Pane e vino
"Saporinlibertà", 35 ristoranti per una rassegna dedicata ai sapori del territorio, dal pesce al capretto, dal maialino ai formaggi...
Già durante il primo week-end (la rassegna è partita l’11 marzo e terminerà il 9 aprile 2017) numerosi sono stati gli ospiti che hanno scelto un piatto o un menu del territorio nei 35 ristoranti partecipanti a quella che di fatto è diventata “la rassegna del Luganese”
Foto: TiPress/Samuel Golay
LUGANO - “Saporinlibertà” è iniziata riscuotendo immediatamente un ampio successo di pubblico. Già durante il primo week-end (la rassegna è partita l’11 marzo e terminerà il 9 aprile 2017) numerosi sono stati gli ospiti che hanno scelto un piatto o un menu del territorio nei 35 ristoranti partecipanti a quella che di fatto è diventata “la rassegna del Luganese”.

Giunta al sesto anno di attività, “Saporinlibertà” può oramai essere considerata matura come dimostrano l’impegno e la creatività degli chef che si sono adoperati per proporre piatti a volte innovativi, tradizionali, ma sempre caratterizzati dalla grande qualità e dall’attenta selezione del prodotto locale.

Proprio questo aspetto caratterizza in maniera evidente questa edizione perché la volontà di uscire dagli schemi ha spinto i ristoratori ad individuare piccoli fornitori locali capaci di offrire saporiti e caratteristici formaggi (Formagelle, Blu di capra, Büscion e Zincarlin), capretti cresciuti nelle nostre valli, pesci del nostro Ceresio e verdure dei nostri campi. Possiamo gustare delle vere e proprie “chicche” come il “Finto baccalà di lucioperca del Ceresio salato tre settimane”, un gustosissimo “Nodino di maialino bellinzonese con riduzione di birra Frü” o le “Polpettine di pesce del lago Ceresio” oppure il curioso nostrano “Fish and chips”, sempre del lago Ceresio, abbinato alla maionese di yogurt di montagna. Per i golosi naturalmente la “Torta di pane con crema mascarpone” o fantastici “Zabaioni alla ticinese con nocino”. Non mancano all’appello un’ampia selezione di vini ticinesi DOC, le migliori birre artigianali locali e il Gin Bisbino, primo in Ticino!

E per tutti i clienti un regalo curioso e gustoso, il Ricettario del territorio con la Mostarda Purée Sandro Vanini.

Tutta la rassegna su www.saporinliberta.ch e su facebook alla pagina ufficiale 

Ecco i 35 ristoranti protagonisti della rassegna:

1 - Ristorante Colibrì, Aldesago
2 - Ristorante Giardino, Bombinasco
3 - Salotto Brè, Brè sopra Lugano
4 - Canvetto Federale, Canobbio
5 - Canvetto Ponte di Valle, Canobbio
6 - Resort Collina d’Oro, Collina d’Oro
7 - Grotto Ticinese, Cureglia
8 - Ristorante Miramonti, Dino
9 - Ristorante Grotto Serta, Lamone
10 - Ristorante La Rupe di San Zeno, Lamone
11 - Ristorante AnaCapri, Lugano
12 - La Bohème, Lugano
13 - La Fattoria di Guido Sassi, Lugano
14 - Metamorphosis, Lugano - Paradiso
15 - Hotel Lido Seegarten, Lugano
16 - Hotel Splendide Royal, Lugano
17 - Ristorante Olimpia, Lugano
18 - Ristorante Sass Café, Lugano
19 - Ristorante Tango, Lugano
20 - Grotto Valletta, Massagno
21 - 6805 La Palazzina, Mezzovico
22 - Ristorante Della Torre, Morcote
23 - Ristorante Il Castagno, Mugena
24 - Ristorante Capo San Martino, Paradiso
25 - Grotto Morchino, Pazzallo
26 - La Locanda di Emilio, Pregassona
27 - Trattoria Milesi, Serocca d’Agno
28 - Ristorante I Grappoli, Sessa
29 - Ristorante Motto del Gallo, Taverne
30 - Ristorante Stazione, Tesserete
31 - Ristorante La Sorgente, Vico Morcote
32 - Grotto Piccolo Vigneto, Viganello
33 - Crotto dei Tigli (ospite), Balerna
34 - Foxgrill (c/o FoxTown) (ospite), Mendrisio
35 - Hotel Cereda (ospite), Sementina


Pubblicato il 15.03.2017 15:47

Guarda anche
Pane e vino
A coordinare la squadra di cucina sarà Lorenzo Albrici, chef stellato della Locanda Orico di Bellinzona, uno degli artisti della gastronomia più conosciuti e apprezzati sul territorio. Dalla colazione fino al dessert: ecco i menù che scandiranno gli 8 km del percorso
Pane e vino
Grazie alla collaborazione tra Ticino a Tavola e Rapelli SA di Stabio, una quindicina di ristoranti di tutto il Cantone cucineranno piatti gustosi che hanno quale assoluto protagonista il “Pioradoro”.
Pane e vino
“Maggio e giugno sono i mesi delle fragole ma anche il periodo dell’anno dove il pomodoro locale inizia a dare il meglio di sé esprimendosi in una miriade di varietà", spiega Marco Colombo, responsabile commerciale di TIOR