Politica e Potere
Scritte antileghiste al Mercato coperto di Giubiasco dove oggi è in programma la festa del Movimento: "Stop Lega" e "Gobbi boia". Via Monte Boglia: "Non ci lasciamo intimidire"
Sui muri e sulle ventrate del Mercato, che oggi ospita la festa della Lega a sostegno dei candidati alle elezioni di Bellinzona, Paradiso e Riviera, sono comparse nella notte alcune scritte contro il movimento
Foto: TiPress/Samuel Golay
GIUBIASCO - Sui muri e sulle ventrate del Mercato coperto di Giubiasco, che oggi ospita la festa della Lega a sostegno dei candidati alle elezioni di Bellinzona, Paradiso e Riviera, sono comparse nella notte alcune scritte contro il movimento di via Monte Boglia. Ignoti sprayer hanno lasciato messaggi intimidatori: "Stop Lega" e "Gobbi boia" rivolto al ministro delle istituzioni. La risposta della Lega: "Non ci lasciamo certo intimidire".

Pubblicato il 05.03.2017 12:46

Guarda anche
Politica e Potere
Due le tesi che si sono confrontate in Parlamento. Da una parte, i sostenitori della mozione del presidente del PPD (alla fine la spunteranno con 47 sì, 25 no e 3 astenuti), che chiedevano un giro di vite in nome della tranquillità degli altri fruitori della montagna e della protezione della fauna e della flora. Dall’altra i contrari, Lega, UDC, e Consiglio di Stato, che sostenevano come la problematica fosse talmente circoscritta da non rendere necessarie ulteriori misure, anche per non generare nuovi costi. La cronaca del dibattito
Politica e Potere
Il Parlamento, dopo averlo bocciato per anni, ha deciso di impedire ai suoi membri di sedere nei Consigli d'Amministrazione delle aziende di proprietà del Cantone. Decisivi per approvare la proposta i voti di PS, PPD, Verdi e La Destra. Contrarti il PLR e la maggioranza del gruppo della Lega. Risultato finale: 43 favorevoli, 35 contrari e 3 astenuti
Politica e Potere
C’è da rimanere sbigottiti di fronte alle dichiarazioni di alcuni rappresentanti del mondo politico ed accademico, sulla raccomandazione che Norman Gobbi ha inviato ai Municipi ticinesi per fronteggiare la campagna Lies, promossa da organizzazioni salafite attive in Svizzera. L'Islam deve avere un suo spazio, ma non siamo disponibili a dare un palcoscenico a invasati bacia tappeti con la lingua biforcuta
Politica e Potere
Il procuratore generale: "Qualora dovessero emergere elementi atti a configurare reati corruttivi o patrimoniali in danno dello Stato, non mancherò ovviamente di comunicarvelo per la costituzione (attualmente prematura) di accusatore privato”