Politica e Potere
Scritte antileghiste al Mercato coperto di Giubiasco dove oggi è in programma la festa del Movimento: "Stop Lega" e "Gobbi boia". Via Monte Boglia: "Non ci lasciamo intimidire"
Sui muri e sulle ventrate del Mercato, che oggi ospita la festa della Lega a sostegno dei candidati alle elezioni di Bellinzona, Paradiso e Riviera, sono comparse nella notte alcune scritte contro il movimento
Foto: TiPress/Samuel Golay
GIUBIASCO - Sui muri e sulle ventrate del Mercato coperto di Giubiasco, che oggi ospita la festa della Lega a sostegno dei candidati alle elezioni di Bellinzona, Paradiso e Riviera, sono comparse nella notte alcune scritte contro il movimento di via Monte Boglia. Ignoti sprayer hanno lasciato messaggi intimidatori: "Stop Lega" e "Gobbi boia" rivolto al ministro delle istituzioni. La risposta della Lega: "Non ci lasciamo certo intimidire".

Pubblicato il 05.03.2017 12:46

Guarda anche
Politica e Potere
Il capogruppo della Lega, a titolo personale, chiede un "rinvio di riflessione" sui due temi più caldi di questo inizio d'estate della politica luganese: "Ma la decisione finale la prenderà il gruppo nei prossimi giorni. Dopo il caso mandati mi aspetto anche che il Municipio prenda delle misure forti affinché ciò che è accaduto non si ripeta mai più e che l’Esecutivo sanzioni con altrettanta forza chi ha sbagliato"
Politica e Potere
Ecco le spiegazioni fornite dal ministro della sanità e della socialità sotto il fuoco di fila delle domande dei deputati. Se Blotti fosse ancora capo divisione dovrebbe essere rimosso? "Per rimuovere una persona bisogna sempre fare un’inchiesta amministrativa"
Politica e Potere
Il vicesindaco di Lugano: "Aspettiamo il piano finanziario ma di un eventuale abbassamento del prelievo fiscale non ne beneficerebbero le fasce di popolazione a basso reddito sulle quali peserà il nuovo balzello. Dobbiamo rendere questo nuovo onere più "digeribile" ai Luganesi. Distribuzione gratuita di un certo quantitativo di sacchi per le fasce più deboli della popolazione?"
Politica e Potere
In un articolo apparso su Popolo e Libertà, duro attacco contro il capogruppo PLR e presidente della Sottocommissione che sta indagando sullo scandalo: "I liberali non hanno mancato neppure questa occasione per manifestare il proprio DNA, credendo di poter fare il bello e il brutto e gestire le cose tra pochi intimi, come avveniva nel secolo scorso"