Cronaca
Ennesima rapina a mano armata sul confine. Colpo al distributore Tamoil a San Pietro di Stabio. Ecco i connotati dei banditi, che sono fuggiti a bordo di un'Audi nera guidata da un complice
Le ricerche non hanno finora dato esito positivo. Eventuali testimoni che hanno notato movimenti sospetti nelle vicinanze del distributore sono pregati di contattare la Polizia cantonale
Foto: TiPress/Benedetto Galli
SAN PIETRO DI STABIO - La Polizia cantonale comunica che oggi pomeriggio poco dopo le 13.30 a San Pietro di Stabio presso il distributore di benzina Tamoil in via Dogana vi è stata una rapina. Due rapinatori, uno a viso scoperto e uno con viso coperto, sono entrati nel distributore. Il rapinatore a viso scoperto ha minacciato con un'arma da fuoco le dipendenti facendosi consegnare del denaro. Dopodiché sono fuggiti a bordo di un'Audi A2 di colore nero, con alla guida un terzo complice, in direzione del vicino valico. Nessuno è rimasto ferito. Le ricerche subito intraprese non hanno dato, finora, esito positivo.

Connotati dei rapinatori:

1) Uomo, circa 40 anni, capelli lunghi scuri, corporatura snella. Indossava berretta e sciarpa scura, giacca a vento rossa con cappuccio, pantaloni jeans blu, scarpe da ginnastica nere con suola bianca.

2) Uomo, circa 65 anni, capelli grigi scuri, baffi e pizzetto grigi, occhiali da vista. Indossava gilet grigio scuro con colletto marrone chiaro e rosso, camicia a maniche corte a quadretti, jeans blu, scarpe da ginnastica nere con stringhe bianche.

Eventuali testimoni che hanno notato movimenti sospetti nelle vicinanze del distributore sono pregati di contattare la Polizia cantonale allo 0848 25 55 55.

Pubblicato il 18.04.2017 16:36

Guarda anche
Cronaca
Oggi per lo storico capo della Scientifica è stato l'ultimo giorno di lavoro. Nasconde la nostalgia dietro una frase lapidaria: “Da oggi si cambia. Tutto qui…”. Niente lacrimucce, bando alla commozione... Ma siamo certi che oggi quei 37 anni gli sono passati davanti agli occhi come la pellicola di un film, con il loro carico di ricordi, di successi, di sconfitte, di immagini, di volti, di incontri…
Cronaca
Il caso è stato segnalato da un passeggero che si è accorto del problema questa mattina all'alba mentre aspettava il primo treno per Locarno
Cronaca
L'attacco in Spagna è stato condotto da una cellula formata da una decina di uomini che disponevano di mezzi e basi operative, tra cui l'abitazione esplosa giovedì ad Alcanar, sempre sulla costa iberica