Cronaca
È un 22enne del Camerun l'uomo folgorato ieri sul tetto del vagone di un treno a Chiasso. Le sue condizioni restano disperate: lotta tra la vita e la morte
La polizia cantonale ha fornito alcuni aggiornamenti importanti all'indomani del tragico incidente. Trova conferma l'ipotesi che il giovane volesse entrare illegalmente in Svizzera. Esattamente come il migrante morto lo scorso 27 febbraio, tra Chiasso e Balerna, in circostanze identiche
Nella foto i pompieri all'esterno della stazione ferroviaria di Chiasso al momento dell'incidente © Ti-Press / Francesca Agosta
CHIASSO - Versa ancora in condizioni disperate, lottando tra la vita e la morta, il giovane rimasto folgorato ieri a Chiasso dopo essere salito sul tetto di un vagone di un treno.
 
L'aggiornamento sul suo stato di salute è stato confermato domenica pomeriggio dalla polizia cantonale attraverso un comunicato stampa.
 
La polizia precisa altresì che la vittima dell'incidente è stata identificata: si tratta di un un 22enne cittadino del Camerun residente all'estero.  
 
Come si è sospettato sin dal primo istante, trova dunque conferma l'ipotesi che il giovane volesse entrare illegalmente in Svizzera. 
 
Un caso analogo a quello accaduto lo scorso 27 febbraio, quando un altro migrante fu folgorato dai cavi dell'alta tensione, tentando di viaggiare sul tetto di un TILO diretto a Lugano. Il treno si arrestò alla stazione di Balerna dove, soccorritori e polizia, non poterono far altro che constatarne la morte. 
 


Pubblicato il 19.03.2017 15:14

Guarda anche
Cronaca
L'uomo è presunto autore di usura per mestiere subordinatamente usura, appropriazione indebita, falsità in documenti e coazione nei confronti di alcuni dipendenti
Cronaca
L'attrice italiana al quotidiano La Stampa: "La cosa più sconvolgente sono le accuse delle donne italiane, la criminalizzazione delle vittime delle violenze. Ma ora questi uomini, questi mostri, dovranno avere paura così come noi, ogni volta che li abbiamo incontrati, che siamo rimaste da sole con loro, ne abbiamo avuta"
Cronaca
E adesso non c’è più nemmeno lui… Ilario Fidanza si è spento oggi sul mezzogiorno alla Clinica Hildebrand di Brissago, dov’era ricoverato da alcuni giorni al termine di una malattia che l’ha colpito qualche mese fa e, settimana dopo settimana, se l’è portato via, nonostante ripetuti segnali di ripresa. Aveva 74 anni
Cronaca
Il caso è quello che abbiamo sollevato ieri: il Comando aveva chiesto di installare una tettoia sopra una delle entrate dell’edificio che, essendo a tetto piatto, quando piove causa disagi per chi entra e chi esce