Politica e Potere
Migranti: la pressione sul Ticino non diminuirà. In Italia crescita del 60% sugli sbarchi: "Ma la Svizzera oggi è meno attrattiva con la procedura accelerata"
Il segretario di Stato alla migrazione Mario Gattiker fa il punto della situazione e rassicura nonostante i dati poco confortanti che arrivano dalla vicina Penisola: "Le domande d'asilo sono perfino in calo in confronto al primo trimestre 2016"
Ti Press
BERNA/BELLINZONA - Nessuno si aspetti che la situazione migliori: l’ondata migratoria sul Ticino e sulla Svizzera non si attenuerà. Lo afferma il segretario di Stato alla migrazione Mario Gattiker, intervistato da alcuni giornali romandi.

”L'Italia - spiega l’alto funzionario - ha già registrato una crescita del 60% degli arrivi se rapportato agli stessi mesi dello scorso anno”. Nel nostro Paese gli effetti ancora non sono visibili, ma è prevedibile che presto lo saranno.

Tuttavia, afferma Gattiker, “l'attrattiva della Svizzera è diminuita con il trattamento in maniera accelerata delle domande d'asilo poco fondate presentate da persone provenienti da Paesi per i quali il tasso di riconoscimento è basso”.

E questo consentirà di certo di limitare la pressione migratoria sul nostro Paese. A sostegno di questa tesi, il segretario di Stato, cita un dato fondamentale: “Le domande d'asilo sono perfino in calo in confronto al primo trimestre 2016".

Pubblicato il 20.04.2017 10:28

Guarda anche
Politica e Potere
Della ricerca della verità, nuda e cruda, non importa più una beata mazza a nessuno. Perché una verità è già stata stabilita dalla folla con la bava alla bocca. Siamo nel giustizialismo più feroce e più irrazionale. Quindi, il più pericoloso
Politica e Potere
Il presidente dell'UDC ci scrive: "L'iniziativa Contro i giudici stranieri lanciata dall'UDC, dove prevale il diritto svizzero su quello internazionale, non piace all'UE. Dove sarebbe la novità?"
Politica e Potere
Il Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC), dopo un consulto con il Sorvegliante dei prezzi, riesaminerà le tariffe del canone radiotelevisivo nel 2020 e in seguito ogni due anni, con l'obiettivo di ridurle ulteriormente
Politica e Potere
Il direttore del DECS, rispondendo a un'interpellanza in Parlamento, è tornato sulla polemica scoppiata dopo la votazione sulla Civica: "Sono due gli insegnanti sotto inchiesta. Il Governo deciderà presto quali provvedimenti adottare"