Cronaca
Le fantastiche immagini mozzafiato del 'bel Danubio blu' ricoperto dal ghiaccio. Un video girato con un drone mostra il secondo fiume più lungo d'Europa stretto nella morsa del gelo
Le autorità fluviali hanno vietato il traffico sul fiume e le navi in transito dovranno ormeggiare nel porto più vicino, perché il ghiaccio galleggiante crea seri rischi per la navigazione
BUDAPEST - Le gelide temperature dei giorni scorsi, che a Budapest, in Ungheria, hanno fatto scendere il termometro fino a meno 18 gradi, hanno ghiacciato il ‘bel Danubio blu’, che con suoi quasi 2'900 chilometri è il secondo fiume più lungo d’Europa.

Le autorità fluviali hanno vietato il traffico sul fiume e le navi in transito dovranno ormeggiare nel porto più vicino, perché il ghiaccio galleggiante crea seri rischi per la navigazione. A Vidin la copertura ghiacciata del Danubio ha superato l’80 per cento e nei prossimi giorni la situazione potrebbe peggiorare. Ma al di là dei disagi, le immagini realizzate con un drone dall’agenzia FlyingEyes Media sono davvero fantastiche!



Pubblicato il 13.01.2017 12:12

Guarda anche
Cronaca
Una notizia che ha spiazzato tutti, comunicata dallo stesso Croci durante il tradizionale incontro natalizio tra il Municipio di Mendrisio e la popolazione al Mercato coperto. A inizio gennaio una conferenza stampa in cui il sindaco esporrà le motivazioni che lo hanno spinto a prendere questa decisione
Cronaca
Il giovane keniota che mercoledì scorso ha provocato il frontale con un camion nella galleria del San Gottardo era probabilmente un passatore. Il 22enne è morto in seguito all’incidente, come il camionista di 78 anni che stava trasportando verso il Ticino un carico di finestre
Cronaca
L'ipotesi di reato al vaglio degli inquirenti è di istigazione e aiuto al suicidio legata in particolare agli aspetti finanziari di questa attività. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Andrea Minesso
Cronaca
Le persone finite in carcere sono un 41enne e una 49enne, entrambi cittadini italiani residenti nel Luganese. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Moreno Capella