Cronaca
Permessi falsi, lo scandalo si allarga. Sotto inchiesta anche due kosovari domiciliati in Ticino. A loro si è arrivati in seguito al fermo di un minibus con clandestini a bordo. A casa di uno dei due sono stati trovati tre permessi di soggiorno contraffatti
Si tratta di un 40enne domiciliato in Riviera e di un 63enne domiciliato nel Bellinzonese. Sono risultati collegati al fermo a Ponte Tresa di un minibus con a bordo dei clandestini kosovari
Foto: TiPress/Samuel Golay
BELLINZONA - Il Ministero Pubblico, la Polizia cantonale e le Guardie di Confine comunicano che nell'ambito dell'indagine in corso sui permessi falsi, sono stati fermati e interrogati due kosovari, un 40enne domiciliato in Riviera e un 63enne domiciliato nel Bellinzonese. Questi sono risultati collegati al fermo avvenuto lunedì 13 marzo a Ponte Tresa di un minibus con a bordo dei clandestini kosovari.

I due sono stati denunciati e indagati a piede libero per infrazione aggravata alla Legge federale sugli stranieri per incitazione all'entrata, alla partenza o al soggiorno illegale in merito al trasporto di clandestini in Svizzera. Inoltre, nei confronti del 63enne viene contestata la ripetuta falsità in certificati poiché dalla perquisizione effettuata presso il suo domicilio sono stati ritrovati 3 permessi di soggiorno del Cantone Ticino contraffatti e collegati alla vasta inchiesta in corso.




Pubblicato il 17.03.2017 16:17

Guarda anche
Cronaca
L’ambasciata, fa sapere l’ambasciatore, Hein Walker-Nederkoorn, “nel senso di un gesto umanitario, in collaborazione con la Segreteria di Stato della migrazione, ha deciso di facilitare il viaggio in Svizzera della famiglia”. Arriveranno la moglie, un fratello e le figlie, di 16 e 20 anni
Cronaca
Il presidente di Gastroticino ci scrive: "Questa "terrazza ticinese" era arredata con poster ufficiali di Ticino Turismo e all’interno dello stand campeggiava anche il marchio VITI, con tanto di boccalini rossoblù! Ma al posto del vino ticinese servivano Merlot del veneto......"
Cronaca
Il passaggio di proprietà è stato deciso di comune accordo, in seguito alla volontà reciproca di permettere al Management operativo di raggiungere la quasi totalità delle partecipazioni di EVENTMORE. È inoltre frutto della consapevolezza che le piccole-medie imprese devono costantemente rivedere i processi strategici
Cronaca
La showgirl senza freni sullo scandalo sessuale che ha travolto Hollywood: "Una può sottrarsi tranquillamente alle proposte indecenti. Con me ci provò un regista italiano molto famoso: si presentò con un perizoma rosso....Trovo osceno che tutte le attrici in blocco abbiano denunciato Weinstein. E’ uno schifo, una vergogna…"