Bar Sport
Sei domande a Inti Pestoni, che è appena diventato papà... "A Zurigo sto imparando molte cose... Se fossi l'allenatore dell'Ambrì? Farei tutto il possibile per far capire alla squadra che ha il potenziale per arrivare lontano. Io tra 20 anni? Spero di lavorare ancora nel mondo dell'hockey". E ai ticinesi augura tanta felicità: "È la cosa più importante"
L'attaccante dei Lions risponde telegraficamente a sei domande sul suo presente, sul suo futuro e sulle squadre ticinesi di A
LUGANO – Che sarebbe diventato presto papà l’aveva annunciato l’estate scorsa, insieme alla sua compagna, Carolina. E nelle scorse ore è nata sua figlia. “Un saluto alla nuova arrivata”, ha scritto sul suo profilo Instagram. Poche ore prima che l’attaccante dei Lions Inti Pestoni diventasse papà lo avevamo contattato per porgli qualche domanda telegrafica per la nostra rubrica “Bar Sport”.

Durante il caffè virtuale gli abbiamo chiesto…

Come procede la tua esperienza sportiva a Zurigo?
Sta andando molto bene, sto imparando molte cose ed è quello che mi serve per crescere!

Vivi a meno di 2 ore dal Ticino ma sicuramente hai nostalgia di qualcosa. Ci puoi svelare cosa ti manca di più?
La famiglia è la cosa che mi manca di più.

Se fossi l'allenatore dell'HCAP...
Farei tutto il possibile per far capire alla squadra che ha il potenziale per arrivare lontano.

Se fossi l'allenatore dell'HCL...
Cercherei di trovare il sistema di gioco più adatto ai giocatori. Il resto arriverebbe da solo!

Inti Pestoni tra 20 anni…
Fra 20 anni spero di lavorare ancora nel mondo dell'hockey, ma di preciso non ci ho ancora pensato.

Un augurio al Ticino e ai ticinesi per il 2017
Auguri al Ticino e ai Ticinesi per un 2017 pieno di soddisfazioni e di felicità, che è la cosa più importante!

E da parte della nostra redazione un augurio a papà Inti e mamma Carolina!

Igor Nastic

Pubblicato il 09.01.2017 10:25

Guarda anche
Bar Sport
Il Cda dopo la sconfitta di ieri in gara 2: "Sugli uomini che abbiamo dobbiamo e vogliamo contare, a loro chiediamo un ulteriore sforzo individuale e collettivo per uscire con disciplina e intelligenza dalla situazione attuale. Ciascuno assuma in prima persona le proprie responsabilità"
Bar Sport
L'ANALISI - Prima le manganellate mediatiche dell'allenatore contro la squadra e la gita in fabbrica. Oggi il presidente che demolisce il coach per la gestione dell'ultima settimana. E si parla di una possibile rottura imminente. C'è da augurarsi per la squadra e i suoi tifosi che la notte porti consiglio ai protagonisti