Medici in prima linea
Iniziativa popolare“Per cure mediche e ospedaliere di prossimità”: arriva il sostegno dell'Ordine dei medici
Presa di posizione del Consiglio direttivo dell'OMCT: "Questa iniziativa delle cure mediche ospedaliere di prossimità permette altresì un miglior rapporto tra qualità delle cure e costi sanitari, conformemente a quanto richiede da sempre la LAMal: cure accessibili per tutti, di qualità e economicamente sostenibili"
© Ti-Press / Sara Solcà
CADEMPINO - Il Consiglio Direttivo dell’Ordine dei medici, nella seduta del 10 maggio 2017, ha esaminato il testo dell’iniziativa popolare legislativa “Per cure mediche e ospedaliere di prossimità” presentate dal Presidente del Circolo Medico Tre Valli, Dr. Moreno Guidicelli, e ha deciso all’unanimità il pieno sostegno all’iniziativa.

"Iniziativa che - si legge in una nota diffusa dall'Ordine - vuole garantire l’accessibilità alle cure mediche di base, promuovere la medicina di famiglia anche e soprattutto nelle regioni periferiche. Contemporaneamente tende a favorire l’implementazione di posti di formazione per medici nelle strutture ospedaliere del territorio.  Questa iniziativa delle cure mediche ospedaliere di prossimità permette altresì un miglior rapporto tra qualità delle cure e costi sanitari, conformemente a quanto richiede da sempre la LAMal: cure accessibili per tutti, di qualità e economicamente sostenibili".

Pubblicato il 11.05.2017 10:21

Guarda anche
Medici in prima linea
Il presidente dell'Ordine dei medici ci scrive: "Di medici specialisti formati in Svizzera ne abbiamo a sufficienza, anche ticinesi, se non ritornano è perché spesso manca una programmazione. Più facile trincerarsi dietro i " non abbiamo trovato nessuno all'altezza in Svizzera" che fare autocritica"
Medici in prima linea
Il presidente dell'Ordine dei medici: "Un esempio di poca razionalizzazione delle risorse è il plurimilionario investimento per la ristrutturazione dell’Ospedale Civico di Lugano, quando con qualche milione in più si poteva finalmente dar vita ad un ospedale di riferimento Cantonale"
Medici in prima linea
Il presidente dell'Ordine dei medici: " "Molti professionisti stranieri sono entranti nel sistema sanitario svizzero senza le dovute conoscenze. Basti pensare all'architettura assicurativa o alle regole e ai codici deontologici che da noi sono più severi, ad esempio sulla pubblicità. Abbiamo cercato all'inizio di questa ondata di proporre dei corsi obbligatori per poter spiegare il nostro modello ma questi non sono stati attuati poiché contravvenivano alla Libera circolazione delle persone"
Medici in prima linea
Promotori della raccolta firme saranno l’Associazione dei Medici Assistenti e Capi clinica (ASMACT) e l'Ordine dei Medici: "Accanto a un’offerta completa e capillare nelle Città e nelle Valli della medicina di base deve esserci una struttura nella quale concentrare le specializzazioni di punta"