Politica e Potere
"Domani in Gran Consiglio ci vado così". Paolo Pamini anticipa il suo look e provoca il PLR: "Per non sbagliare boccerò il Preventivo vestito bene"
Il deputato di Arealiberale domani sfoggerà il tight per il dibattito bis sul preventivo: "Ma lo farò indossando una cravatta rossa, per mostrare la mia vicinanza e sostegno alle compagne e ai compagni di sinistra, che tradizionalmente si vestono male (va detto che anche a qualche leghista e pipidino piacciono polo e pullovers in aula)..."
di Paolo Pamini*

 

Il "morning dress" (che siamo soliti chiamare "tight") è l'abito cerimoniale diurno più elegante che conosciamo nella tradizione occidentale. Domani pertanto farò uno sciopero dello zelo dando seguito alle richieste di maggior rispetto verso le istituzioni.

 

Ma lo farò indossando una cravatta rossa, per mostrare la mia vicinanza e sostegno alle compagne e ai compagni di sinistra, che tradizionalmente si vestono male (va detto che anche a qualche leghista e pipidino piacciono polo e pullovers in aula). Compagne e compagni la cui campagna comunicativa delle mutande (pulite) al vento sembra peraltro scandalizzare alcuni.

 

Quindi dico: Je suis un gauchard bien habillé.

 

Sia ben chiaro: naturalmente siamo su posizioni politiche radicalmente diverse e ritengo che il loro statalismo sia uno dei maggiori problemi di questo Cantone, ma la libertà di comunicazione è irrinunciabile nel nostro sano confronto democratico.

 

E mi chiedo: la decisione di continuare a strizzare i contribuenti ticinesi e far aumentare la spesa pubblica è forse migliore se presa in giacca e cravatta anziché in pullover? Per non sbagliare, io domani boccerò il Preventivo 2017 vestito bene.

 

*deputato Arealiberale



Pubblicato il 22.01.2017 17:07

Guarda anche
Politica e Potere
Il direttore del DECS, rispondendo a un'interpellanza in Parlamento, è tornato sulla polemica scoppiata dopo la votazione sulla Civica: "Sono due gli insegnanti sotto inchiesta. Il Governo deciderà presto quali provvedimenti adottare"
Politica e Potere
Il direttore di Ticino Turismo: "Vogliamo aprirci o chiuderci all’altro? Vogliamo davvero che i visitatori aumentino? Se sì, siamo disposti ad accoglierli senza storcere il naso? Se riusciremo a riaffermare valori come l’identità turistica e la cultura dell’accoglienza, allora davvero avremo vinto la partita"
Politica e Potere
Due le tesi che si sono confrontate in Parlamento. Da una parte, i sostenitori della mozione del presidente del PPD (alla fine la spunteranno con 47 sì, 25 no e 3 astenuti), che chiedevano un giro di vite in nome della tranquillità degli altri fruitori della montagna e della protezione della fauna e della flora. Dall’altra i contrari, Lega, UDC, e Consiglio di Stato, che sostenevano come la problematica fosse talmente circoscritta da non rendere necessarie ulteriori misure, anche per non generare nuovi costi. La cronaca del dibattito
Politica e Potere
Il Parlamento, dopo averlo bocciato per anni, ha deciso di impedire ai suoi membri di sedere nei Consigli d'Amministrazione delle aziende di proprietà del Cantone. Decisivi per approvare la proposta i voti di PS, PPD, Verdi e La Destra. Contrarti il PLR e la maggioranza del gruppo della Lega. Risultato finale: 43 favorevoli, 35 contrari e 3 astenuti