Politica e Potere
" Però come fai a dimenticarti di fare una cosa del genere...". Martinelli sullo scandalo Argo 1 e le spiegazioni di Beltraminelli: "Avrebbe dovuto assumersi la responsabilità politica senza se e senza ma"
L'ex Consigliere di Stato socialista: "Lui ha firmato la prima delibera. Che approfondimenti ha fatto prima? Perché non ha pensato di parlarne in Consiglio di Stato? Già la cifra della prima delibera mi sembra importante. Domande ancora aperte"
© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
BELLINZONA - Pietro Martinelli parla sempre con il garbo istituzionale del grande ex. E anche quando esprime giudizi lo fa con le parole cesellate della vecchia scuola. Tuttavia, l'ex Consigliere di Stato socialista, non risparmia stilettate nel commentare le spiegazioni fornite da Paolo Beltraminelli in Gran Consiglio sullo scandalo Argo 1.
 
Martinelli, intervistato dal Caffè, mette in particolare l'accento, come hanno peraltro fatto diversi esponenti politici negli scorsi giorni, sul fatto che Beltraminelli non si sia assunto appieno la responsabilità dell'accaduto. "Lui - afferma l'ex ministro - ha firmato la prima delibera. Che approfondimenti ha fatto prima? Perché non ha pensato di parlarne in Consiglio di Stato? Già la cifra della prima delibera mi sembra importante. Domande ancora aperte. Può darsi l’urgenza, ma si poteva farlo in seguito…".
 
"Lasciare correre la cosa - aggiunge Martinelli - mi sembra comunque abbastanza grave. Una gravità puramente formale, intendiamoci, perché probabilmente il governo avrebbe detto di sì… Però come fai a dimenticarti di fare una cosa del genere. Quindi se avesse esordito dichiarando la propria responsabilità politica, senza se e senza ma, sarebbe stato meglio". 


Pubblicato il 19.03.2017 10:35

Guarda anche
Politica e Potere
La GISO: "È giunto il momento di rinnovare il partito, a livello generazionale, ma soprattutto sul piano delle idee. Il PS si è pronunciato e dovrà ricordare la presa di posizione di questa Conferenza Cantonale durante le discussioni sulle liste per le prossime elezioni cantonali: da chi vogliamo essere rappresentati nelle istituzioni?"
Politica e Potere
La posizione del presidente Righini e dei giovani ha ottenuto la netta maggioranza dei delegati riniti a Camorino. Ben 95 i voti favorevoli, contro i soli 39 raccolti dalla “mozione Bertoli” che chiedeva di non schierare il partito in prima linea nella raccolta firme
Politica e Potere
Durissimo attacco dell'ex coordinatore della gioventù socialista Aramis Gianini al ministro Bertoli e alla parte del gruppo parlamentare che appoggia la riforma fiscosociale: "Nel mio quartiere, dove nessuno è Dottore in scienze politiche, ma a conti fatti nessuno è fesso, si ripete il mantra per cui quelli lì, i trafficoni della politichetta, fanno sempre quello che vogliono. E anche se non è vero per tutti, lo è per molti"
Politica e Potere
L'avvocato di Mendrisio: "La visita alla pista addobbata è un pretesto per uscire di casa, per “socializzare”, come si dice oggi, in una piazza che finalmente vive. Sono anni che vanamente chiedo ai politici di estendere il periodo in cui questa pista allieta l’inverno. Le mie richieste sono sempre cadute nel vuoto vuoi invocando il riscaldamento globale terrestre, oppure sommerse dal nuovo mantra del “ghé pü da danee”