Politica e Potere
"Domani in Gran Consiglio ci vado così". Paolo Pamini anticipa il suo look e provoca il PLR: "Per non sbagliare boccerò il Preventivo vestito bene"
Il deputato di Arealiberale domani sfoggerà il tight per il dibattito bis sul preventivo: "Ma lo farò indossando una cravatta rossa, per mostrare la mia vicinanza e sostegno alle compagne e ai compagni di sinistra, che tradizionalmente si vestono male (va detto che anche a qualche leghista e pipidino piacciono polo e pullovers in aula)..."
di Paolo Pamini*

 

Il "morning dress" (che siamo soliti chiamare "tight") è l'abito cerimoniale diurno più elegante che conosciamo nella tradizione occidentale. Domani pertanto farò uno sciopero dello zelo dando seguito alle richieste di maggior rispetto verso le istituzioni.

 

Ma lo farò indossando una cravatta rossa, per mostrare la mia vicinanza e sostegno alle compagne e ai compagni di sinistra, che tradizionalmente si vestono male (va detto che anche a qualche leghista e pipidino piacciono polo e pullovers in aula). Compagne e compagni la cui campagna comunicativa delle mutande (pulite) al vento sembra peraltro scandalizzare alcuni.

 

Quindi dico: Je suis un gauchard bien habillé.

 

Sia ben chiaro: naturalmente siamo su posizioni politiche radicalmente diverse e ritengo che il loro statalismo sia uno dei maggiori problemi di questo Cantone, ma la libertà di comunicazione è irrinunciabile nel nostro sano confronto democratico.

 

E mi chiedo: la decisione di continuare a strizzare i contribuenti ticinesi e far aumentare la spesa pubblica è forse migliore se presa in giacca e cravatta anziché in pullover? Per non sbagliare, io domani boccerò il Preventivo 2017 vestito bene.

 

*deputato Arealiberale



Pubblicato il 22.01.2017 17:07

Guarda anche
Politica e Potere
Farinelli: "Tutto quello che ho fatto come presidente della Sottocommissione di vigilanza l’ho fatto in buona fede e ho la coscienza tranquilla. Noi abbiamo un verbale reso dal signor Scheurer di fronte a 6 deputati, e registrato, che dimostra in modo inequivocabile tutta una serie di circostanze"
Politica e Potere
Ricapitoliamo la vicenda del mandato all’agenzia di sicurezza Argo 1, finita nei mesi scorsi nella bufera giudiziaria che ha fatto emergere le irregolarità amministrative. È un esercizio di memoria fondamentale per capire gli ultimi sviluppi del caso. Le domande sono ovvie: per quale motivo Scheurer ha cambiato versione? E qual è la verità?
Politica e Potere
Il direttore dell’Ufficio del sostegno sociale aveva dichiarato di essere stato consapevole fin dal 2015 – come l’allora direttore della Divisione dell’azione sociale, Blotti – della mancanza di una risoluzione governativa che legittimasse l’incarico alla Argo 1
Politica e Potere
Il Consigliere Nazionale leghista: "Sarà il primo passo per introdurre mobility pricing, road pricing e altre analoghe boiate per mungere ulteriormente gli automobilisti"