Cronaca
Dai colloqui sul futuro di Cipro alla visita del presidente cinese Xi Jinping. E poi il forum di Davos. Quanti impegni internazionali per la polizia cantonale
Si preannunciano due settimane di intensa attività per la Polizia Cantonale che collaborerà per garantire la sicurezza di importanti eventi di respiro internazionale
BELLINZONA - Si preannunciano due settimane di intensa attività per la Polizia Cantonale che collaborerà per garantire la sicurezza di importanti eventi di respiro internazionale.

A cominciare dai colloqui sul futuro di Cipro e altri eventi previsti in questi giorni a Ginevra. In quest'ambito la Polizia cantonale fornirà una quarantina di agenti, su richiesta delle autorità cantonali ginevrine, per garantirne la sicurezza.

Si passerà poi, sempre con una quarantina di agenti, ad appoggiare il dispositivo di sicurezza previsto nell'ambito della visita di Stato in Svizzera del presidente cinese Xi Jinping. Presidente che sarà accolto nel nostro paese il 15 gennaio quando si terranno i discorsi ufficiali e una cena di gala, mentre il giorno successivo sono in programma diversi colloqui. Al centro delle discussioni vi saranno commercio e finanza globale, protezione del clima e situazione in Medio Oriente.

Oltre a questi due impieghi, i l tradizionale appuntamento con il World Economic Forum (WEF) di Davos che, dal 17 al 20 gennaio, vedrà una sessantina di agenti del Corpo e un agente della Polizia comunale Ceresio Nord impiegati per la sicurezza dell'importante avvenimento mondiale. Nei prossimi giorni, gli agenti ticinesi saranno infatti stazionati nella cittadina grigionese garantendo attività di protezione a persone e strutture in collaborazione con le locali forze di sicurezza. Fra le varie missioni, i nostri agenti saranno in particolare chiamati a garantire la protezione dell'eliporto di Davos, la protezione di edifici sensibili e la scorta ravvicinata delle numerose personalità presenti.

Pubblicato il 11.01.2017 10:39

Guarda anche
Cronaca
Il giovane keniota che mercoledì scorso ha provocato il frontale con un camion nella galleria del San Gottardo era probabilmente un passatore. Il 22enne è morto in seguito all’incidente, come il camionista di 78 anni che stava trasportando verso il Ticino un carico di finestre
Cronaca
L'ipotesi di reato al vaglio degli inquirenti è di istigazione e aiuto al suicidio legata in particolare agli aspetti finanziari di questa attività. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Andrea Minesso
Cronaca
Le persone finite in carcere sono un 41enne e una 49enne, entrambi cittadini italiani residenti nel Luganese. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Moreno Capella
  • Le più lette