Cronaca
Strage di Berlino, il camion era di un'impresa di trasporti polacca. Uno degli attentatori era cugino del titolare. Gli aveva chiesto un Tir perché voleva trascorrere il Natale in Germania. Angela Merkel: "Il Paese è in lutto". I media internazionali parlano di una rivendicazione da parte dell'ISIS. Le foto e i video amatoriali dell'attentato Video
Il camion è arrivato a folle velocità e ha percorso almeno 80 metri travolgendo tutto quello che si è trovato davanti, persone, bancarelle, alberi di Natale
BERLINO - Il camion che questa sera verso le 20 si è lancato a tutta velocità sulla folla provocando una strage al mercatino natalizio nel quartiere di Charlotteburg, provocando 9 morti e almeno 50 feriti, appartiene a un'impresa di trasporti polacca. Il titolare avrebbe dichiarato ai media tedeschi di aver affidato il Tir a suo cugino che voleva trascorrere il Natale in Germania. Ma un'altra versione sostiene che il Tir sarebbe stato rubato, oggi attorno alle 16. Il camion è arrivato a folle velocità e ha percorso almeno 80 metri travolgendo tutto quello che si è trovato davanti, persone, bancarelle, alberi di Natale.



La cancelliera Angela Merkel ha dichiarato: "Sono sgomenta. La Germania è in lutto".

La polizia ha ucciso uno degli attentatori e ha arrestato il secondo. I media internazionali parlano di una rivendicazione da parte dell'ISIS.

Pubblicato il 19.12.2016 22:22

Guarda anche
Cronaca
Nel filmato, girato domenica e postato online, si vede una rissa tra i calciatori. Il caso sul tavolo della Federazione. Il presidente Biancardi: "Abbiamo chiesto all'arbitro di redigere un rapporto su questo evento". GUARDA IL VIDEO
Cronaca
Scott Rosenberg rompe il muro di ipocrisia di Hollywood sullo scandalo sessuale. Ecco la traduzione integrale del suo post: "Per me, se il comportamento di Harvey è la cosa più disgustosa che uno possa immaginare, al secondo posto (di poco) c’è l’attuale ondata di condanne"
Cronaca
Scoppiettante intervista con l'esperta: "Le denunce dello scandalo vanno valutate caso per caso. Se non c'è coazione non si può parlare di stupro. Non penso che nessuno sia caduto dalle nuvole sentendo la storia di un produttore cinematografico che ha goduto di vantaggi sessuali da parte di alcune attrici che ha fatto lavorare”
Cronaca
Intanto la RSI ha contattato il Ministero pubblico, che "nega di aver già ricevuto il dossier preparato dal Cantone e smentisce che si riapra l’inchiesta sulla credibilità del testimone". La RSI ha pure contattato Morini: ci ha confermato di “ricevere 250 euro al mese d’invalidità” e che questa prestazione “era nota a tutti. Non pensavo dovesse dichiarare un simile importo”