Politica e Potere
"Sono un cretino: chiedo scusa con le lacrime agli occhi". Il candidato leghista al CC di Bellinzona Luciano Milani prende posizione dopo il post razzista
Il leghista bellinzonese su Facebook si scusa con tutti: "Odio il nazismo: Hitler uomo di merda. Il mio errore è molto grave ma la mia colpa non va estesa ad altri"
BELLINZONA - Luciani Milani chiede scusa a tutti. Il candidato della Lega al Consiglio Comunale di Bellinzona, finito al centro di una bufera politica per un post razzista condiviso sui social (vedi foto in fondo all'articolo, ha inviato alle redazioni nel tardo pomeriggio di lunedì una lettera di scuse. Di seguito ve la riproponiamo per esteso: 

"Care amiche e amici, 
 
mi vergogno. 
 
Mi dispiace e chiedo scusa  con le lacrime agli occhi per aver condiviso un fotomontaggio vergognoso che non rispetta il mio credo. Me lo avevano girato assieme ad altri e come un cretino ho condiviso tutto, compresa questa merda raffigurante un uomo di merda (Hitler).  
 
Ho lavorato per la comunità per più di 25 anni sempre spinto dalla voglia di salvare vite. Una voglia che ha sempre dato senso alla mia di vita.  Dapprima come pompiere, poi samaritano e poi Sergente dei Pompieri di Bellinzona. Sono stato uno dei primi ad entrare nella Galleria del Gottardo quando 
capitò il grave incidente.  
 
Ora a causa di questa condivisione ho rovinato tutto ciò che finora ho fatto… Sono un cretino, sono un cretino, sono un cretino. Odio il nazismo e ho pure origini italiane (dove fascismo e nazismo hanno torturato un popolo). 
 
Sono pronto a pagare pesantemente per il mio errore molto grave che non mi perdonerò mai, ma la mia colpa non va estesa ad altri o alla Lega che  non c'entra nulla con le mie colpe.".
 


Pubblicato il 13.02.2017 16:43

Guarda anche
Politica e Potere
Due le tesi che si sono confrontate in Parlamento. Da una parte, i sostenitori della mozione del presidente del PPD (alla fine la spunteranno con 47 sì, 25 no e 3 astenuti), che chiedevano un giro di vite in nome della tranquillità degli altri fruitori della montagna e della protezione della fauna e della flora. Dall’altra i contrari, Lega, UDC, e Consiglio di Stato, che sostenevano come la problematica fosse talmente circoscritta da non rendere necessarie ulteriori misure, anche per non generare nuovi costi. La cronaca del dibattito
Politica e Potere
Il Parlamento, dopo averlo bocciato per anni, ha deciso di impedire ai suoi membri di sedere nei Consigli d'Amministrazione delle aziende di proprietà del Cantone. Decisivi per approvare la proposta i voti di PS, PPD, Verdi e La Destra. Contrarti il PLR e la maggioranza del gruppo della Lega. Risultato finale: 43 favorevoli, 35 contrari e 3 astenuti
Politica e Potere
C’è da rimanere sbigottiti di fronte alle dichiarazioni di alcuni rappresentanti del mondo politico ed accademico, sulla raccomandazione che Norman Gobbi ha inviato ai Municipi ticinesi per fronteggiare la campagna Lies, promossa da organizzazioni salafite attive in Svizzera. L'Islam deve avere un suo spazio, ma non siamo disponibili a dare un palcoscenico a invasati bacia tappeti con la lingua biforcuta
Politica e Potere
Il procuratore generale: "Qualora dovessero emergere elementi atti a configurare reati corruttivi o patrimoniali in danno dello Stato, non mancherò ovviamente di comunicarvelo per la costituzione (attualmente prematura) di accusatore privato”