Cronaca
Un video istruttivo per coloro che hanno pensato di organizzare una festa di carnevale con tema 'narcos' e Pablo Escobar. Ecco cosa è successo in una cittadina messicana: scontri tra bande rivali con mitragliatrici. Oltre ai banditi, è morta una donna incinta
Il video, girato nei giorni scorsi, mostra un pick up con a bordo una mitragliatrice pesante che apre il fuoco su una vettura e un secondo veicolo che lo segue, con paratie blindate e uomini armati che sparano.
VILLA JUAREZ - Un video istruttivo per coloro che al carnevale di Bellinzona hanno pensato di organizzare una festa in tema ‘narcos’ e Pablo Escobar. Il video, girato nei giorni scorsi, mostra un pick up con a bordo una mitragliatrice pesante che apre il fuoco su una vettura e un secondo veicolo che lo segue, con paratie blindate e uomini armati che sparano. Una sparatoria prolungata, caroselli di mezzi, persone sdraiate a terra.



L’episodio è avvenuto a Villa Juarez, cittadina nello stato messicano di Sinaloa, dove due gruppi di narcos si sono affrontati in campo aperto. Il bilancio è di 4 banditi morti e di una donna incinta falciata da un proiettile vagante.



Pubblicato il 09.02.2017 16:11

Guarda anche
Cronaca
Sul posto sono intervenuti agenti della Polizia cantonale, gli uomini del SAS, i soccorritori del Salva e della Rega che non hanno potuto far altro che constatare la morte dei due canyonisti. Per prestare sostegno psicologico agli altri membri del gruppo è stato richiesto l'intervento del Care Team Ticino
Cronaca
Il direttore de 'La Croce Quotidiano' se la prende con il candidato alle presidenziali francesi e con i vegani: "Si chiedono se si può mettere o no il topicida, una roba totalmente folle. Se cominciamo a nutrire i sorci abbiamo ucciso l’umanità”
Cronaca
La somiglianza tra il killer serbo, l’uomo più ricercato in Italia, che da settimane riesce a sfuggire all’imponente caccia all’uomo messa in campo da polizia, carabinieri ed esercito, e il bandito di Stabio, è vaga. Ma ‘Chi l’ha visto?’ ha giocato la carta…
Cronaca
La Procura scrive di aver "preso atto con preoccupazione di quanto stanno riferendo al riguardo i media. Essi sono naturalmente liberi di pubblicare quel che desiderano, ma pare opportuno precisare all'opinione pubblica che esistono dei precisi vincoli legati al segreto istruttorio, e che inoltre certe disordinate notizie possono ledere l'inchiesta in corso"