Cronaca
La risottata di Lugano baciata dal sole: in tantissimi all'appuntamento clou del carnevale della Città. Ecco la gallery con le immagini più belle della festa
Accanto ai tantissimi comuni cittadini, presenti ovviamente molti volti della politica luganese e ticinese. E anche chi non è potuto venire ha voluto mandare un messaggio di auguri. "Io purtroppo vedo la città dal Cardiocentro. Buon risotto a tutti", ha scritto l'ex sindaco Giorgio Giudici sulla bacheca Facebook di Fabio Schnellmann, "motore" del carnevale luganese e della risottata
Ti Press
LUGANO - È l'appuntamento clou del carnevale luganese ma attira moltissima gente anche da fuori città. La risottata in Piazza è infatti una delle tradizioni più belle dell'affollato calendario carnascialesco ticinese. 
 
Una tradizione più viva che mai grazie al lavoro dei volatori (tra i quali Fra Martino Dotta) che, già di prima mattina, hanno acceso i pentoloni mettendosi a cucinare affinché il popolo di Re Sbroja trovasse tutto pronto per mezzogiorno.
 
Quest'anno, complice anche la bellissima giornata, sono stati tantissimi ad affollare la Piazza e a godersi un piatto di risotto e luganiga.  
 
Accanto ai tantissimi comuni cittadini, presenti ovviamente molti volti della politica luganese e ticinese. E anche chi non è potuto venire ha voluto mandare un messaggio. "Auguri Fabio e complimenti . Io purtroppo vedo la città dal Cardiocentro. Buon risotto a tutti", ha scritto l'ex sindaco Giorgio Giudici sulla bacheca di Fabio Schnellmann, "motore" del carnevale luganese e della sua risottata. 
 
E buona guarigione a Re Giorgio.
 


Pubblicato il 27.02.2017 14:48

Guarda anche
Cronaca
L'ipotesi di reato nei confronti del 45enne è di infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacenti. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore generale John Noseda
Cronaca
Nato a Mendrisio nel 1955, venne nominato nel 1997 direttore del Vocabolario dei dialetti della Svizzera italiana. L'anno successivo divenne direttore del nuovo Centro di dialettologia
Cronaca
L'ANALISI - Il lupo M75 (che sta per ‘maschio 75’) è problematico di natura o lo è diventato invece perché nella sua esperienza di vita non ha trovato di fronte a sé quelle barriere (cancelli, protezioni, cani da guardia, recinzioni correttamente elettrificate) che lo avrebbero indotto a una maggiore prudenza nel predare ovili e stalle?
Cronaca
I due arrestati hanno aggredito un 26enne cittadino svizzero (ferite di una certa entità) e un 29enne cittadino eritreo entrambi residenti nel Mendrisiotto