Cronaca
Attacco a Londra. Ecco il video dell'attentato sul ponte di Westminster. L'automobile che falcia i pedoni e la donna che si butta nel Tamigi per salvarsi Video
Nel frattempo proseguono senza sosta le indagini della polizia. Nella notte 7 persone sono state arrestate durante sei diverse operazioni di polizia avvenute a Londra, a Birmingham e in altre località. Rimane per contro ancora avvolto nel mistero nome e storia dell'attentatore
LONDRA - Sono le prime immagini in "presa diretta" dell'attentato avvenuto ieri pomeriggio a Londra. Immagini riprese da una telecamera di sicurezza e che fanno intuire i momenti di terrore vissuti sul ponte di Westminster, nella prima fase dell'attentato nel cuore della capitale inglese.
 
In particolare la sequenza coglie una delle sfumature più raccontate dai media britannici: quella della donna che per salvarsi dalla follia omicida dell'attentatore si tuffa nel Tamigi (sarà poi tratta in salvo dallapolizia).
 
Nel frattempo proseguono senza sosta le indagini della polizia. Nella notte  7 persone sono state arrestate durante sei diverse operazioni di polizia avvenute a Londra, a Birmingham e in altre località. 
 
Rimane per contro ancora avvolto  nel mistero nome e storia dell'attentatore, che con la sua azione ha causato 3 morti e una ventina di feriti gravi. Il terrorista, ricordiamo, è stato ucciso dalle forze dell'ordine dopo aver accoltellato a morte un agente all'ingresso del Parlamento britannico. 
 


Pubblicato il 23.03.2017 09:55

Guarda anche
Cronaca
Sono previste precipitazioni intense durante la notte e fino a domattina. La Polizia ha diramato un allarme meteo, raccomandando prudenza. Si temono frane, allagamenti e piene dei corsi d’acqua, in particolare nelle valli
Cronaca
Le zone maggiormente colpite saranno la valle Maggia, la valle Verzasca, la valle Leventina e la valle di Blenio, con una fase più intensa dei temporali tra le 23.00 di questa sera e le 12.00 di domani mattina
Cronaca
Merzari dopo il nostro articolo: "Come associazione Buskers vogliamo assolutamente collaborare con giovani ticinesi. Capisco il discorso di coloro che vi hanno segnalato il caso, e lo posso condividere sul principio. Ma ribadisco: vogliamo dare lavoro ai giovani di Lugano. Credo anch’io molto nei talenti ticinesi…”
Cronaca
Sicuramente ci sarà il solito ‘buon motivo’ a sostegno della scelta di puntare sulla Colla Collective… Come ci furono buoni motivi in occasione delle feste di Natale a Bellinzona, altro caso simile che fece scalpore. Ma, sinceramente, dei soliti buoni motivi non ce ne frega più nulla. Ci limitiamo a riferire la delusione di chi ci scrive. Poi, veda chi deve vedere…