Cronaca
Gobbi vuole che il pirata della strada tedesco condannato a 30 mesi per i 10 sorpassi nel Gottardo con punte di 200 all'ora finisca in carcere: "Ha messo in pericolo la vita di molte persone, perché il tunnel del Gottardo è uno dei tratti più pericolosi d'Europa"
Il ministro ha garantito che si occuperà personalmente del caso, affinché venga spiccato un mandato di arresto non appena la sentenza sarà cresciuta in giudicato. Altro che mostrare con aria di sfida la sua patente dopo la condanna in contumacia alle Criminali di Lugano...
BELLINZONA - "Faremo tutto il possibile affinché il pirata della strada tedesco finisca dietro le sbarre". Lo ha detto al Blick il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi. Il ministro ha garantito che si occuperà personalmente del caso, affinché venga spiccato un mandato di arresto non appena la sentenza di condanna a 30 mesi di carcere, 12 dei quali da scontare, pronunciata in contumacia nelle scorse settimane a Lugano nei confronti del pirata sarà cresciuta in giudicato.

Obiettivo: fare in modo che Christian R., il 42enne che nell’estate del 2014 sorpassò ben 10 volte nel tunnel del Gottardo, raggiungendo punte di 200 all’ora con la sua BMW, sconti la sua pena in Germania o in Svizzera.

"Se il pirata non verrà estradato, dovrà andare in prigione a casa sua - ha aggiunto Gobbi al Blick -. Ha messo in pericolo la vita di molte persone, perché il tunnel del Gottardo è uno dei tratti autostradali più pericolosi d'Europa, perciò bisognerà valutare se sia idoneo alla guida e, se non lo fosse, pensare a un ritiro definitivo della patente".

Patente che quello che abbiamo definito ‘coglione’ (leggi qui) ha mostrato fiero in una foto pubblicata dopo la sentenza dallo stesso Blick, ridendosela della giustizia elvetica. Un affronto a tutti i cittadini svizzeri che invece si vedono revocare la patente anche per bagatelle.




Pubblicato il 28.02.2017 09:12

Guarda anche
Cronaca
La vittima è uno svizzero tedesco. Per l'altro paracadutista solo delle escoriazioni. A causa dell’incidente e dell’intervento di polizia e sanitari, la strada è stata chiusa provocando notevoli disagi al traffico
Cronaca
Nonostante la recente bufera legata al caso mandati, il Municipio di Lugano ha deciso comunque di procedere con il Consiglio direttivo del LAC. Segno che l’Esecutivo luganese ritiene non vi siano grossi rischi sul fatto che il dossier possa impantanarsi di nuovo in Consiglio Comunale. Che il clima si sia rasserenato tra i due poteri della Città?
Cronaca
La donna, 33 anni, è stata colpita violentemente al petto dall’esplosione della bomboletta. Nonostante l'intervento dei medici, Burger è morta per un arresto cardiaco. Il fidanzato: "In circolazione ci sono ancora migliaia di dispenser difettosi: state attenti"
Cronaca
Intervenuti su La7 per un dibattito sull’abusivismo, i due hanno cominciato a battibeccare. Il confronto è poi degenerato quando Purgatori ha fatto una battuta sull’igiene personale di Corona....GUARDA IL VIDEO