Politica e Potere
" Però come fai a dimenticarti di fare una cosa del genere...". Martinelli sullo scandalo Argo 1 e le spiegazioni di Beltraminelli: "Avrebbe dovuto assumersi la responsabilità politica senza se e senza ma"
L'ex Consigliere di Stato socialista: "Lui ha firmato la prima delibera. Che approfondimenti ha fatto prima? Perché non ha pensato di parlarne in Consiglio di Stato? Già la cifra della prima delibera mi sembra importante. Domande ancora aperte"
© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
BELLINZONA - Pietro Martinelli parla sempre con il garbo istituzionale del grande ex. E anche quando esprime giudizi lo fa con le parole cesellate della vecchia scuola. Tuttavia, l'ex Consigliere di Stato socialista, non risparmia stilettate nel commentare le spiegazioni fornite da Paolo Beltraminelli in Gran Consiglio sullo scandalo Argo 1.
 
Martinelli, intervistato dal Caffè, mette in particolare l'accento, come hanno peraltro fatto diversi esponenti politici negli scorsi giorni, sul fatto che Beltraminelli non si sia assunto appieno la responsabilità dell'accaduto. "Lui - afferma l'ex ministro - ha firmato la prima delibera. Che approfondimenti ha fatto prima? Perché non ha pensato di parlarne in Consiglio di Stato? Già la cifra della prima delibera mi sembra importante. Domande ancora aperte. Può darsi l’urgenza, ma si poteva farlo in seguito…".
 
"Lasciare correre la cosa - aggiunge Martinelli - mi sembra comunque abbastanza grave. Una gravità puramente formale, intendiamoci, perché probabilmente il governo avrebbe detto di sì… Però come fai a dimenticarti di fare una cosa del genere. Quindi se avesse esordito dichiarando la propria responsabilità politica, senza se e senza ma, sarebbe stato meglio". 


Pubblicato il 19.03.2017 10:35

Guarda anche
Politica e Potere
Il patron di Medacta, membro del Comitato che ha promosso l'iniziativa, ci va giù durissimo: "Se Prima i nostri sarà applicato alla lettera molte aziende se ne andranno. Poco importa, tanto non votano UDC” mi è stato detto da un esponente di questo partito. Bello e lungimirante...."
Politica e Potere
Giancarlo Kessler è stato sentito questa mattina in audizione a Roma dal Comitato Schengen: "Se riteniamo che per combattere la criminalità possa essere utile chiudere durante la notte alcuni valichi minori, non credo contravvenga agli accordi"
Politica e Potere
Intervista al promotore del referendum contro la tassa sul sacco, sui cui saremo chiamati a votare il prossimo il prossimo 21 maggio: "Il capo del Dipartimento del Territorio e il direttore del dicastero finanze di Lugano, pensano che solo tartassando i cittadini con le tasse questi possano diventare virtuosi? Noi non lo pensiamo. Devo fare autocritica sulla tassa di collegamento? Direi di sì...."
Politica e Potere
Ieri l'ex vicedindaco ha inviato una lettera al Municipio e al presidente del Consiglio comunale per comunicare che rinuncia definitivamente a una poltrona nel Consiglio direttivo del LAC