Cronaca
Una tragedia annunciata? Un 68enne motociclista ticinese muore travolto da una frana sulla statale tra Canobbio e Verbania. Ci sono anche due feriti Video
Da oltre due anni si parla infatti della messa in sicurezza di quel tratto di strada. Soprattutto dopo due clamorosi precedenti: nell'ottobre del 2014 si erano infatti già verificate due grosse frane, a distanza di un mese l'una dall'altra. IL VIDEO DAL LUOGO DELLA TRAGEDIA
VERBANIA - Un 68enne ticinese è morto tragicamente a causa di una frana sulla statale 34 del Lago Maggiore, nei pressi di Cannero, tra Cannobio e Verbania.
 
L'uomo stava percorrendo il tratto di strada a bordo della sua motocicletta quando degli enormi massi sono caduti sulla carreggiata. 
 
Il 68enne è stato soccorso e trasportato con l'elicottero all'ospedale, ma i soccorsi si sono rivelati vani. Decisamente più fortunati sono stati i due passeggeri di un auto, anch'essa colpita da un masso, che se la sono cavata con ferite apparentemente non gravi.
 
 
E sulla vicenda c'è già chi parla di una tragedia annunciata. Da oltre due anni si parla infatti della messa in sicurezza di quel tratto di strada. Soprattutto dopo due clamorosi precedenti: nell'ottobre del 2014 si erano infatti già verificate due grosse frane, a distanza di un mese l'una dall'altra.


Pubblicato il 18.03.2017 15:51

Guarda anche
Cronaca
Sul posto sono intervenuti agenti della Polizia cantonale, gli uomini del SAS, i soccorritori del Salva e della Rega che non hanno potuto far altro che constatare la morte dei due canyonisti. Per prestare sostegno psicologico agli altri membri del gruppo è stato richiesto l'intervento del Care Team Ticino
Cronaca
Il direttore de 'La Croce Quotidiano' se la prende con il candidato alle presidenziali francesi e con i vegani: "Si chiedono se si può mettere o no il topicida, una roba totalmente folle. Se cominciamo a nutrire i sorci abbiamo ucciso l’umanità”
Cronaca
La somiglianza tra il killer serbo, l’uomo più ricercato in Italia, che da settimane riesce a sfuggire all’imponente caccia all’uomo messa in campo da polizia, carabinieri ed esercito, e il bandito di Stabio, è vaga. Ma ‘Chi l’ha visto?’ ha giocato la carta…
Cronaca
La Procura scrive di aver "preso atto con preoccupazione di quanto stanno riferendo al riguardo i media. Essi sono naturalmente liberi di pubblicare quel che desiderano, ma pare opportuno precisare all'opinione pubblica che esistono dei precisi vincoli legati al segreto istruttorio, e che inoltre certe disordinate notizie possono ledere l'inchiesta in corso"