Cronaca
Cosa vuoi di più dalla vita? Un Lugano! Primi treni di Alptransit, nuova stazione e nuova funicolare (ribattezzata Sassellina). E in Città è festa grande. Ecco la gallery con le immagini più belle della giornata
In Città è andata in scena una grande festa del trasporto pubblico. Presenti, come si conviene in queste occasioni, le autorità cantonali e comunali e il CEO delle FFS Andreas Mayer. Ma soprattutto tantissima gente che ha partecipato con entusiasmo ai festeggiamenti
© Keystone / Ti-Press / Pablo Gianinazzi
LUGANO - Giornata di grandi festeggiamenti a Lugano. Con diversi motivi per brindare. Dai primi treni passeggeri e merci giunti in riva al Ceresio grazie alla nuova galleria dell'Alptranist, passando per l'inaugurazione della nuova stazione, fino alla riapertura di uno dei simboli della Città: la funicolare. 
 
 
Funicolare che da oggi si chiamerà "Sassellina", nome scelto dopo un concorso di idee indetto dalle TPL. Insomma, è stata una grande festa del trasporto pubblico. Presenti, come si conviene in queste occasioni, le autorità cantonali e comunali e il CEO delle FFS Andreas Mayer. Ma soprattutto tantissima gente che ha partecipato con entusiasmo ai festeggiamenti. 
 
 
Nella gallery qui sotto le foto realizzate dell'agenzia Ti Press, con alcuni dei momenti più significativi della giornata.


Pubblicato il 11.12.2016 13:25

Guarda anche
Cronaca
Nel filmato, girato domenica e postato online, si vede una rissa tra i calciatori. Il caso sul tavolo della Federazione. Il presidente Biancardi: "Abbiamo chiesto all'arbitro di redigere un rapporto su questo evento". GUARDA IL VIDEO
Cronaca
Scott Rosenberg rompe il muro di ipocrisia di Hollywood sullo scandalo sessuale. Ecco la traduzione integrale del suo post: "Per me, se il comportamento di Harvey è la cosa più disgustosa che uno possa immaginare, al secondo posto (di poco) c’è l’attuale ondata di condanne"
Cronaca
Scoppiettante intervista con l'esperta: "Le denunce dello scandalo vanno valutate caso per caso. Se non c'è coazione non si può parlare di stupro. Non penso che nessuno sia caduto dalle nuvole sentendo la storia di un produttore cinematografico che ha goduto di vantaggi sessuali da parte di alcune attrici che ha fatto lavorare”
Cronaca
Intanto la RSI ha contattato il Ministero pubblico, che "nega di aver già ricevuto il dossier preparato dal Cantone e smentisce che si riapra l’inchiesta sulla credibilità del testimone". La RSI ha pure contattato Morini: ci ha confermato di “ricevere 250 euro al mese d’invalidità” e che questa prestazione “era nota a tutti. Non pensavo dovesse dichiarare un simile importo”