Cronaca
Coglione numero 2 alla massima potenza! La polizia grigionese conferma: il 26enne albanese che domenica sera ha provato il frontale stava sorpassando nella galleria di San Fedele. Intanto Maria Ferreira non c'è più
Questo caso ricorda quello del pirata della strada tedesco, che abbiamo appunto definito coglione, che ha effettuato ben 10 sorpassi nella galleria del Gottardo ma continua a sostenere di non aver messo in pericolo la vita di nessuno
ROVEREDO - Ma cosa passa nella testa di uno che si mette a superare in galleria? Che cosa c’è, dentro quella testa? Eppure succede ancora. Poi, a volte accade una tragedia e spesso il coglione se la cava e qualcun altro muore. Questo caso ricorda quello del pirata della strada tedesco, che abbiamo appunto definito coglione, che ha effettuato ben 10 sorpassi nella galleria del Gottardo ma continua a sostenere di non aver messo in pericolo la vita di nessuno (leggi qui).

La polizia grigionese ha confermato che lo scontro frontale avvenuto domenica sera nella galleria di San Fedele è stato provocato da un 26enne albanese, residente in Albania, che ha superato all’interno del tunnel. L’incidente è costato la vita alla 67enne di Giubiasco Maria Ferreira, che viaggiava in direzione di Bellinzona.
Gli inquirenti grigionesi hanno stabilito che il 26enne, rimasto lievemente ferito, ha effettuato il sorpasso nonostante, evidentemente, all'interno di tutte le gallerie stradali vi sia il divieto assoluto di superare.



Pubblicato il 14.03.2017 10:20

Guarda anche
Cronaca
L'ipotesi di reato nei confronti del 45enne è di infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacenti. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore generale John Noseda
Cronaca
Nato a Mendrisio nel 1955, venne nominato nel 1997 direttore del Vocabolario dei dialetti della Svizzera italiana. L'anno successivo divenne direttore del nuovo Centro di dialettologia
Cronaca
L'ANALISI - Il lupo M75 (che sta per ‘maschio 75’) è problematico di natura o lo è diventato invece perché nella sua esperienza di vita non ha trovato di fronte a sé quelle barriere (cancelli, protezioni, cani da guardia, recinzioni correttamente elettrificate) che lo avrebbero indotto a una maggiore prudenza nel predare ovili e stalle?
Cronaca
I due arrestati hanno aggredito un 26enne cittadino svizzero (ferite di una certa entità) e un 29enne cittadino eritreo entrambi residenti nel Mendrisiotto