Cronaca
New York, le agghiaccianti immagini di un bambino di tre anni aggredito da un pitbull mentre gioca sul marciapiede. Ecco che cosa può succedere se lasciate libero un cane del genere  Video
La scena è stata ripresa da una telecamera ed è agghiacciante. Gli altri bambini sono fuggiti terrorizzati, alcune persone che passavano in auto si sono fermate e sono scese per soccorrere il piccolo
NEW YORK - Un bimbo di tre anni stava giocando su un marciapiede a New York, nella zona di Spring Valley, insieme con altri bimbi quando è stato aggredito da un pitbull che gli si è avventato contro e lo ha trascinato a terra ferendolo al volto e alla gola. La scena è stata ripresa da una telecamera ed è agghiacciante.

Gli altri bambini sono fuggiti terrorizzati, alcune persone che passavano in auto si sono fermate e sono scese per soccorrere il piccolo. Nel quartiere, riportano i media locali, in molti avevano segnalato il cane lasciato girare libero senza guinzaglio, ma nessuno era intervenuto fino a quel momento.


Pubblicato il 21.04.2017 17:54

Guarda anche
Cronaca
L’impatto del pugno di per sé di modesta entità - scrive la RSI che ha anticipato la notizia - provocò un abnorme movimento del collo, che produsse a sua volta la lacerazione dell’arteria vertebrale sinistra (all’origine dell’emorragia cerebrale). Sembrerebbe trovare dunque conferma la testimonianza del buttafuori del locale
Cronaca
La gente che ha casa lì questa mattina ha iniziato a spalare in attesa che arrivassero rinforzi. Il Cantone ha inviato una ruspa, ma agli abitanti resta il compito di spalare a mano i detriti. Perché, gli è stato detto, quel piazzale è terra di nessuno: “Dovere arrangiarvi voi”. Potete immaginare il livello di incazzatura…
Cronaca
Un uomo impugnando un arma da taglio è entrato nel distributore e si è fatto consegnare l'incasso. Il rapinatore è poi fuggito con una Fiat di colore grigio con targhe italiane, in direzione del valico. A bordo del veicolo vi era pure una seconda persona.
Cronaca
Se la lacustre di 11 chili se l’era aggiudicata Angelo Delea, che l’ha proposta ai clienti della sua ‘Bottega del Vino’, quella di oggi l’ha comprata l’Osteria Boato di Brissago