Politica e Potere
Quadri difende la politica di Gobbi e replica alla sinistra: "Uhhh, che pagüra! Se i talebani delle frontiere spalancate non ci fossero bisognerebbe inventarli. Ogni volta che prendono posizione, i consensi della Lega aumentano". E attacca i sindacati: "Immigrazione uguale ricchezza, sì... ma per i loro dirigenti che girano in Audi A6”
La prima replica al manifesto ‘anti-Gobbi’ della sinistra ticinese (leggi qui) arriva dal consigliere nazionale Lorenzo Quadrie inizia con la classica esclamazione leghista ‘Uhhh, che pagüüüraaa!”
Foto: TiPress/Pablo Gianinazzi
BELLINZONA – La prima replica al manifesto ‘anti-Gobbi’ della sinistra ticinese (leggi qui) arriva  dal consigliere nazionale Lorenzo Quadrie inizia con la classica esclamazione leghista ‘Uhhh, che pagüüüraaa!”.

“I talebani delle frontiere spalancate, del "devono entrare tutti" e de "gli svizzerotti chiusi e gretti devono mantenere tutti" si mobilitano – martella Quadri sulla sua bacheca Facebook -. Se non ci fossero, bisognerebbe inventarli: in effetti, ogni volta che costoro prendono una posizione pubblica, i consensi della Lega aumentano, oltre ad essere una tangibile dimostrazione che le misure di Gobbi vanno nella direzione giusta. Avanti così! Frontiere il più possibile chiuse - a quando un bel muro "à la Trump"? - e "Prima i nostri"!”

Interessante – conclude il consigliere nazionale – “la presenza tra i firmatari dei sindacati rossi. I quali, evidentemente, dei ticinesi senza lavoro se ne impipano! Infatti anche frontalieri e dimoranti si sindacalizzano e pagano le loro brave quote. Ecco chi contribuisce a creare la "guerra tra poveri" per il proprio tornaconto. "Immigrazione uguale ricchezza" sì... ma per i sindacati ed i loro dirigenti che girano in Audi A6”.



Pubblicato il 20.03.2017 18:00

Guarda anche
Politica e Potere
Due le tesi che si sono confrontate in Parlamento. Da una parte, i sostenitori della mozione del presidente del PPD (alla fine la spunteranno con 47 sì, 25 no e 3 astenuti), che chiedevano un giro di vite in nome della tranquillità degli altri fruitori della montagna e della protezione della fauna e della flora. Dall’altra i contrari, Lega, UDC, e Consiglio di Stato, che sostenevano come la problematica fosse talmente circoscritta da non rendere necessarie ulteriori misure, anche per non generare nuovi costi. La cronaca del dibattito
Politica e Potere
Il Parlamento, dopo averlo bocciato per anni, ha deciso di impedire ai suoi membri di sedere nei Consigli d'Amministrazione delle aziende di proprietà del Cantone. Decisivi per approvare la proposta i voti di PS, PPD, Verdi e La Destra. Contrarti il PLR e la maggioranza del gruppo della Lega. Risultato finale: 43 favorevoli, 35 contrari e 3 astenuti
Politica e Potere
C’è da rimanere sbigottiti di fronte alle dichiarazioni di alcuni rappresentanti del mondo politico ed accademico, sulla raccomandazione che Norman Gobbi ha inviato ai Municipi ticinesi per fronteggiare la campagna Lies, promossa da organizzazioni salafite attive in Svizzera. L'Islam deve avere un suo spazio, ma non siamo disponibili a dare un palcoscenico a invasati bacia tappeti con la lingua biforcuta
Politica e Potere
Il procuratore generale: "Qualora dovessero emergere elementi atti a configurare reati corruttivi o patrimoniali in danno dello Stato, non mancherò ovviamente di comunicarvelo per la costituzione (attualmente prematura) di accusatore privato”