Cronaca
Un lettore ci scrive: "Questo non è un paese per gli orsi... Ma nemmeno per i lupi. Oggi vi racconto una storia che inizia come le fiabe, con 'c'era una volta'. In memoria di M13, abbattuto quattro anni fa senza appello..." Video
"Riposa in pace M13 e che tu possa veramente essere l’ultimo orso assassinato entro i nostri confini, perché il giorno della tua morte siamo stati in tanti a vergognarci di essere umani..."

di Miro Monti

Non è un paese per gli orsi: se non fermiamo il Germano seduto in Gran consiglio accadrà anche per il Lupo... Così, a quattro anni dall’abbattimento dell’orso M13 a Poschiavo, ho pensato di scrivere questa storia per sensibilizzare l’opinione pubblica su un tema che continua a far discutere: la presenza del lupo, e in genere dei grandi predatori, sperando che si trovino forme di convivenza tra l’uomo, le sue attività, e questi animali. Una storia che, come le fiabe, inizia con ‘c’era una volta’.

C’era una volta un paese piccolo, piccolo, come del resto piccola e gretta era la mentalità di alcuni suoi politici. In quel paese tutto doveva essere ordinato e al suo posto: la neve sulle montagne, l’acqua nei fiumi, i cani al guinzaglio e gli orsi… nella fossa di Berna.

L’essere umano era l’unico e indiscusso signore e padrone. Solo lui aveva il diritto di invadere le case e i giardini degli altri animali. Se un cervo osava mangiare una foglia di vite, un cinghiale  addentrarsi in un parco pubblico, un capriolo brucare innocentemente i fiori del cimitero venivano condannati a morte senza processo.

Figuriamoci poi un lupo, una lince, un orso… che per sopravvivere a volte scambiavano gli animali-schiavi, di proprietà dei signori umani, per comuni prede!

Questa è la storia di un orsetto che ha avuto la sfrontatezza di oltrepassare i nostri confini. Sua mamma gli diceva sin da piccolo: “Quello non è un paese per orsi. Tuo cugino maggiore ha osato entrarci ed è stato brutalmente messo a morte”.

Ma si sa, i ragazzi vogliono fare e sbagliare di testa loro, e così l’orsetto ha messo piede dove non avrebbe mai dovuto. Come tutti gli adolescenti di questo mondo era intrepido e ficcanaso e questa sua innata curiosità gli è costata molto cara.

I governanti del paese piccolo, piccolo hanno iniziato ad etichettarlo come problematico, non aggressivo ma potenzialmente pericoloso. Non aveva fatto nulla di male: le sue uniche colpe erano quella di avere un corpo da adulto (che incuteva paura) ma il cervello di un adolescente spericolato e avido di esperienze, nonché quella di comportarsi… da orso.

E mentre i giornali davano notizia che il plantigrado non sarebbe stato ucciso ma spostato in zone meno abitate, il poveretto era già stato vigliaccamente assassinato, lontano dagli sguardi e dall’ indignazione dell’opinione pubblica, che si è trovata di fronte al fatto compiuto.

Si è tentato di giustificare l’infame uccisione invocando una presunta potenziale pericolosità dell’animale. In molti stati europei (Italia, Francia, Spagna, paesi dell’Est, ecc) l’orso è presente da sempre e non si sono mai sentiti casi di ferimenti o uccisione di persone. Per contro, il traffico stradale fa centinaia di vittime all’anno e nessuno ha mai ventilato l’ipotesi di abolire le automobili e fucilare gli automobilisti.

Ah, dimenticavo…. gli automobilisti fanno parte della specie dominante e le macchine sono pur sempre nostre invenzioni, quindi intoccabili.

Riposa in pace M13 e che tu possa veramente essere l’ultimo orso assassinato entro i nostri confini, perché il giorno della tua morte siamo stati in tanti, anzi moltissimi a vergognarci di essere umani...


Pubblicato il 26.02.2017 13:30

Guarda anche
Cronaca
L'uomo è presunto autore di usura per mestiere subordinatamente usura, appropriazione indebita, falsità in documenti e coazione nei confronti di alcuni dipendenti
Cronaca
L'attrice italiana al quotidiano La Stampa: "La cosa più sconvolgente sono le accuse delle donne italiane, la criminalizzazione delle vittime delle violenze. Ma ora questi uomini, questi mostri, dovranno avere paura così come noi, ogni volta che li abbiamo incontrati, che siamo rimaste da sole con loro, ne abbiamo avuta"
Cronaca
E adesso non c’è più nemmeno lui… Ilario Fidanza si è spento oggi sul mezzogiorno alla Clinica Hildebrand di Brissago, dov’era ricoverato da alcuni giorni al termine di una malattia che l’ha colpito qualche mese fa e, settimana dopo settimana, se l’è portato via, nonostante ripetuti segnali di ripresa. Aveva 74 anni
Cronaca
Il caso è quello che abbiamo sollevato ieri: il Comando aveva chiesto di installare una tettoia sopra una delle entrate dell’edificio che, essendo a tetto piatto, quando piove causa disagi per chi entra e chi esce