Cronaca
È un 22enne del Camerun l'uomo folgorato ieri sul tetto del vagone di un treno a Chiasso. Le sue condizioni restano disperate: lotta tra la vita e la morte
La polizia cantonale ha fornito alcuni aggiornamenti importanti all'indomani del tragico incidente. Trova conferma l'ipotesi che il giovane volesse entrare illegalmente in Svizzera. Esattamente come il migrante morto lo scorso 27 febbraio, tra Chiasso e Balerna, in circostanze identiche
Nella foto i pompieri all'esterno della stazione ferroviaria di Chiasso al momento dell'incidente © Ti-Press / Francesca Agosta
CHIASSO - Versa ancora in condizioni disperate, lottando tra la vita e la morta, il giovane rimasto folgorato ieri a Chiasso dopo essere salito sul tetto di un vagone di un treno.
 
L'aggiornamento sul suo stato di salute è stato confermato domenica pomeriggio dalla polizia cantonale attraverso un comunicato stampa.
 
La polizia precisa altresì che la vittima dell'incidente è stata identificata: si tratta di un un 22enne cittadino del Camerun residente all'estero.  
 
Come si è sospettato sin dal primo istante, trova dunque conferma l'ipotesi che il giovane volesse entrare illegalmente in Svizzera. 
 
Un caso analogo a quello accaduto lo scorso 27 febbraio, quando un altro migrante fu folgorato dai cavi dell'alta tensione, tentando di viaggiare sul tetto di un TILO diretto a Lugano. Il treno si arrestò alla stazione di Balerna dove, soccorritori e polizia, non poterono far altro che constatarne la morte. 
 


Pubblicato il 19.03.2017 15:14

Guarda anche
Cronaca
L'ipotesi di reato nei confronti del 45enne è di infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacenti. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore generale John Noseda
Cronaca
Nato a Mendrisio nel 1955, venne nominato nel 1997 direttore del Vocabolario dei dialetti della Svizzera italiana. L'anno successivo divenne direttore del nuovo Centro di dialettologia
Cronaca
L'ANALISI - Il lupo M75 (che sta per ‘maschio 75’) è problematico di natura o lo è diventato invece perché nella sua esperienza di vita non ha trovato di fronte a sé quelle barriere (cancelli, protezioni, cani da guardia, recinzioni correttamente elettrificate) che lo avrebbero indotto a una maggiore prudenza nel predare ovili e stalle?
Cronaca
I due arrestati hanno aggredito un 26enne cittadino svizzero (ferite di una certa entità) e un 29enne cittadino eritreo entrambi residenti nel Mendrisiotto