Cronaca
Gabinetti chiusi a Bogno e Cureggia, Petra Schellmann interroga il Municipio: "Diverse lamentele da parte dei turisti. Non si ritiene superata questa misura di risparmio?"
La consigliera comunale del PLR Petra Schnellmann interroga il Municipio sulla decisione di mantenere chiusi alcuni gabinetti pubblici
LUGANO – La consigliera comunale del PLR Petra Schnellmann interroga il Municipio sulla decisione di mantenere chiusi alcuni gabinetti pubblici.

“La Pasqua appena trascorsa ha fatto registrare pressoché il tutto esaurito nell’intera regione del luganese, come pure a livello cantonale – scrive -. Purtroppo sono però giunte segnalazioni di diverse lamentele di turisti che si sono visti sbarrate le porte di diversi wc pubblici; come per esempio nelle località di Bogno e Cureggia.

Sono a conoscenza della decisione del Municipio di chiudere appunto alcuni servizi igienici sul proprio territorio per motivi di risparmio ma ritengo oggi che questa misura sia superata e vada rivista nonostante i miglioramenti già fatti grazie a due interpellanze(2014).

Alla luce dell’ottimo consuntivo 2016 (avanzo di esercizio di 8,9 milioni di franchi) e valutato come l’aspetto turistico assuma sempre più importanza, si ritiene giustificato lasciare che i turisti, almeno durante i periodi di grande affluenza, possano usufruire dei servizi pubblici presenti”.

Due, infine, le domande:
• Il Municipio non ritiene superata una delle misure di risparmio che consiste nella chiusura di alcuni wc pubblici?
• Se volesse mantenere comunque in vigore tale misura, si riuscirebbe a concludere un accordo, magari con dei privati, per mantenerli aperti durante i periodi turisticamente interessanti?



Pubblicato il 19.04.2017 15:21

Guarda anche
Cronaca
L’ambasciata, fa sapere l’ambasciatore, Hein Walker-Nederkoorn, “nel senso di un gesto umanitario, in collaborazione con la Segreteria di Stato della migrazione, ha deciso di facilitare il viaggio in Svizzera della famiglia”. Arriveranno la moglie, un fratello e le figlie, di 16 e 20 anni
Cronaca
Il presidente di Gastroticino ci scrive: "Questa "terrazza ticinese" era arredata con poster ufficiali di Ticino Turismo e all’interno dello stand campeggiava anche il marchio VITI, con tanto di boccalini rossoblù! Ma al posto del vino ticinese servivano Merlot del veneto......"
Cronaca
Il passaggio di proprietà è stato deciso di comune accordo, in seguito alla volontà reciproca di permettere al Management operativo di raggiungere la quasi totalità delle partecipazioni di EVENTMORE. È inoltre frutto della consapevolezza che le piccole-medie imprese devono costantemente rivedere i processi strategici
Cronaca
La showgirl senza freni sullo scandalo sessuale che ha travolto Hollywood: "Una può sottrarsi tranquillamente alle proposte indecenti. Con me ci provò un regista italiano molto famoso: si presentò con un perizoma rosso....Trovo osceno che tutte le attrici in blocco abbiano denunciato Weinstein. E’ uno schifo, una vergogna…"