Post Nucleare
Sabato 18 marzo porte aperte al Campus Formativo Bodio: il centro interaziendale per la formazione di apprendisti operatori in automazione e polimeccanici
Durante la mattinata sarà possibile visitare gli spazi del centro appena inaugurato, conoscere i docenti e ricevere informazioni dettagliate sui percorsi formativi offerti
© Ti-Press / Gabriele Putzu
BODIO - Il Campus Formativo Bodio, centro interaziendale per la formazione di apprendisti Operatori in automazione e apprendisti Polimeccanici, si presenta agli studenti interessati: sabato 18 marzo 2017, dalle 9:00 alle 12:00, in Strada Industriale 17 a Bodio.
 
Durante la mattinata sarà possibile visitare gli spazi del centro appena inaugurato, conoscere i docenti e ricevere informazioni dettagliate sui percorsi formativi offerti.

Il Campus Formativo Bodio (CFB) è stato creato nel 2016 allo scopo di riunire in un’unica struttura la formazione degli apprendisti di cinqueimportanti aziende attive nella regione delle Tre Valli: l’Azienda Elettrica Ticinese di Monte Carasso, Imerys Graphite & Carbon SA di Bodio, SMB SA di Biasca, Tenconi SA di Airolo e Tensol Rail SA di Giornico.

Forte di un’infrastruttura appena rinnovata e perfettamente attrezzata, il CFB è in grado di formare fino a 32 apprendisti Polimeccanici e Operatori in automazione, divisi in quattro anni di studio.
Il personale e gli studenti del CFB attendono con piacere la visita di tutti gli interessati.

Maggiori informazioni: www.aet.ch


Pubblicato il 14.03.2017 16:08

Guarda anche
Post Nucleare
La strategia delle AIL, ridotta all’essenziale, consiste nel consolidare la posizione raggiunta nella distribuzione dei nostri vettori energetici tradizionali, da una parte, e nello sviluppo di nuovi prodotti nell'ambito dell'efficienza energetica e delle energie rinnovabili, dall’altra. Una linea quindi perfettamente allineata con la nuova Strategia
Post Nucleare
Il timore è che a Ispra, dove ha sede l’Euratom, l’agenzia atomica europea, arrivino in futuro arrivino anche sostanze di vario genere da altri paesi dell’Ue
Post Nucleare
La nuova centrale del Ritom sostituirà quella costruita dalle FFS nel 1917 a Piotta e sarà edificata tra quest’ultima e la Centrale Stalvedro di AET
Post Nucleare
In risposta alla difficile situazione di mercato, per la quale non si prevedono inversioni di tendenza a breve termine, AET ha implementato numerose misure di ottimizzazione operativa e riduzione dell’esposizione finanziaria