Politica e Potere
Beltraminelli e Gobbi denunciano a Ministero pubblico e Polizia il post vergognoso pubblicato su una pagina Facebook, rigorosamente anonima. "La famiglia non si tocca", aveva scritto Dadò. Il presidente del Governo: "Mai fatto una denuncia in vita mia, ma qui si è superato ogni limite"
“Possiamo avere idee e posizioni divergenti. Anche molto divergenti. Ma la famiglia no! – aveva scritto Dadò -. LA FAMIGLIA PER FAVORE NON SI TOCCA! Solidarietà a Paolo Beltraminelli e Norman Gobbi”.
Foto: TiPress/Samuel Golay
BELLINZONA – I ministri Paolo Beltraminelli e Norman Gobbi hanno sporto denuncia penale per il post vergognoso pubblicato sulla pagina Facebook ‘Politici brutti’, ovviamente rigorosamente anonima. “È QUESTO IL TICINO CHE VOGLIAMO? CHE LIVELL!”… Oggi il presidente del PPD, Fiorenzo Dadò, aveva scritto una dura opinione su quel post, che abbiamo deciso di non ripubblicare, limitandoci a dire che tocca la famiglia del presidente del Governo.

“Possiamo avere idee e posizioni divergenti. Anche molto divergenti. Ma la famiglia no! – aveva scritto Dadò -. LA FAMIGLIA PER FAVORE NON SI TOCCA! Solidarietà a Paolo Beltraminelli e Norman Gobbi”.

Nel pomeriggio i due ministri hanno dunque deciso di segnalare la pagina Facebook al procuratore generale, John Noseda, e alla polizia. “Non ricordo di aver fatto una denuncia penale in vita mia – dice a liberatv Beltraminelli -. Ma questa volta si sono superati i limiti”.

emmebi



Pubblicato il 25.02.2017 18:59

Guarda anche
Politica e Potere
Della ricerca della verità, nuda e cruda, non importa più una beata mazza a nessuno. Perché una verità è già stata stabilita dalla folla con la bava alla bocca. Siamo nel giustizialismo più feroce e più irrazionale. Quindi, il più pericoloso
Politica e Potere
Il presidente dell'UDC ci scrive: "L'iniziativa Contro i giudici stranieri lanciata dall'UDC, dove prevale il diritto svizzero su quello internazionale, non piace all'UE. Dove sarebbe la novità?"
Politica e Potere
Il Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC), dopo un consulto con il Sorvegliante dei prezzi, riesaminerà le tariffe del canone radiotelevisivo nel 2020 e in seguito ogni due anni, con l'obiettivo di ridurle ulteriormente
Politica e Potere
Il direttore del DECS, rispondendo a un'interpellanza in Parlamento, è tornato sulla polemica scoppiata dopo la votazione sulla Civica: "Sono due gli insegnanti sotto inchiesta. Il Governo deciderà presto quali provvedimenti adottare"