Cronaca
Le fantastiche immagini mozzafiato del 'bel Danubio blu' ricoperto dal ghiaccio. Un video girato con un drone mostra il secondo fiume più lungo d'Europa stretto nella morsa del gelo
Le autorità fluviali hanno vietato il traffico sul fiume e le navi in transito dovranno ormeggiare nel porto più vicino, perché il ghiaccio galleggiante crea seri rischi per la navigazione
BUDAPEST - Le gelide temperature dei giorni scorsi, che a Budapest, in Ungheria, hanno fatto scendere il termometro fino a meno 18 gradi, hanno ghiacciato il ‘bel Danubio blu’, che con suoi quasi 2'900 chilometri è il secondo fiume più lungo d’Europa.

Le autorità fluviali hanno vietato il traffico sul fiume e le navi in transito dovranno ormeggiare nel porto più vicino, perché il ghiaccio galleggiante crea seri rischi per la navigazione. A Vidin la copertura ghiacciata del Danubio ha superato l’80 per cento e nei prossimi giorni la situazione potrebbe peggiorare. Ma al di là dei disagi, le immagini realizzate con un drone dall’agenzia FlyingEyes Media sono davvero fantastiche!



Pubblicato il 13.01.2017 12:12

Guarda anche
Cronaca
Sul posto sono intervenuti agenti della Polizia cantonale, gli uomini del SAS, i soccorritori del Salva e della Rega che non hanno potuto far altro che constatare la morte dei due canyonisti. Per prestare sostegno psicologico agli altri membri del gruppo è stato richiesto l'intervento del Care Team Ticino
Cronaca
Il direttore de 'La Croce Quotidiano' se la prende con il candidato alle presidenziali francesi e con i vegani: "Si chiedono se si può mettere o no il topicida, una roba totalmente folle. Se cominciamo a nutrire i sorci abbiamo ucciso l’umanità”
Cronaca
La somiglianza tra il killer serbo, l’uomo più ricercato in Italia, che da settimane riesce a sfuggire all’imponente caccia all’uomo messa in campo da polizia, carabinieri ed esercito, e il bandito di Stabio, è vaga. Ma ‘Chi l’ha visto?’ ha giocato la carta…
Cronaca
La Procura scrive di aver "preso atto con preoccupazione di quanto stanno riferendo al riguardo i media. Essi sono naturalmente liberi di pubblicare quel che desiderano, ma pare opportuno precisare all'opinione pubblica che esistono dei precisi vincoli legati al segreto istruttorio, e che inoltre certe disordinate notizie possono ledere l'inchiesta in corso"