Cronaca
Permessi falsi, lo scandalo si allarga. Sotto inchiesta anche due kosovari domiciliati in Ticino. A loro si è arrivati in seguito al fermo di un minibus con clandestini a bordo. A casa di uno dei due sono stati trovati tre permessi di soggiorno contraffatti
Si tratta di un 40enne domiciliato in Riviera e di un 63enne domiciliato nel Bellinzonese. Sono risultati collegati al fermo a Ponte Tresa di un minibus con a bordo dei clandestini kosovari
Foto: TiPress/Samuel Golay
BELLINZONA - Il Ministero Pubblico, la Polizia cantonale e le Guardie di Confine comunicano che nell'ambito dell'indagine in corso sui permessi falsi, sono stati fermati e interrogati due kosovari, un 40enne domiciliato in Riviera e un 63enne domiciliato nel Bellinzonese. Questi sono risultati collegati al fermo avvenuto lunedì 13 marzo a Ponte Tresa di un minibus con a bordo dei clandestini kosovari.

I due sono stati denunciati e indagatia piede libero per infrazione aggravata alla Legge federale sugli stranieri per incitazione all'entrata, alla partenza o al soggiorno illegale in merito al trasporto di clandestini in Svizzera. Inoltre, nei confronti del 63enne viene contestata la ripetuta falsità in certificati poiché dalla perquisizione effettuata presso il suo domicilio sono stati ritrovati 3 permessi di soggiorno del Cantone Ticino contraffatti e collegati alla vasta inchiesta in corso.




Pubblicato il 17.03.2017 16:17

Guarda anche
Cronaca
Sono previste precipitazioni intense durante la notte e fino a domattina. La Polizia ha diramato un allarme meteo, raccomandando prudenza. Si temono frane, allagamenti e piene dei corsi d’acqua, in particolare nelle valli
Cronaca
Le zone maggiormente colpite saranno la valle Maggia, la valle Verzasca, la valle Leventina e la valle di Blenio, con una fase più intensa dei temporali tra le 23.00 di questa sera e le 12.00 di domani mattina
Cronaca
Merzari dopo il nostro articolo: "Come associazione Buskers vogliamo assolutamente collaborare con giovani ticinesi. Capisco il discorso di coloro che vi hanno segnalato il caso, e lo posso condividere sul principio. Ma ribadisco: vogliamo dare lavoro ai giovani di Lugano. Credo anch’io molto nei talenti ticinesi…”
Cronaca
Sicuramente ci sarà il solito ‘buon motivo’ a sostegno della scelta di puntare sulla Colla Collective… Come ci furono buoni motivi in occasione delle feste di Natale a Bellinzona, altro caso simile che fece scalpore. Ma, sinceramente, dei soliti buoni motivi non ce ne frega più nulla. Ci limitiamo a riferire la delusione di chi ci scrive. Poi, veda chi deve vedere…