Quarto Potere
Bombe chimiche sui civili siriani, Giulietto Chiesa sbrocca contro David Parenzo a 'La Zanzara': "Testa di cazzo internazionale, scemo di guerra!". E lui: "Sei pagato da Assad". Intanto Trump bombarda la Siria Video
Violentissimo scontro verbale alla ‘La Zanzara’ tra David Parenzo, che conduce la trasmissione radiofonica insieme a Giuseppe Cruciani, e il giornalista e scrittore Giulietto Chiesa. VIDEO
MILANO - La prima azione di guerra di Donald Trump è scattata la notte scorsa: 59 missili Tomahawk sono stati lanciati da due navi contro la base siriana di Al Shayrat, da dove, secondo l’intelligence americana, sarebbero partiti i jet di Bashar al Assad carichi di armi chimiche.

“Cari concittadini – aveva detto Trump in tivù - martedì scorso il dittatore siriano Assad ha lanciato un orribile attacco chimico contro civili innocenti. Usando un letale gas nervino, ha stroncato la vite di uomini, donne, bambini senza speranza. È stata una morte lenta e brutale per molti di loro. Perfino neonati meravigliosi sono stati crudelmente assassinati in questo attacco barbarico. Nessun figlio di Dio dovrebbe mai patire un simile orrore”.

Il bilancio dell’attacco americano sarebbe di cinque i morti: tre militari e due civili e altre 7 persone ferite. Non sarebbe stato colpito alcun aereo o mezzo dei russi, schierati con il regime di Damasco.

E ieri sul tema del bombardamento attribuito ad Assad si è scatenato un violentissimo scontro verbale alla ‘La Zanzara’ tra David Parenzo, che conduce la trasmissione radiofonica insieme a Giuseppe Cruciani, e il giornalista e scrittore Giulietto Chiesa. I due sono da sempre su posizioni antitetiche. Chiesa, solitamente pacato, ha sostenuto la tesi che sono gli occidentali a fornire le armi chimiche ai ribelli in Siria e a un certo punto ha sbroccato insultando Parenzo, che chiaramente ha reagito a modo suo.

“Sei una testa di cazzo internazionale, brutto stronzo che non sei altro, calunniatore, scemo di guerra”, ha detto Chiesa.

“Sei pagato da Assad, penna prezzolata, hai l’attendibilità del Divino Otelma, come al solito non dimostri un cazzo”, ha replicato Parenzo… Insomma, una grandissima bagarre…



Pubblicato il 07.04.2017 10:21

Guarda anche
Quarto Potere
Intervista esclusiva al CEO del Gruppo del Corriere del Ticino che parla per la prima volta della votazione che mira ad abolire il canone: "Una rete tv pubblica fedele alla propria missione è un elemento prezioso per la democrazia. Noi megafono del centrodestra? Tutte invenzioni. Spero che Marchand non sia stato nominato troppo tardi. I derby di hockey "regalati" da UPC? Falso. E dai dipendenti della RSI reazione delirante...."
Quarto Potere
Il dibattito sulla No Billag, da un paio di mesi, è molto acceso sui social, sui siti e, in parte, anche sui giornali. Sulle radio e sulle televisioni che invece beneficiano dell’oggetto del contendere, il canone, non esiste. O per meglio dire esiste soltanto come noioso e doveroso oggetto di cronaca
Quarto Potere
Il presidente della CORSI ci scrive dopo la nostra recensione della serie tv della RSI che ha mandato su tutte le furie i cacciatori: "Ciò che mi è piaciuto del commento è la chiara e onesta distinzione fra la responsabilità autoriale e quella aziendale: un prodotto mal riuscito non deve portare alla condanna di tutta l'azienda!"
Quarto Potere
La scena che ha scatenato le ire degli appassionati dell’attività venatoria, è quella in cui un cacciatore prima fa la pipì, poi sorseggia della grappa e, infine, spara per errore a una ragazzina uccidendola. La provocazione è forte, e potrebbe anche essere interessante, ma è talmente costruita e raccontata male - sia prima che dopo la fucilata - da risultare un “bimbicidio” da caccia grottesco. Il problema, insomma, è la qualità del prodotto più che i suoi contenuti