Politica e Potere
Quadri sui frontalieri tartassati dal radar di Balerna: "Diamoci un taglio a questi piagnistei e a queste squallide recriminazioni anti-Ticino. Niente infrazione, niente multa. E come la mettiamo con i ticinesi che venivano multati in dogana per la mancanza del'adesivo CH?"
Il consigliere nazionale Lorenzo Quadri replica su Facebook all'articolo della Provincia di Como sui frontalieri tartassati dal radar di Balerna. E le sue esternazioni susciteranno sicuramente polemica...
foto: TiPress/Gabriele Putzu
LUGANO - Il consigliere nazionale Lorenzo Quadri replica su Facebook all'articolo della Provincia di Como sui frontalieri tartassati dal radar di Balerna (leggi qui). E le sue esternazioni susciteranno sicuramente polemica...

di Lorenzo Quadri *

"Diamoci un taglio a questi piagnistei e a queste squallide recriminazioni anti-Ticino. Cosa pensano questi signori frontalieri, che se si lamentano gli viene levata la multa? E i giornali della fascia di confine che danno spago, credono forse di rendere un buon servizio alla loro cittadinanza?
Niente infrazione, niente multa. Più facile di così... Oppure si pretende l'immunità dalle contravvenzioni?
A proposito: come la mettiamo con i ticinesi che venivano multati in dogana per la mancanza del famoso adesivo CH?
E se qualcuno dei 65mila frontalieri e delle svariate migliaia di padroncini che entrano in Ticino quotidianamente (ovviamente uno per macchina) si sente discriminato e perseguitato dai ticinesi razzisti, non ha che da trovarsi un lavoro nel Belpaese. E poi, ovviamente, pagare le tasse come i suoi connazionali che lavorano in Italia. Perché è magari il caso di ricordare che quelli che continuano a protestare per qualsiasi cosa (forse ringalluzziti dai recenti isterismi di taluni politicanti e giornalai d'oltreconfine) sono pure dei privilegiati fiscali".

* consigliere nazionale

Pubblicato il 19.04.2017 09:51

Guarda anche
Politica e Potere
L'avvocato di Mendrisio: "La visita alla pista addobbata è un pretesto per uscire di casa, per “socializzare”, come si dice oggi, in una piazza che finalmente vive. Sono anni che vanamente chiedo ai politici di estendere il periodo in cui questa pista allieta l’inverno. Le mie richieste sono sempre cadute nel vuoto vuoi invocando il riscaldamento globale terrestre, oppure sommerse dal nuovo mantra del “ghé pü da danee”
Politica e Potere
Sia il capogruppo Daniele Caverzasio che la stessa Minoretti, motivano la scelta di lasciare il Parlamento con l’impossibilità per l’ormai ex Gran Consigliera di conciliare l’attività professionale con quella parlamentare. Ma in realtà la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata un'altra....
Politica e Potere
Il Consigliere agli Stati sul collega vallesano finito sotto i riflettori dello scandalo: "È irritante l'immagine di un Parlamento infarcito di uomini incapaci a controllarsi dinnanzi alle colleghe, degni successori del Cavaliere nella sua villa di Arcore, oppure di Strauss-Kahn in qualche camera d’albergo. Non è così. A Palazzo federale non si entra in un ascensore solamente dopo essere riusciti ad evitare questo o quel collega compagno di viaggio..."
Politica e Potere
Dopo la presa di posizione favorevole alla riforma del Consigliere di Stato e di larga parte del Gruppo in Gran Consiglio, ecco quella contraria della direzione del partito: "Non mi interessano accordi, inciuci di palazzo nei quali tu mi dai questo ed io ti do quell’altro. Sui bisogni della popolazione e del Cantone non si mercanteggia"
  • Le più lette