Salute e Sanità
La proposta shock di una deputata del Texas: "Cento dollari di multa agli uomini che si masturbano a scopo ricreativo". E il tema arriva in Parlamento. Lei spiega: "Una provocazione contro chi vuole una stretta sull'aborto"
Secondo Jessica Farrar “va punita, con una multa di 100 dollari, ogni eiaculazione al di fuori di una vagina o di una banca del seme in quanto atto contro un bambino mai nato e delitto alla santità della vita”
AUSTIN - Sanzioni economiche per gli uomini che si masturbano per fini 'ricreativi', al di fuori di cliniche mediche o banche del seme: non è uno scherzo, anche se è una provocazione. La proposta di legge arriva da una deputata texana, la democratica Jessica Farrar e si intitola 'Man's right to know Act'. una parodia delle ultime leggi sostenute dalla maggioranza repubblicana che impongono una stretta sugli aborti.

Il 'Woman's right to know' repubblicano impone per esempio l'obbligo per i medici di registrare e far ascoltare il battito cardiaco del feto alla madre, oltre a descriverlo, per almeno 24 ore complessive prima di procedere a un'interruzione di gravidanza.
Jessica Farrar ha spiegato: “La mia è solo una provocazione, ma non c'è niente da ridere di fronte ai tentativi di uno stato di impedire alle donne il diritto di accesso ad una sanità sicura”.

Secondo la Farrar “va dunue punita, con una multa di 100 dollari, ogni eiaculazione al di fuori di una vagina o di una banca del seme in quanto atto contro un bambino mai nato e delitto alla santità della vita”.



Pubblicato il 17.03.2017 11:45

Guarda anche
Salute e Sanità
Il medico: “Utilizziamo il ‘Right eye’ prevalentemente nella diagnosi e nel trattamento delle commozioni cerebrali dei giocatori di hockey”, spiega il dottor Marco Marano, specialista FMH in ortopedia e traumatologia all’Ars Medica di Gravesano, nonché uno dei team doctor dell’Hockey Club Lugano
Salute e Sanità
Con poco meno di 200 letti, la Clinica Luganese Moncucco rappresenta oggi la struttura privata più grande del Ticino e, anche nel confronto con gli ospedali pubblici, risulta una delle maggiori strutture del Cantone
Salute e Sanità
L'ex direttore dell'Ospedale regionale di Bellinzona e vicepresidente del PLR: "Faccio fatica a capire come mai, nel caso sollevato alcuni giorni fa, il Consiglio di amministrazione dell'EOC, autorità di nomina di tutti i medici primari, non sia intervenuto in questo senso al momento della nomina”
Salute e Sanità
Protagonista del caso che oggi vi raccontiamo è un medico al quale, per carità, non si può rimproverare nulla. La 'colpa' è semmai dell'EOC. E, considerato il clima da caccia alle streghe che si respira di questi tempi ci asteniamo dal fornire ulteriori dettagli su di lui...