Politica e Potere
Norman Gobbi: "L'obiettivo sembra essere quello di attaccare un consigliere di Stato in maniera mirata, se non di seminare zizzania all'interno del Governo"
Il Consigliere di Stato leghista risponde alle indiscrezioni lanciate ieri mattina dal Caffè in merito allo scandalo Argo 1. Voci da Palazzo su cui aveva chiesto chiarimenti anche il presidente del PPD Fiorenzo Dadò
© Ti-Press / Gabriele Putzu
BELLINZONA - "L'obiettivo dell'articolo sembra essere quello di attaccare un consigliere di Stato in maniera mirata, se non di seminare zizzania all'interno del Governo". 
 
È risoluta la risposta, raccolta dal Corriere del Ticino, di Norman Gobbi alle indiscrezioni lanciate sull'ultima edizione del Caffè. Il domenicale, ricordiamo, aveva riportato voci di corridoio da Palazzo, secondo le quali Gobbi fosse al corrente già da un anno dell'inchiesta sulla Argo 1 da parte dell'antiterrorismo italiano e della polizia ticinese. Una notizia, sempre secondo le indiscrezioni raccolte dal Caffè, che Gobbi avrebbe taciuto al collega Paolo Beltraminelli, addirittura con l'intento che lo scandalo scoppiasse a tempo debito in casa PPD.
 
Le ombre partite ieri mattina dal domenicale, sono state rilanciate sui social dal presidente del PPD Fiorenzo Dadò, che ha parlato di domande inquietanti che meritavano una risposta urgente.
 
Risposta che, come scritto all'inizio, Gobbi ha dato stamane al CdT:  "C'è un segreto istruttorio da rispettare. Basta pensare che per poter venire a riferire in Consiglio di Stato dell'operazione Argo 1, il comandante della Polizia cantonale ha dovuto ottenere dal Procuratore generale e da quello della Confederazione lo svincolo da tale obbligo.Vedo però che c'è ancora chi ne ignora l'esistenza".
 


Pubblicato il 20.03.2017 09:01

Guarda anche
Politica e Potere
Il direttore del DECS, rispondendo a un'interpellanza in Parlamento, è tornato sulla polemica scoppiata dopo la votazione sulla Civica: "Sono due gli insegnanti sotto inchiesta. Il Governo deciderà presto quali provvedimenti adottare"
Politica e Potere
Il direttore di Ticino Turismo: "Vogliamo aprirci o chiuderci all’altro? Vogliamo davvero che i visitatori aumentino? Se sì, siamo disposti ad accoglierli senza storcere il naso? Se riusciremo a riaffermare valori come l’identità turistica e la cultura dell’accoglienza, allora davvero avremo vinto la partita"
Politica e Potere
Due le tesi che si sono confrontate in Parlamento. Da una parte, i sostenitori della mozione del presidente del PPD (alla fine la spunteranno con 47 sì, 25 no e 3 astenuti), che chiedevano un giro di vite in nome della tranquillità degli altri fruitori della montagna e della protezione della fauna e della flora. Dall’altra i contrari, Lega, UDC, e Consiglio di Stato, che sostenevano come la problematica fosse talmente circoscritta da non rendere necessarie ulteriori misure, anche per non generare nuovi costi. La cronaca del dibattito
Politica e Potere
Il Parlamento, dopo averlo bocciato per anni, ha deciso di impedire ai suoi membri di sedere nei Consigli d'Amministrazione delle aziende di proprietà del Cantone. Decisivi per approvare la proposta i voti di PS, PPD, Verdi e La Destra. Contrarti il PLR e la maggioranza del gruppo della Lega. Risultato finale: 43 favorevoli, 35 contrari e 3 astenuti