Quarto Potere
Tutto vero. Il Corriere del Ticino conferma l'anticipazione di Liberatv: Matteo Pelli sarà il nuovo direttore di Teleticino e manterrà anche la direzione di Radio3i
Il Gruppo che controlla l'emittente di Melide precisa anche il futuro dell'attuale direttrice Prisca Dindo: "Sarà a capo delle Relazioni esterne, incarico che include l'organizzazione di eventi e altre mansioni multimediali. Nelle prossime settimane la ratifica delle nomine da parte del Consiglio d'Amministrazione"
MELIDE - Tutto vero. Il Corriere del Ticino conferma la notizia anticipata stamane da Liberatv circa la prossima nomina di Matteo Pelli alla direzione di Teleticino. 
 
Il Gruppo del CdT, che controlla l'emittente di Melide, precisa anche il futuro dell'attuale direttrice Prisca Dindo, attraverso un comunicato dell'Amministratore delegato Marcello Foa. 
 
"Riguardo alle indiscrezioni circolate in queste ore su cambiamenti ai vertici di TeleTicino - si legge nella nota - il Gruppo del Corriere del Ticino precisa che sono allo studio la promozione di Prisca Dindo alla direzione generale del Gruppo con l'incarico di direttrice delle Relazioni esterne, incarico che include l'organizzazione di eventi  e altre mansioni multimediali, e quella di Matteo Pelli a cui è stata proposta la direzione di TeleTicino, oltre a quella della radio, nell'ambito di un innovativo progetto multimediale".
 
"Tali nomine - termina il comunicato - saranno proposte prossimamente all'approvazione dei CdA del Corriere del Ticino, di TeleTicino e di Radio3i. Nelle prossime settimane seguiranno comunicazioni ufficiali al riguardo. Nel frattempo la presidenza e la direzione del Gruppo esprimono gratitudine per l'eccellente lavoro svolto finora sia da Matteo Pelli sia da Prisca Dindo e apprezzamento per l'entusiasmo con cui entrambi hanno accolto la prospettiva di una nuova sfida professionale".


Pubblicato il 01.03.2017 17:23

Guarda anche
Quarto Potere
L'ANALISI - Da un lato il vento politico soffia forte e in maniera ostile in faccia ad entità come la RSI. Dall'altro sovvertire un pregiudizio, un riflesso, fondato o meno che sia, è il peggiore dei compiti nell'esercizio della comunicazione e della politica. Possiamo sbagliarci, ma la nostra sensazione è che non ci sarà studio del BAK che tenga, fintanto che la RSI non avrà preso per le corna la questione
Quarto Potere
Dalla ricerca del prestigioso istituto di Basilea emerge che la “RSI è uno dei più grandi datori di lavoro nella Svizzera italiana, con una performance economica equivalente a quella dell'industria alberghiera regionale”. Dalle attività economiche della radiotelevione beneficiano quasi 900 aziende nella Svizzera italiana
Quarto Potere
Il direttore della RSI: “La cancellazione del programma suscita il sospetto che non funzionasse un granché. Ma viviamo nell’epoca dell’iper politically correct e il servizio pubblico radiotelevisivo deve tenerne conto…”
Quarto Potere
Ecco la lista che tanta indignazione sta suscitando nella vicina Penisola: 1) Sono tutte mamme, ma dopo aver partorito recuperano un fisico marmoreo; 2) Sono sempre sexy, niente tute né pigiamoni; 3) Perdonano il tradimento; 4) Sono disposte a far comandare l’uomo; 5) Sono casalinghe perfette e fin da piccole imparano i lavori di casa; 6) non frignano, non si appiccicano e non mettono il broncio