Cronaca
L'Isis rivendica l'attentato di Capodanno a Istanbul. Il killer che ha ucciso 39 persone viene definito "un eroico soldato del Califfato". La polizia ha diffuso la foto del giovane, che sarebbe originario dell'Asia centrale Video
Secondo i media turchi 'attentatore sarebbe legato alla cellula che in giugno colpì l'aeroporto Ataturk, causando 47 morti. VIDEO
ISTANBUL - L'Isis ha rivendicato l'attentato di Capodanno a Istanbul. L'attentatore – che ha aperto il fuoco nella discoteca Reina uccidendo 39 persone viene descritto come "un eroico soldato del Califfato", che ha colpito "il più famoso nightclub dove i cristiani stavano celebrando la loro festa apostatica". Nel comunicato di rivendicazione la Turchia viene definita "serva dei crociati".

Che l'attacco fosse legato all'Isis era già stato confermato dalle indagini degli inquirenti turchi, che hanno identificato il killer, un giovane che parlava arabo ma dovrebbe essere originario dell'Asia centrale, Kirghizistan o Uzbekistan, del quale è stata diffusa la foto.

Secondo i media turchi, sarebbe legato alla cellula che in giugno colpì l'aeroporto Ataturk, causando 47 morti.



Pubblicato il 02.01.2017 10:15

Guarda anche
Cronaca
Sul posto sono intervenuti agenti della Polizia cantonale, gli uomini del SAS, i soccorritori del Salva e della Rega che non hanno potuto far altro che constatare la morte dei due canyonisti. Per prestare sostegno psicologico agli altri membri del gruppo è stato richiesto l'intervento del Care Team Ticino
Cronaca
Il direttore de 'La Croce Quotidiano' se la prende con il candidato alle presidenziali francesi e con i vegani: "Si chiedono se si può mettere o no il topicida, una roba totalmente folle. Se cominciamo a nutrire i sorci abbiamo ucciso l’umanità”
Cronaca
La somiglianza tra il killer serbo, l’uomo più ricercato in Italia, che da settimane riesce a sfuggire all’imponente caccia all’uomo messa in campo da polizia, carabinieri ed esercito, e il bandito di Stabio, è vaga. Ma ‘Chi l’ha visto?’ ha giocato la carta…
Cronaca
La Procura scrive di aver "preso atto con preoccupazione di quanto stanno riferendo al riguardo i media. Essi sono naturalmente liberi di pubblicare quel che desiderano, ma pare opportuno precisare all'opinione pubblica che esistono dei precisi vincoli legati al segreto istruttorio, e che inoltre certe disordinate notizie possono ledere l'inchiesta in corso"