Crisi e Lavoro
Bertoli: il neoprotezionismo di Trump e i treni dell'industriale UDC Spühler... "Abbiamo bisogno di maggiori tutele sul mercato del lavoro, a livello svizzero e internazionale, di maggior ridistribuzione della ricchezza, di fiscalità più giusta, non di barriere di varia natura"
Riflessioni del ministro sul libero mercato: "Il muro che oggi sembra proteggerci domani ci chiuderà fuori"
Foto: TiPress/Pablo Gianinazzi
di Manuele Bertoli*

È di ieri la notizia secondo cui l’ordine per la fornitura alla California di elettrotreni della ditta del signor Spühler, industriale e politico UDC, potrebbe essere bloccata dal neoprotezionismo di Trump. Se la comanda (si parla di centinaia di milioni) andasse in fumo, certo il primo a perderci sarà Spühler, ma anche i lavoratori della sua fabbrica non ne saranno sicuramente contenti. Non so quale sia la qualità dei contratti di lavoro vigenti nel settore, ma senza ordini diventa grama per tutti.

Questo è il prodotto del protezionismo sui Paesi che vivono di esportazione, o che in gran parte basano l’economia sull’esportazione. E la Svizzera è uno di essi. Lo stesso effetto lo avremmo se uscissimo dal mercato europeo, come sembra volerci portare una prossima iniziativa popolare dell’UDC.

I mercati aperti non hanno certamente solo effetti benefici, vi sono un sacco di storture che la politica può e deve correggere, ma la chiusura economica non è una soluzione.

Abbiamo bisogno di maggiori tutele sul mercato del lavoro, a livello svizzero e internazionale, di maggior ridistribuzione della ricchezza, di fiscalità più giusta, non di barriere di varia natura.

Il muro che oggi sembra proteggerci domani ci chiuderà fuori, accentuando i conflitti e lasciando più vinti che vincitori sul campo. Per questo dobbiamo resistere alla tendenza al ripiegamento che sembra volersi imporre di questi tempi.

E questo naturalmente non vale solo per l’economia.


*Consigliere di Stato PS, articolo tratto dal blog manuelebertoli.ch


Pubblicato il 28.02.2017 10:05

Guarda anche
Crisi e Lavoro
Replica al giornalista del Corriere di Como, con alcune precisazioni: il tema non è la nazionalità del medico ma il suo domicilio. Anche alla luce delle iniziative parlamentari firmate da tutti i partiti che chiedono "la precedenza va data alle persone residenti" per tutto il personale medico e non solo quello dell'EOC
Crisi e Lavoro
Il deputato e sindacalista: "Purtroppo il passaggio dall’agenzia interinale è sempre meno un’occasione per facilitare l’ingresso al mercato lavoro e sempre più una situazione perenne per molti lavoratori. Non possiamo sottacere che le conseguenze di questo trend ricadono su tutta la società"
Crisi e Lavoro
Il presidente dell'UDC: "Condivido l'analisi di Marco Bazzi (leggi qui) aggiungendo solo una considerazione: L'IRE necessita di un sondaggio fatto dal 20 minuti per confermare il suo studio scientifico?"
Crisi e Lavoro
L'ANALISI - "Caro professor Maggi, corregga il tiro se non vuole che l’IRE finisca ancora una volta nel mirino di coloro che chiesero al Governo di togliere i finanziamenti pubblici all’Istituto che dirige. Perché questa volta avrebbero ragioni da vendere"