Cronaca
Coglione numero 2 alla massima potenza! La polizia grigionese conferma: il 26enne albanese che domenica sera ha provato il frontale stava sorpassando nella galleria di San Fedele. Intanto Maria Ferreira non c'è più
Questo caso ricorda quello del pirata della strada tedesco, che abbiamo appunto definito coglione, che ha effettuato ben 10 sorpassi nella galleria del Gottardo ma continua a sostenere di non aver messo in pericolo la vita di nessuno
ROVEREDO - Ma cosa passa nella testa di uno che si mette a superare in galleria? Che cosa c’è, dentro quella testa? Eppure succede ancora. Poi, a volte accade una tragedia e spesso il coglione se la cava e qualcun altro muore. Questo caso ricorda quello del pirata della strada tedesco, che abbiamo appunto definito coglione, che ha effettuato ben 10 sorpassi nella galleria del Gottardo ma continua a sostenere di non aver messo in pericolo la vita di nessuno (leggi qui).
/>
La polizia grigionese ha confermato che lo scontro frontale avvenuto domenica sera nella galleria di San Fedele è stato provocato da un 26enne albanese, residente in Albania, che ha superato all’interno del tunnel. L’incidente è costato la vita alla 67enne di Giubiasco Maria Ferreira, che viaggiava in direzione di Bellinzona.
Gli inquirenti grigionesi hanno stabilito che il 26enne, rimasto lievemente ferito, ha effettuato il sorpasso nonostante, evidentemente, all'interno di tutte le gallerie stradali vi sia il divieto assoluto di superare.



Pubblicato il 14.03.2017 10:20

Guarda anche
Cronaca
Sono previste precipitazioni intense durante la notte e fino a domattina. La Polizia ha diramato un allarme meteo, raccomandando prudenza. Si temono frane, allagamenti e piene dei corsi d’acqua, in particolare nelle valli
Cronaca
Le zone maggiormente colpite saranno la valle Maggia, la valle Verzasca, la valle Leventina e la valle di Blenio, con una fase più intensa dei temporali tra le 23.00 di questa sera e le 12.00 di domani mattina
Cronaca
Merzari dopo il nostro articolo: "Come associazione Buskers vogliamo assolutamente collaborare con giovani ticinesi. Capisco il discorso di coloro che vi hanno segnalato il caso, e lo posso condividere sul principio. Ma ribadisco: vogliamo dare lavoro ai giovani di Lugano. Credo anch’io molto nei talenti ticinesi…”
Cronaca
Sicuramente ci sarà il solito ‘buon motivo’ a sostegno della scelta di puntare sulla Colla Collective… Come ci furono buoni motivi in occasione delle feste di Natale a Bellinzona, altro caso simile che fece scalpore. Ma, sinceramente, dei soliti buoni motivi non ce ne frega più nulla. Ci limitiamo a riferire la delusione di chi ci scrive. Poi, veda chi deve vedere…