Bar Sport
Sei domande a Inti Pestoni, che è appena diventato papà... "A Zurigo sto imparando molte cose... Se fossi l'allenatore dell'Ambrì? Farei tutto il possibile per far capire alla squadra che ha il potenziale per arrivare lontano. Io tra 20 anni? Spero di lavorare ancora nel mondo dell'hockey". E ai ticinesi augura tanta felicità: "È la cosa più importante"
L'attaccante dei Lions risponde telegraficamente a sei domande sul suo presente, sul suo futuro e sulle squadre ticinesi di A
LUGANO – Che sarebbe diventato presto papà l’aveva annunciato l’estate scorsa, insieme alla sua compagna, Carolina. E nelle scorse ore è nata sua figlia. “Un saluto alla nuova arrivata”, ha scritto sul suo profilo Instagram. Poche ore prima che l’attaccante dei Lions Inti Pestoni diventasse papà lo avevamo contattato per porgli qualche domanda telegrafica per la nostra rubrica “Bar Sport”.

Durante il caffè virtuale gli abbiamo chiesto…

Come procede la tua esperienza sportiva a Zurigo?
Sta andando molto bene, sto imparando molte cose ed è quello che mi serve per crescere!

Vivi a meno di 2 ore dal Ticino ma sicuramente hai nostalgia di qualcosa. Ci puoi svelare cosa ti manca di più?
La famiglia è la cosa che mi manca di più.

Se fossi l'allenatore dell'HCAP...
Farei tutto il possibile per far capire alla squadra che ha il potenziale per arrivare lontano.

Se fossi l'allenatore dell'HCL...
Cercherei di trovare il sistema di gioco più adatto ai giocatori. Il resto arriverebbe da solo!

Inti Pestoni tra 20 anni…
Fra 20 anni spero di lavorare ancora nel mondo dell'hockey, ma di preciso non ci ho ancora pensato.

Un augurio al Ticino e ai ticinesi per il 2017
Auguri al Ticino e ai Ticinesi per un 2017 pieno di soddisfazioni e di felicità, che è la cosa più importante!

E da parte della nostra redazione un augurio a papà Inti e mamma Carolina!

Igor Nastic

Pubblicato il 09.01.2017 10:25

Guarda anche
Bar Sport
Montella paga un inizio di stagione disastroso dopo un mercato che ha visto il club di via Aldo Rossi, guidato dalla nuova proprietà cinese, investire sul mercato oltre 200 milioni di Euro. In 14 partite, l’allenatore campano ha racimolato appena 20 punti: con 6 vittorie, 2 pareggi e ben 6 sconfitte (arrivate tutte con le prime squadre della classifica)
Bar Sport
La vicenda, da cronaca "green" più che "rosa", si sarebbe potuta probabilmente risolvere in modo meno formale, spiegando a voce il problema alle interessate. Perché è difficile pensare che, come auspica il finale della lettera, quel rimbrotto rimanga “senza strascichi”…
Bar Sport
Il responsabile dei direttori di gara ticinese denuncia e dettaglia la crisi del settore: "All’ultimo corso per arbitri se ne sono iscritti 19. Quelli che hanno concluso positivamente il programma non erano più di 7….Spesso ci troviamo a dovere accettare situazioni improponibili con la necessità di richiedere agli arbitri di dirigere 2 o 3 partite in un fine settimana"
Bar Sport
L'ANALISI - Ora è il tempo dei processi. Si faranno tanti discorsi, conditi da luccicanti buoni propositi da vendere all’opinione pubblica, ma alla fine cambierà poco o nulla. Per fare la rivoluzione servono i rivoluzionari o i soldi: l’Italia non ha né l'una e né l'altra cosa. Quel poco che si può fare però va fatto
  • Le più lette