Cronaca
Coglione numero 2 alla massima potenza! La polizia grigionese conferma: il 26enne albanese che domenica sera ha provato il frontale stava sorpassando nella galleria di San Fedele. Intanto Maria Ferreira non c'è più
Questo caso ricorda quello del pirata della strada tedesco, che abbiamo appunto definito coglione, che ha effettuato ben 10 sorpassi nella galleria del Gottardo ma continua a sostenere di non aver messo in pericolo la vita di nessuno
ROVEREDO - Ma cosa passa nella testa di uno che si mette a superare in galleria? Che cosa c’è, dentro quella testa? Eppure succede ancora. Poi, a volte accade una tragedia e spesso il coglione se la cava e qualcun altro muore. Questo caso ricorda quello del pirata della strada tedesco, che abbiamo appunto definito coglione, che ha effettuato ben 10 sorpassi nella galleria del Gottardo ma continua a sostenere di non aver messo in pericolo la vita di nessuno (leggi qui).

La polizia grigionese ha confermato che lo scontro frontale avvenuto domenica sera nella galleria di San Fedele è stato provocato da un 26enne albanese, residente in Albania, che ha superato all’interno del tunnel. L’incidente è costato la vita alla 67enne di Giubiasco Maria Ferreira, che viaggiava in direzione di Bellinzona.
Gli inquirenti grigionesi hanno stabilito che il 26enne, rimasto lievemente ferito, ha effettuato il sorpasso nonostante, evidentemente, all'interno di tutte le gallerie stradali vi sia il divieto assoluto di superare.



Pubblicato il 14.03.2017 10:20

Guarda anche
Cronaca
Una notizia che ha spiazzato tutti, comunicata dallo stesso Croci durante il tradizionale incontro natalizio tra il Municipio di Mendrisio e la popolazione al Mercato coperto. A inizio gennaio una conferenza stampa in cui il sindaco esporrà le motivazioni che lo hanno spinto a prendere questa decisione
Cronaca
Il giovane keniota che mercoledì scorso ha provocato il frontale con un camion nella galleria del San Gottardo era probabilmente un passatore. Il 22enne è morto in seguito all’incidente, come il camionista di 78 anni che stava trasportando verso il Ticino un carico di finestre
Cronaca
L'ipotesi di reato al vaglio degli inquirenti è di istigazione e aiuto al suicidio legata in particolare agli aspetti finanziari di questa attività. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Andrea Minesso
Cronaca
Le persone finite in carcere sono un 41enne e una 49enne, entrambi cittadini italiani residenti nel Luganese. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Moreno Capella