Cronaca
Strage di Berlino, il camion era di un'impresa di trasporti polacca. Uno degli attentatori era cugino del titolare. Gli aveva chiesto un Tir perché voleva trascorrere il Natale in Germania. Angela Merkel: "Il Paese è in lutto". I media internazionali parlano di una rivendicazione da parte dell'ISIS. Le foto e i video amatoriali dell'attentato Video
Il camion è arrivato a folle velocità e ha percorso almeno 80 metri travolgendo tutto quello che si è trovato davanti, persone, bancarelle, alberi di Natale
BERLINO - Il camion che questa sera verso le 20 si è lancato a tutta velocità sulla folla provocando una strage al mercatino natalizio nel quartiere di Charlotteburg, provocando 9 morti e almeno 50 feriti, appartiene a un'impresa di trasporti polacca. Il titolare avrebbe dichiarato ai media tedeschi di aver affidato il Tir a suo cugino che voleva trascorrere il Natale in Germania. Ma un'altra versione sostiene che il Tir sarebbe stato rubato, oggi attorno alle 16. Il camion è arrivato a folle velocità e ha percorso almeno 80 metri travolgendo tutto quello che si è trovato davanti, persone, bancarelle, alberi di Natale.



La cancelliera Angela Merkel ha dichiarato: "Sono sgomenta. La Germania è in lutto".

La polizia ha ucciso uno degli attentatori e ha arrestato il secondo. I media internazionali parlano di una rivendicazione da parte dell'ISIS.

Pubblicato il 19.12.2016 22:22

Guarda anche
Cronaca
Sul posto sono intervenuti agenti della Polizia cantonale, gli uomini del SAS, i soccorritori del Salva e della Rega che non hanno potuto far altro che constatare la morte dei due canyonisti. Per prestare sostegno psicologico agli altri membri del gruppo è stato richiesto l'intervento del Care Team Ticino
Cronaca
Il direttore de 'La Croce Quotidiano' se la prende con il candidato alle presidenziali francesi e con i vegani: "Si chiedono se si può mettere o no il topicida, una roba totalmente folle. Se cominciamo a nutrire i sorci abbiamo ucciso l’umanità”
Cronaca
La somiglianza tra il killer serbo, l’uomo più ricercato in Italia, che da settimane riesce a sfuggire all’imponente caccia all’uomo messa in campo da polizia, carabinieri ed esercito, e il bandito di Stabio, è vaga. Ma ‘Chi l’ha visto?’ ha giocato la carta…
Cronaca
La Procura scrive di aver "preso atto con preoccupazione di quanto stanno riferendo al riguardo i media. Essi sono naturalmente liberi di pubblicare quel che desiderano, ma pare opportuno precisare all'opinione pubblica che esistono dei precisi vincoli legati al segreto istruttorio, e che inoltre certe disordinate notizie possono ledere l'inchiesta in corso"