Medici in prima linea
Iniziativa popolare“Per cure mediche e ospedaliere di prossimità”: arriva il sostegno dell'Ordine dei medici
Presa di posizione del Consiglio direttivo dell'OMCT: "Questa iniziativa delle cure mediche ospedaliere di prossimità permette altresì un miglior rapporto tra qualità delle cure e costi sanitari, conformemente a quanto richiede da sempre la LAMal: cure accessibili per tutti, di qualità e economicamente sostenibili"
© Ti-Press / Sara Solcà
CADEMPINO - Il Consiglio Direttivo dell’Ordine dei medici, nella seduta del 10 maggio 2017, ha esaminato il testo dell’iniziativa popolare legislativa “Per cure mediche e ospedaliere di prossimità” presentate dal Presidente del Circolo Medico Tre Valli, Dr. Moreno Guidicelli, e ha deciso all’unanimità il pieno sostegno all’iniziativa.

"Iniziativa che - si legge in una nota diffusa dall'Ordine - vuole garantire l’accessibilità alle cure mediche di base, promuovere la medicina di famiglia anche e soprattutto nelle regioni periferiche. Contemporaneamente tende a favorire l’implementazione di posti di formazione per medici nelle strutture ospedaliere del territorio.  Questa iniziativa delle cure mediche ospedaliere di prossimità permette altresì un miglior rapporto tra qualità delle cure e costi sanitari, conformemente a quanto richiede da sempre la LAMal: cure accessibili per tutti, di qualità e economicamente sostenibili".

Pubblicato il 11.05.2017 10:21

Guarda anche
Medici in prima linea
Il presidente dell'Ordine dei medici: "È evidente che nel gioco delle parti, l’interesse delle casse malati sia quello di scoraggiare il più possibile il paziente a rivolgersi a un medico o a una struttura ospedaliera. Il problema è: a quale rischio? Davvero ci si vuole assumere la responsabilità di consigliere una persona sulla base di una telefonata? A mio avviso stiamo veramente giocando con il fuoco sulla pelle dei pazienti”
Medici in prima linea
Una vertenza cominciata oltre quattro anni fa e conclusasi in questi giorni con una sentenza favorevole del Tribunale Federale. Denti: "È stata una battaglia lunga e stressante"
Medici in prima linea
Il presidente dell'Ordine dei medici ci scrive: "Di medici specialisti formati in Svizzera ne abbiamo a sufficienza, anche ticinesi, se non ritornano è perché spesso manca una programmazione. Più facile trincerarsi dietro i " non abbiamo trovato nessuno all'altezza in Svizzera" che fare autocritica"
Medici in prima linea
Il presidente dell'Ordine dei medici: "Un esempio di poca razionalizzazione delle risorse è il plurimilionario investimento per la ristrutturazione dell’Ospedale Civico di Lugano, quando con qualche milione in più si poteva finalmente dar vita ad un ospedale di riferimento Cantonale"