Politica e Potere
"Caro Zali, intervieni subito: oggi stesso". I Verdi chiedono al ministro del Territorio di introdurre di nuovo le misure d'urgenza anti-smog nel Mendrisiotto
Gli ecologisti: "Giovedì 16 marzo e venerdì 17 marzo le concentrazioni di PM10 nelle stazioni di misurazione di Mendrisio, Chiasso, Bioggio, sono state in media superiori a 90 ugm3, la situazione odierna non promette miglioramenti e le previsioni meteo non annunciano cambiamenti nei prossimi giorni. Rispettiamo la legge e diamo priorità alla salute dei cittadini"
© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
BELLINZONA - I Verdi del Ticino, visto lo stato attuale dell’aria nel cantone e in particolare nel Mendrisiotto, chiedono al Consigliere di Stato Claudio Zali che le misure di urgenza in caso d’inquinamento dell’aria siano messe in atto oggi stesso, senza ulteriori indugi.   
     
Scrivono i Verdi in una nota diffusa nel primo pomeriggio di sabato: "Secondo il decreto esecutivo  concernente i provvedimenti d’urgenza in caso di inquinamento atmosferico acuto si attesta che: “Se in almeno due stazioni di misurazione si superano i 90 microgrammi per metro cubo e le previsioni meteorologiche confermano il permanere del fenomeno di stagnazione per almeno tre giorni successivi il DT può adottare tali misure…” Giovedì 16 marzo e venerdì 17 marzo le concentrazioni di PM10 nelle stazioni di misurazione di Mendrisio, Chiasso, Bioggio, sono state in media superiori a 90 ugm3, la situazione odierna non promette miglioramenti e le previsioni meteo non annunciano cambiamenti nei prossimi giorni". 
 
"Riteniamo - prosegue il comunicato - che la salute delle persone debba essere prioritaria e stigmatizziamo la mancanza di iniziativa del DT. Riteniamo che la legge vada rispettata e che le misure di urgenza siano da introdurre immediatamente. Reputiamo che non sia tollerabile che ampie fasce della popolazione siano obbligate a respirare un’aria tanto inquinata. Da più parti è stata rivendicata l’organizzazione di una tavola rotonda che riunisse gli attori interessati e i comuni delle regioni più colpite al fine di proteggere la popolazione dalle nefaste conseguenze delle polveri fini.
Di fronte a un’emergenza sanitaria di considerevole portata ci si attente una rapida reazione e misure puntuali incisive".


Pubblicato il 18.03.2017 15:27

Guarda anche
Politica e Potere
Il capogruppo della Lega, a titolo personale, chiede un "rinvio di riflessione" sui due temi più caldi di questo inizio d'estate della politica luganese: "Ma la decisione finale la prenderà il gruppo nei prossimi giorni. Dopo il caso mandati mi aspetto anche che il Municipio prenda delle misure forti affinché ciò che è accaduto non si ripeta mai più e che l’Esecutivo sanzioni con altrettanta forza chi ha sbagliato"
Politica e Potere
Ecco le spiegazioni fornite dal ministro della sanità e della socialità sotto il fuoco di fila delle domande dei deputati. Se Blotti fosse ancora capo divisione dovrebbe essere rimosso? "Per rimuovere una persona bisogna sempre fare un’inchiesta amministrativa"
Politica e Potere
Il vicesindaco di Lugano: "Aspettiamo il piano finanziario ma di un eventuale abbassamento del prelievo fiscale non ne beneficerebbero le fasce di popolazione a basso reddito sulle quali peserà il nuovo balzello. Dobbiamo rendere questo nuovo onere più "digeribile" ai Luganesi. Distribuzione gratuita di un certo quantitativo di sacchi per le fasce più deboli della popolazione?"
Politica e Potere
In un articolo apparso su Popolo e Libertà, duro attacco contro il capogruppo PLR e presidente della Sottocommissione che sta indagando sullo scandalo: "I liberali non hanno mancato neppure questa occasione per manifestare il proprio DNA, credendo di poter fare il bello e il brutto e gestire le cose tra pochi intimi, come avveniva nel secolo scorso"