Quarto Potere
Tutto vero. Il Corriere del Ticino conferma l'anticipazione di Liberatv: Matteo Pelli sarà il nuovo direttore di Teleticino e manterrà anche la direzione di Radio3i
Il Gruppo che controlla l'emittente di Melide precisa anche il futuro dell'attuale direttrice Prisca Dindo: "Sarà a capo delle Relazioni esterne, incarico che include l'organizzazione di eventi e altre mansioni multimediali. Nelle prossime settimane la ratifica delle nomine da parte del Consiglio d'Amministrazione"
MELIDE - Tutto vero. Il Corriere del Ticino conferma la notizia anticipata stamane da Liberatv circa la prossima nomina di Matteo Pelli alla direzione di Teleticino. 
 
Il Gruppo del CdT, che controlla l'emittente di Melide, precisa anche il futuro dell'attuale direttrice Prisca Dindo, attraverso un comunicato dell'Amministratore delegato Marcello Foa. 
 
"Riguardo alle indiscrezioni circolate in queste ore su cambiamenti ai vertici di TeleTicino - si legge nella nota - il Gruppo del Corriere del Ticino precisa che sono allo studio la promozione di Prisca Dindo alla direzione generale del Gruppo con l'incarico di direttrice delle Relazioni esterne, incarico che include l'organizzazione di eventi  e altre mansioni multimediali, e quella di Matteo Pelli a cui è stata proposta la direzione di TeleTicino, oltre a quella della radio, nell'ambito di un innovativo progetto multimediale".
 
"Tali nomine - termina il comunicato - saranno proposte prossimamente all'approvazione dei CdA del Corriere del Ticino, di TeleTicino e di Radio3i. Nelle prossime settimane seguiranno comunicazioni ufficiali al riguardo. Nel frattempo la presidenza e la direzione del Gruppo esprimono gratitudine per l'eccellente lavoro svolto finora sia da Matteo Pelli sia da Prisca Dindo e apprezzamento per l'entusiasmo con cui entrambi hanno accolto la prospettiva di una nuova sfida professionale".


Pubblicato il 01.03.2017 17:23

Guarda anche
Quarto Potere
La direttrice del Giornale del Popolo: "Un importante punto di svolta nella storia del GdP, la riconquista della piena autonomia, con l’obiettivo che la storica testata continui a essere presente ancora a lungo sulla scena mediatica ticinese e nazionale"
Quarto Potere
Gli editori: "È una decisione maturata dall'editore del GdP, il vescovo Valerio Lazzeri, assieme alla direzione del giornale. In questo senso, dunque, non verrà rinnovato il contratto di collaborazione editoriale e pubblicitario che scade il 31 dicembre 2017”
Quarto Potere
SECONDOME - Antonella Rainoldi: "In Ticino, le associazioni professionali, il cui compito dovrebbe essere quello di ascoltare e difendere i giornalisti, non mettono bocca sulle opinioni dei loro affiliati, non si sostituiscono alla giustizia e non recano danno, ma..."
Quarto Potere
La rettifica del direttore del CdT: "l rammarico è grande, pari al rispetto che abbiamo verso i nostri lettori e verso la verità dei fatti. Il giornalista, che si è firmato con uno pseudonimo, ha agito in buonafede. Quando qualcosa va storto occorre l'onestà di ammetterlo"