS Andreas Mayer. Ma soprattutto tantissima gente che ha partecipato con entusiasmo ai festeggiamenti
© Keystone / Ti-Press / Pablo Gianinazzi
LUGANO - Giornata di grandi festeggiamenti a Lugano. Con diversi motivi per brindare. Dai primi treni passeggeri e merci giunti in riva al Ceresio grazie alla nuova galleria dell'Alptranist, passando per l'inaugurazione della nuova stazione, fino alla riapertura di uno dei simboli della Città: la funicolare. 
 
 
Funicolare che da oggi si chiamerà "Sassellina", nome scelto dopo un concorso di idee indetto dalle TPL. Insomma, è stata una grande festa del trasporto pubblico. Presenti, come si conviene in queste occasioni, le autorità cantonali e comunali e il CEO delle FFS Andreas Mayer. Ma soprattutto tantissima gente che ha partecipato con entusiasmo ai festeggiamenti. 
 
 
Nella gallery qui sotto le foto realizzate dell'agenzia Ti Press, con alcuni dei momenti più significativi della giornata.


Pubblicato il 11.12.2016 13:25

Guarda anche
Cronaca
Il giovane attore - in carcere per aver travolto e ucciso una donna con l'auto - racconta la sua versione dei fatti e chiede perdono. Rischia almeno cinque anni di prigione per essersi messo alla guida sotto l'effetto di stupefacenti e senza patente: "Ora sono in crisi d’astinenza, ma è giusto così, è giusto che soffra”.
Cronaca
Il Consigliere di Stato leghista, un anno dopo, ha concesso al macellaio bellinzonese una nuovo match: "Stavolta ha vinto lui meritatamente"
Cronaca
La notizia è arrivata ormai in tarda serata dopo che nel triangolo tra via Sorengo , via Basilea e Piazzale Besso si sono vissute ore di tensione. LE FOTO DALLA ZONA ISOLATA
Cronaca
Le parole pesanti come macigni della ragazza che racconta come la madre fosse da tempo vessata dal 54enne che l'ha uccisa: su di lui anche un ingiunzione per non avvicinarsi alla donna. "Non parlo per me, io una madre non l’ho più, ma per gli altri. Non voglio che qualcuno perda i propri cari perché nessuno è stato capace di proteggere chi è vittima di minacce"