Cronaca
Permessi falsi, lo scandalo si allarga. Sotto inchiesta anche due kosovari domiciliati in Ticino. A loro si è arrivati in seguito al fermo di un minibus con clandestini a bordo. A casa di uno dei due sono stati trovati tre permessi di soggiorno contraffatti
Si tratta di un 40enne domiciliato in Riviera e di un 63enne domiciliato nel Bellinzonese. Sono risultati collegati al fermo a Ponte Tresa di un minibus con a bordo dei clandestini kosovari
Foto: TiPress/Samuel Golay
BELLINZONA - Il Ministero Pubblico, la Polizia cantonale e le Guardie di Confine comunicano che nell'ambito dell'indagine in corso sui permessi falsi, sono stati fermati e interrogati due kosovari, un 40enne domiciliato in Riviera e un 63enne domiciliato nel Bellinzonese. Questi sono risultati collegati al fermo avvenuto lunedì 13 marzo a Ponte Tresa di un minibus con a bordo dei clandestini kosovari.

I due sono stati denunciati e indagati a piede libero per infrazione aggravata alla Legge federale sugli stranieri per incitazione all'entrata, alla partenza o al soggiorno illegale in merito al trasporto di clandestini in Svizzera. Inoltre, nei confronti del 63enne viene contestata la ripetuta falsità in certificati poiché dalla perquisizione effettuata presso il suo domicilio sono stati ritrovati 3 permessi di soggiorno del Cantone Ticino contraffatti e collegati alla vasta inchiesta in corso.




Pubblicato il 17.03.2017 16:17

Guarda anche
Cronaca
Va ricordato che l’estate scorsa il procuratore generale, John Noseda, aveva segnalato sia Corti che Arnold al Consiglio della magistratura per ritardi nella trattazione delle inchieste
Cronaca
Considerate le difficoltà finanziarie dell’OSI causate dal mancato rinnovo dell’attuale convenzione di collaborazione tra la Fondazione dell’OSI e la Società svizzera di radiotelevisione (SSR) che rischiano di pregiudicarne l’esistenza, BancaStato ha deciso d’intervenire siglando un accordo di sponsorizzazione
Cronaca
La formaldeide ha un odore molto forte e provoca irritazione passeggera a occhi e vie respiratorie, per questi motivi è stato richiesto l'intervento dei Pompieri di Bellinzona (con 10 uomini e 3 veicoli), con l'equipaggiamento specifico di protezione, per il recupero della sostanza. Un'infermiera ha riportato una lieve irritazione agli occhi