Cronaca
Cosa vuoi di più dalla vita? Un Lugano! Primi treni di Alptransit, nuova stazione e nuova funicolare (ribattezzata Sassellina). E in Città è festa grande. Ecco la gallery con le immagini più belle della giornata
In Città è andata in scena una grande festa del trasporto pubblico. Presenti, come si conviene in queste occasioni, le autorità cantonali e comunali e il CEO delle FFS Andreas Mayer. Ma soprattutto tantissima gente che ha partecipato con entusiasmo ai festeggiamenti
© Keystone / Ti-Press / Pablo Gianinazzi
LUGANO - Giornata di grandi festeggiamenti a Lugano. Con diversi motivi per brindare. Dai primi treni passeggeri e merci giunti in riva al Ceresio grazie alla nuova galleria dell'Alptranist, passando per l'inaugurazione della nuova stazione, fino alla riapertura di uno dei simboli della Città: la funicolare. 
 
 
Funicolare che da oggi si chiamerà "Sassellina", nome scelto dopo un concorso di idee indetto dalle TPL. Insomma, è stata una grande festa del trasporto pubblico. Presenti, come si conviene in queste occasioni, le autorità cantonali e comunali e il CEO delle FFS Andreas Mayer. Ma soprattutto tantissima gente che ha partecipato con entusiasmo ai festeggiamenti. 
 
 
Nella gallery qui sotto le foto realizzate dell'agenzia Ti Press, con alcuni dei momenti più significativi della giornata.


Pubblicato il 11.12.2016 13:25

Guarda anche
Cronaca
Sul posto sono intervenuti agenti della Polizia cantonale, gli uomini del SAS, i soccorritori del Salva e della Rega che non hanno potuto far altro che constatare la morte dei due canyonisti. Per prestare sostegno psicologico agli altri membri del gruppo è stato richiesto l'intervento del Care Team Ticino
Cronaca
Il direttore de 'La Croce Quotidiano' se la prende con il candidato alle presidenziali francesi e con i vegani: "Si chiedono se si può mettere o no il topicida, una roba totalmente folle. Se cominciamo a nutrire i sorci abbiamo ucciso l’umanità”
Cronaca
La somiglianza tra il killer serbo, l’uomo più ricercato in Italia, che da settimane riesce a sfuggire all’imponente caccia all’uomo messa in campo da polizia, carabinieri ed esercito, e il bandito di Stabio, è vaga. Ma ‘Chi l’ha visto?’ ha giocato la carta…
Cronaca
La Procura scrive di aver "preso atto con preoccupazione di quanto stanno riferendo al riguardo i media. Essi sono naturalmente liberi di pubblicare quel che desiderano, ma pare opportuno precisare all'opinione pubblica che esistono dei precisi vincoli legati al segreto istruttorio, e che inoltre certe disordinate notizie possono ledere l'inchiesta in corso"