Quarto Potere
"Sa ciama Macron, l'è da quel muviment che sa ciama "En Marche!": cioè l'è vun che camina...". Lo strepitoso video commento di Reto Ceschi in dialetto sulle elezioni francesi. Boom di visualizzazioni sui social
Il direttore dell’informazione della RSI lo ha fatto seduto su una panchina di Parigi, subito dopo che i risultati del ballottaggio delle presidenziali francesi sono stati resi noti ieri seri. Una grande trovata ironica e autoironica. GUARDA IL VIDEO
PARIGI/COMANO - Il commento della vittoria di Emmanuel Macron su Marine Le Pen in dialetto. Il direttore dell’informazione della RSI Reto Ceschi lo ha fatto seduto su una panchina di Parigi, subito dopo che i risultati del ballottaggio delle presidenziali francesi sono stati resi noti ieri seri.

 

Il video è poi stato postato da Ceschi sui suoi canali social registrando un boom di visualizzazioni e condivisioni. Insomma una trovata ironica, ed autoironica, di quelle che piacciono e che di tanto in tanto ci stanno eccome. Soprattutto se a farla è un personaggio che siamo abituati a vedere negli abiti seri e imparziali del conduttore di 60 minuti.

 



Pubblicato il 08.05.2017 09:15

Guarda anche
Quarto Potere
La direttrice del Giornale del Popolo: "Un importante punto di svolta nella storia del GdP, la riconquista della piena autonomia, con l’obiettivo che la storica testata continui a essere presente ancora a lungo sulla scena mediatica ticinese e nazionale"
Quarto Potere
Gli editori: "È una decisione maturata dall'editore del GdP, il vescovo Valerio Lazzeri, assieme alla direzione del giornale. In questo senso, dunque, non verrà rinnovato il contratto di collaborazione editoriale e pubblicitario che scade il 31 dicembre 2017”
Quarto Potere
SECONDOME - Antonella Rainoldi: "In Ticino, le associazioni professionali, il cui compito dovrebbe essere quello di ascoltare e difendere i giornalisti, non mettono bocca sulle opinioni dei loro affiliati, non si sostituiscono alla giustizia e non recano danno, ma..."
Quarto Potere
La rettifica del direttore del CdT: "l rammarico è grande, pari al rispetto che abbiamo verso i nostri lettori e verso la verità dei fatti. Il giornalista, che si è firmato con uno pseudonimo, ha agito in buonafede. Quando qualcosa va storto occorre l'onestà di ammetterlo"