Cronaca
È un 22enne del Camerun l'uomo folgorato ieri sul tetto del vagone di un treno a Chiasso. Le sue condizioni restano disperate: lotta tra la vita e la morte
La polizia cantonale ha fornito alcuni aggiornamenti importanti all'indomani del tragico incidente. Trova conferma l'ipotesi che il giovane volesse entrare illegalmente in Svizzera. Esattamente come il migrante morto lo scorso 27 febbraio, tra Chiasso e Balerna, in circostanze identiche
Nella foto i pompieri all'esterno della stazione ferroviaria di Chiasso al momento dell'incidente © Ti-Press / Francesca Agosta
CHIASSO - Versa ancora in condizioni disperate, lottando tra la vita e la morta, il giovane rimasto folgorato ieri a Chiasso dopo essere salito sul tetto di un vagone di un treno.
 
L'aggiornamento sul suo stato di salute è stato confermato domenica pomeriggio dalla polizia cantonale attraverso un comunicato stampa.
 
La polizia precisa altresì che la vittima dell'incidente è stata identificata: si tratta di un un 22enne cittadino del Camerun residente all'estero.  
 
Come si è sospettato sin dal primo istante, trova dunque conferma l'ipotesi che il giovane volesse entrare illegalmente in Svizzera. 
 
Un caso analogo a quello accaduto lo scorso 27 febbraio, quando un altro migrante fu folgorato dai cavi dell'alta tensione, tentando di viaggiare sul tetto di un TILO diretto a Lugano. Il treno si arrestò alla stazione di Balerna dove, soccorritori e polizia, non poterono far altro che constatarne la morte. 
 


Pubblicato il 19.03.2017 15:14

Guarda anche
Cronaca
Sul posto sono intervenuti agenti della Polizia cantonale, gli uomini del SAS, i soccorritori del Salva e della Rega che non hanno potuto far altro che constatare la morte dei due canyonisti. Per prestare sostegno psicologico agli altri membri del gruppo è stato richiesto l'intervento del Care Team Ticino
Cronaca
Il direttore de 'La Croce Quotidiano' se la prende con il candidato alle presidenziali francesi e con i vegani: "Si chiedono se si può mettere o no il topicida, una roba totalmente folle. Se cominciamo a nutrire i sorci abbiamo ucciso l’umanità”
Cronaca
La somiglianza tra il killer serbo, l’uomo più ricercato in Italia, che da settimane riesce a sfuggire all’imponente caccia all’uomo messa in campo da polizia, carabinieri ed esercito, e il bandito di Stabio, è vaga. Ma ‘Chi l’ha visto?’ ha giocato la carta…
Cronaca
La Procura scrive di aver "preso atto con preoccupazione di quanto stanno riferendo al riguardo i media. Essi sono naturalmente liberi di pubblicare quel che desiderano, ma pare opportuno precisare all'opinione pubblica che esistono dei precisi vincoli legati al segreto istruttorio, e che inoltre certe disordinate notizie possono ledere l'inchiesta in corso"