Pane e vino
Tra vino, fornelli e coltelli... La passione di Mirko Rainer, patron dell’Atenaeo di Mendrisio, che nella sua fucina crea lame pregiate, da caccia e da cucina, che piacciono pure a due grandi chef come Philippe Léveillé e Carlo Cracco. E per i collezionisti ci sono anche impugnature di zanne di mammut!
Probabilmente pochi sanno che Mirko Rainer, dal 2012 patron del ristorante Atenaeo del Vino di Mendrisio, non è solo un provetto sommelier ma anche un artigiano delle lame: “Quella per i coltelli è una passione che risale alla mia gioventù, trascorsa nei boschi e sulle montagne dell’Alto Adige”
MENDRISIO - Tre passioni che si intrecciano e che scandiscono la sua vita quotidiana: il vino, la cucina e… i coltelli. Probabilmente pochi sanno che Mirko Rainer, dal 2012 patron del ristorante enoteca Atenaeo del Vino di Mendrisio, non è soltanto un provetto sommelier ma anche un artigiano delle lame.

“Quella per i coltelli - racconta - è una passione che risale alla mia gioventù, trascorsa nei boschi e sulle montagne dell’Alto Adige”.

Rainer è infatti originario di San Candido, un villaggio al confine con l’Austria, ed è cresciuto in quella cultura alpina dominata dal bilinguismo - più tedesco che italiano -, intrisa di prodotti del territorio, di artigianato, di antiche tradizioni, e di caccia, disciplina che ha appreso da suo nonno, che faceva il guardiacaccia.

“Per noi ragazzi, allora, il coltello equivaleva a quello che potrebbe essere un game boy per gli adolescenti di oggi…”, racconta.

È nata così, tra i boschi altoatesini, la passione di Rainer per i coltelli da caccia, che da una quindicina d’anni fabbrica artigianalmente nel suo piccolo laboratorio di Rancate. Forgia le lame, le affila, le lucida e costruisce oggetti pregiati, unendo l’acciaio a diversi materiali. Le impugnature sono di legno, di corni di cervo, daino, muflone, renna, camoscio, alce o antilope siberiana, di denti di facocero, e, addirittura, di zanne di mammut, che fa arrivare dagli Stati Uniti, dove i reperti fossili abbondano, con tanto di certificati internazionali che garantiscono qualità e provenienza. I coltelli più pregiati diventano così dei veri e propri oggetti da collezione.

Si tratta di un’attività che il patron dell’Atenaeo svolge nel tempo libero, spesso in mattinata, dopo aver fatto provviste per il suo ristorante. La produzione è dunque limitatissima: in media uno o due pezzi al mese. Pezzi unici, s’intende.

Rainer ha insomma sviluppato questa attività accessoria in parallelo con la sua professione di ristoratore, creando pure una linea di coltelli da tavola e da cucina, utilizzati anche da due grandi chef: Philippe Léveillé e
Carlo Cracco.

“In questo caso – racconta Rainer – ho sviluppato il disegno e la struttura dei coltelli, ma le lame vengono forgiate e tagliate da un’azienda artigianale italiana. Mentre i manici, realizzati con legni pregiati della regione alpina e appenninica – come l’ulivo toscano seccato all’aria aperta -, vengono lavorati e finiti da artigiani del Mendrisiotto”.

I coltelli di Mirko Rainer si possono acquistare online sul sito www.rainer.design Sua moglie, Arianna, si occupa invece della commercializzazione dei prodotti, della gestione dei clienti e della promozione sul web.

emmebi


Pubblicato il 01.02.2017 11:03

Guarda anche
Pane e vino
Dagli scampi ai gamberoni (saltati con il pepe della Vallemaggia), fino al prelibato astice alla griglia con padellata di asparagi. Oppure, sempre l’astice nelle versioni linguine o risotto, con aggiunta di vongole a scampi
Pane e vino
Sarà PostMail a gestire la distribuzione con consegne in 259 Comuni! Un deciso passo avanti nella promozione dei prodotti del territorio, che arricchisce ancor più di significato le celebrazioni per l’80esimo della Federazione Ortofrutticola Ticinese
Pane e vino
Dal 25 aprile al 5 maggio la manifestazione organizzata da Ticino a Tavola e Rapelli. I cuochi cucineranno la salsiccia ticinese classica e le salsicce con alcuni dei sapori più tipici del nostro territorio: da quella con il Pepe della Valle Maggia a quella alle erbe ticinesi o al peperoncino ticinese
Pane e vino
E il giovedì, il venerdì e il sabato, a partire dalle 18 e fino all’una di notte, spiega il promotore della rinascita, Francesco Iadonisi, il locale diventa “Hangar”. “L’idea è proporlo come un luogo di incontro per la gente del Malcantone. L’obiettivo è ‘svecchiare’ portando novità e anche un po’ di giovani