Cronaca
Mendrisio, spacciavano eroina e cocaina: in manette un albanese di 19 anni e uno svizzero di 35
Blitz della polizia ieri in un appartamento del Magnifico Borgo. Durante la perquisizione sono stati sequestrati oltre 100 grammi di cocaina ed eroina. Nell'appartamento è stato trovato materiale e apparecchiature per miscelare, dosare e confezionare lo stupefacente.
MENDRISIO - Il Ministero pubblico, la Polizia cantonale e le polizie comunali di Lugano, Chiasso e Mendrisio comunicano che ieri a Mendrisio, in un appartamento, sono stati arrestati un 19enne cittadino albanese, senza statuto in Svizzera, residente all'estero e un 35enne cittadino svizzero domiciliato nel Mendrisiotto.

Dalle prime risultanze emerge come i due hanno trafficato negli scorsi mesi un ingente quantitativo di cocaina ed eroina a consumatori locali. Durante la perquisizione sono stati sequestrati oltre 100 grammi di cocaina ed eroina. Nell'appartamento è stato trovato materiale e apparecchiature per miscelare, dosare e confezionare lo stupefacente.

Dopo l'interrogatorio i due sono stati arrestati. Le ipotesi di reato nei loro confronti sono di infrazione aggravata e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti nonché di infrazione alla Legge federale sugli stranieri. L'indagine è coordinata dal Procuratore pubblico Arturo Garzoni.

Pubblicato il 11.01.2017 12:05

Guarda anche
Cronaca
Nel filmato, girato domenica e postato online, si vede una rissa tra i calciatori. Il caso sul tavolo della Federazione. Il presidente Biancardi: "Abbiamo chiesto all'arbitro di redigere un rapporto su questo evento". GUARDA IL VIDEO
Cronaca
Scott Rosenberg rompe il muro di ipocrisia di Hollywood sullo scandalo sessuale. Ecco la traduzione integrale del suo post: "Per me, se il comportamento di Harvey è la cosa più disgustosa che uno possa immaginare, al secondo posto (di poco) c’è l’attuale ondata di condanne"
Cronaca
Scoppiettante intervista con l'esperta: "Le denunce dello scandalo vanno valutate caso per caso. Se non c'è coazione non si può parlare di stupro. Non penso che nessuno sia caduto dalle nuvole sentendo la storia di un produttore cinematografico che ha goduto di vantaggi sessuali da parte di alcune attrici che ha fatto lavorare”
Cronaca
Intanto la RSI ha contattato il Ministero pubblico, che "nega di aver già ricevuto il dossier preparato dal Cantone e smentisce che si riapra l’inchiesta sulla credibilità del testimone". La RSI ha pure contattato Morini: ci ha confermato di “ricevere 250 euro al mese d’invalidità” e che questa prestazione “era nota a tutti. Non pensavo dovesse dichiarare un simile importo”