Quarto Potere
"Sa ciama Macron, l'è da quel muviment che sa ciama "En Marche!": cioè l'è vun che camina...". Lo strepitoso video commento di Reto Ceschi in dialetto sulle elezioni francesi. Boom di visualizzazioni sui social
Il direttore dell’informazione della RSI lo ha fatto seduto su una panchina di Parigi, subito dopo che i risultati del ballottaggio delle presidenziali francesi sono stati resi noti ieri seri. Una grande trovata ironica e autoironica. GUARDA IL VIDEO
PARIGI/COMANO - Il commento della vittoria di Emmanuel Macron su Marine Le Pen in dialetto. Il direttore dell’informazione della RSI Reto Ceschi lo ha fatto seduto su una panchina di Parigi, subito dopo che i risultati del ballottaggio delle presidenziali francesi sono stati resi noti ieri seri.

 

Il video è poi stato postato da Ceschi sui suoi canali social registrando un boom di visualizzazioni e condivisioni. Insomma una trovata ironica, ed autoironica, di quelle che piacciono e che di tanto in tanto ci stanno eccome. Soprattutto se a farla è un personaggio che siamo abituati a vedere negli abiti seri e imparziali del conduttore di 60 minuti.

 



Pubblicato il 08.05.2017 09:15

Guarda anche
Quarto Potere
Intervista esclusiva al direttore di Teleticino che rompe il silenzio sul voto del 4 marzo (e su molte altre cose...). "Iniziativa troppo estrema: non è ragionevole abolire il canone. Ma il nostro mandato è quello di portare avanti un’azienda, senza dire al pubblico come deve votare. I telespettatori sono grandi abbastanza per decidere da soli e ci giudicheranno in base a quello che mandiamo in onda”
Quarto Potere
Intervista al presidente e deputato di Arealiberale che si schiera contro l'abolizione del canone: "Non bisogna mai distruggere per costruire: questo è un metodaccio da regime di sinistra. Ma se la campagna dei contrari continua così rischiano l'effetto Trump (o l'effetto docenti)"
Quarto Potere
L'ANALISI - Ma il clima isterico innescato da alcuni tra i contrari all’iniziativa è controproducente. Gli argomenti contro l'iniziativa sono solidi e di buon senso. Non occorre orchestrare una guerra tra “civili”, quelli che dicono “no” alla proposta, e “barbari”, quelli favorevoli. Farlo sarebbe un errore tattico imperdonabile