Cronaca
Mendrisio, spacciavano eroina e cocaina: in manette un albanese di 19 anni e uno svizzero di 35
Blitz della polizia ieri in un appartamento del Magnifico Borgo. Durante la perquisizione sono stati sequestrati oltre 100 grammi di cocaina ed eroina. Nell'appartamento è stato trovato materiale e apparecchiature per miscelare, dosare e confezionare lo stupefacente.
MENDRISIO - Il Ministero pubblico, la Polizia cantonale e le polizie comunali di Lugano, Chiasso e Mendrisio comunicano che ieri a Mendrisio, in un appartamento, sono stati arrestati un 19enne cittadino albanese, senza statuto in Svizzera, residente all'estero e un 35enne cittadino svizzero domiciliato nel Mendrisiotto.

Dalle prime risultanze emerge come i due hanno trafficato negli scorsi mesi un ingente quantitativo di cocaina ed eroina a consumatori locali. Durante la perquisizione sono stati sequestrati oltre 100 grammi di cocaina ed eroina. Nell'appartamento è stato trovato materiale e apparecchiature per miscelare, dosare e confezionare lo stupefacente.

Dopo l'interrogatorio i due sono stati arrestati. Le ipotesi di reato nei loro confronti sono di infrazione aggravata e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti nonché di infrazione alla Legge federale sugli stranieri. L'indagine è coordinata dal Procuratore pubblico Arturo Garzoni.

Pubblicato il 11.01.2017 12:05

Guarda anche
Cronaca
Il giovane attore - in carcere per aver travolto e ucciso una donna con l'auto - racconta la sua versione dei fatti e chiede perdono. Rischia almeno cinque anni di prigione per essersi messo alla guida sotto l'effetto di stupefacenti e senza patente: "Ora sono in crisi d’astinenza, ma è giusto così, è giusto che soffra”.
Cronaca
Il Consigliere di Stato leghista, un anno dopo, ha concesso al macellaio bellinzonese una nuovo match: "Stavolta ha vinto lui meritatamente"
Cronaca
La notizia è arrivata ormai in tarda serata dopo che nel triangolo tra via Sorengo , via Basilea e Piazzale Besso si sono vissute ore di tensione. LE FOTO DALLA ZONA ISOLATA
Cronaca
Le parole pesanti come macigni della ragazza che racconta come la madre fosse da tempo vessata dal 54enne che l'ha uccisa: su di lui anche un ingiunzione per non avvicinarsi alla donna. "Non parlo per me, io una madre non l’ho più, ma per gli altri. Non voglio che qualcuno perda i propri cari perché nessuno è stato capace di proteggere chi è vittima di minacce"