Politica e Potere
" Però come fai a dimenticarti di fare una cosa del genere...". Martinelli sullo scandalo Argo 1 e le spiegazioni di Beltraminelli: "Avrebbe dovuto assumersi la responsabilità politica senza se e senza ma"
L'ex Consigliere di Stato socialista: "Lui ha firmato la prima delibera. Che approfondimenti ha fatto prima? Perché non ha pensato di parlarne in Consiglio di Stato? Già la cifra della prima delibera mi sembra importante. Domande ancora aperte"
© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
BELLINZONA - Pietro Martinelli parla sempre con il garbo istituzionale del grande ex. E anche quando esprime giudizi lo fa con le parole cesellate della vecchia scuola. Tuttavia, l'ex Consigliere di Stato socialista, non risparmia stilettate nel commentare le spiegazioni fornite da Paolo Beltraminelli in Gran Consiglio sullo scandalo Argo 1.
 
Martinelli, intervistato dal Caffè, mette in particolare l'accento, come hanno peraltro fatto diversi esponenti politici negli scorsi giorni, sul fatto che Beltraminelli non si sia assunto appieno la responsabilità dell'accaduto. "Lui - afferma l'ex ministro - ha firmato la prima delibera. Che approfondimenti ha fatto prima? Perché non ha pensato di parlarne in Consiglio di Stato? Già la cifra della prima delibera mi sembra importante. Domande ancora aperte. Può darsi l’urgenza, ma si poteva farlo in seguito…".
 
"Lasciare correre la cosa - aggiunge Martinelli - mi sembra comunque abbastanza grave. Una gravità puramente formale, intendiamoci, perché probabilmente il governo avrebbe detto di sì… Però come fai a dimenticarti di fare una cosa del genere. Quindi se avesse esordito dichiarando la propria responsabilità politica, senza se e senza ma, sarebbe stato meglio". 


Pubblicato il 19.03.2017 10:35

Guarda anche
Politica e Potere
Piero Marchesi, duplica con una nota alla replica su Facebook del consigliere nazionale Fabio Regazzi. Tema: la decisione del Consiglio federale di proporre al Parlamento di conferire la garanzia federale all’iniziativa ‘Prima i Nostri’
Politica e Potere
Il Consiglio federale sottolinea che il margine di manovra del Canton Ticino nell'attuare le nuove disposizioni costituzionali in modo conforme al diritto federale è comunque assai limitato