Cronaca
Ubriaco alla guida di un camion mentre trasportava una turbina di 85 tonnellate. Si è fatto tutta l'autostrada da Chiasso ad Airolo
La polizia ha intercettato l'autista - un 58enne italiano - all'area di Stalvedro. E gli agenti si sono subito resi conto che non era in grado di guidare. La conferma dagli del sangue
© Ti-Press / Francesca Agosta
AIROLO - Ubriaco alla guida di un camion mentre trasportava una turbina di 85 tonnellate. Lo scellerato autista è stato "beccato" dalla polizia cantonale mercoledì scorso, verso le 23:30 presso l'area di sosta di Stalvedro ad Airolo.
 
Dopo aver controllato il veicolo pesante adibito al trasporto del carico, gli agenti si sono resi conto che l'autista, un 58enne cittadino italianoresidente in Italia, era in palese stato di inattitudine alla guida. 
 
Dagli accertamenti la polizia ha potuto appurare che l'autista ha percorso l'autostrada A2 da Chiasso ad Airolo con un contenuto d'alcol nel sangue superiore al consentito. 
 
All'uomo è stato intimato il divieto di circolazione sul territorio svizzero ed è stato denunciato per grave infrazione alla legge federale sulla circolazione stradale. 
 


Pubblicato il 20.03.2017 10:10

Guarda anche
Cronaca
Sono previste precipitazioni intense durante la notte e fino a domattina. La Polizia ha diramato un allarme meteo, raccomandando prudenza. Si temono frane, allagamenti e piene dei corsi d’acqua, in particolare nelle valli
Cronaca
Le zone maggiormente colpite saranno la valle Maggia, la valle Verzasca, la valle Leventina e la valle di Blenio, con una fase più intensa dei temporali tra le 23.00 di questa sera e le 12.00 di domani mattina
Cronaca
Merzari dopo il nostro articolo: "Come associazione Buskers vogliamo assolutamente collaborare con giovani ticinesi. Capisco il discorso di coloro che vi hanno segnalato il caso, e lo posso condividere sul principio. Ma ribadisco: vogliamo dare lavoro ai giovani di Lugano. Credo anch’io molto nei talenti ticinesi…”
Cronaca
Sicuramente ci sarà il solito ‘buon motivo’ a sostegno della scelta di puntare sulla Colla Collective… Come ci furono buoni motivi in occasione delle feste di Natale a Bellinzona, altro caso simile che fece scalpore. Ma, sinceramente, dei soliti buoni motivi non ce ne frega più nulla. Ci limitiamo a riferire la delusione di chi ci scrive. Poi, veda chi deve vedere…