Cronaca
Il Centro di dialettologia assume un collaboratore scientifico torinese e nel Dipartimento cultura c'è maretta... Ironia della sorte, ha tenuto un seminario sul termine 'badìn'. Ma con 'Prima i nostri' almeno nella pubblica amministrazione come la mettiamo?
La segnalazione, circostanziata, ci giunge da persona nota e bene informata, che si chiede se non c'erano profili corrispondenti tra i giovani laureati ticinesi
BELLINZONA – C’è un po’ di maretta all’interno del Dipartimento cultura per l’assunzione di un collaboratore scientifico al Centro di dialettologia diretto da Franco Lurà. Ci limitiamo a registrare la segnalazione che ci giunge da persona nota e bene informata, ma che ovviamente chiede l’anonimato, la quale si domanda se era proprio necessario assumere a tempo parziale un giovane proveniente da Torino e se non ci fossero profili corrispondenti tra i neolaureati ticinesi.

Senza voler seguire assolutamente l’onda populista non possiamo trascurare il chiaro voto popolare in favore dell’iniziativa Prima i nostri e le discussioni politiche che ne sono seguite.

Il giovane in questione, di cui omettiamo il nome per sua tutela, è stato assunto lo scorso anno, non è noto se prima o dopo il voto popolare del 25 settembre, ma indipendentemente da questo, sensibilità vorrebbe che...
Non mettiamo in dubbio le sue qualifiche e le sue capacità, ma i segnali popolari vanno ascoltati. Ironia della sorte, nell’ottobre scorso il giovane collaboratore ha tenuto insieme al direttore un seminario filologico su due termini dialettali molto usati in Ticino, soprattutto il primo: ‘badìn’ e ‘maiacrauti’






Pubblicato il 11.01.2017 22:25

Guarda anche
Cronaca
Il più famoso porno attore del mondo scatenato sullo scandalo che ha travolto Hollywood: "Di Weinstein è pieno il mondo del cinema e non solo. E ora arrivano queste poverine che dicono di aver sofferto…Poverine cosa? Poverine ‘sto ca.…"
Cronaca
Il fatto è emerso soltanto oggi ma risale al 2015. Uno dei due poliziotti che dovrà presentarsi alla sbarra è già stato condannato nel 2015 per aver trasportato tre richiedenti l’asilo a Ponte Brolla dopo averli fermati alla “Notte Bianca di Locarno”
Cronaca
Lo scrittore Massimo Fini commenta con il suo stile graffiante e provocatorio lo scandalo che ha travolto Hollywood: "Si batte sempre e solo il tasto del potere di ricatto maschile sul luogo di lavoro. Che c’è, naturalmente, ma è più limitato, se non altro perché può essere esercitato solo dall’alto in basso ed è verificabile, mentre il Fi...Power è diretto a tutto campo e praticamente indimostrabile"
Cronaca
In tutto il Mendrisiotto sono stati registrati importanti superamenti del limite stabilito dall’Ordinanza contro l’inquinamento atmosferico (OIAt) per la media giornaliera delle polveri fini (PM10). Nella giornata di ieri sono stati raggiunti i 97 μg/m3 a Chiasso e 113 μg/m3 a Mendrisio