Politica e Potere
Migranti: la pressione sul Ticino non diminuirà. In Italia crescita del 60% sugli sbarchi: "Ma la Svizzera oggi è meno attrattiva con la procedura accelerata"
Il segretario di Stato alla migrazione Mario Gattiker fa il punto della situazione e rassicura nonostante i dati poco confortanti che arrivano dalla vicina Penisola: "Le domande d'asilo sono perfino in calo in confronto al primo trimestre 2016"
Ti Press
BERNA/BELLINZONA - Nessuno si aspetti che la situazione migliori: l’ondata migratoria sul Ticino e sulla Svizzera non si attenuerà. Lo afferma il segretario di Stato alla migrazione Mario Gattiker, intervistato da alcuni giornali romandi.

”L'Italia - spiega l’alto funzionario - ha già registrato una crescita del 60% degli arrivi se rapportato agli stessi mesi dello scorso anno”. Nel nostro Paese gli effetti ancora non sono visibili, ma è prevedibile che presto lo saranno.
/> Tuttavia, afferma Gattiker, “l'attrattiva della Svizzera è diminuita con il trattamento in maniera accelerata delle domande d'asilo poco fondate presentate da persone provenienti da Paesi per i quali il tasso di riconoscimento è basso”.

E questo consentirà di certo di limitare la pressione migratoria sul nostro Paese. A sostegno di questa tesi, il segretario di Stato, cita un dato fondamentale: “Le domande d'asilo sono perfino in calo in confronto al primo trimestre 2016".

Pubblicato il 20.04.2017 10:28

Guarda anche
Politica e Potere
L’ormai ex vicepresidente dell’aeroporto denuncia una clima difficile all’interno del Consiglio d’Amministrazione. Con lui si sono dimessi anche Luca Bolzani e Daniele Casalini
Politica e Potere
Il Consiglio di Stato: malgrado, al netto dei sussidi, durante l’intero periodo 2011-2016 tutte queste stazioni sciistiche abbiano generato perdite, è dimostrato che come ogni franco loro versato sotto forma di sussidio cantonale generi 14 franchi di “effetto moltiplicatore” in tutto il Ticino.
Politica e Potere
Il capogruppo della Lega, a titolo personale, chiede un "rinvio di riflessione" sui due temi più caldi di questo inizio d'estate della politica luganese: "Ma la decisione finale la prenderà il gruppo nei prossimi giorni. Dopo il caso mandati mi aspetto anche che il Municipio prenda delle misure forti affinché ciò che è accaduto non si ripeta mai più e che l’Esecutivo sanzioni con altrettanta forza chi ha sbagliato"
Politica e Potere
Ecco le spiegazioni fornite dal ministro della sanità e della socialità sotto il fuoco di fila delle domande dei deputati. Se Blotti fosse ancora capo divisione dovrebbe essere rimosso? "Per rimuovere una persona bisogna sempre fare un’inchiesta amministrativa"