Pane e vino
Ticino campione del Mondo! “Piccola Vigna” di Soldini e Trapletti miglior Merlot del Mondial e unica Gran Medaglia d’Oro del concorso internazionale. Per Delea miglior rosato e miglior vino d'assemblaggio
Anche quest’anno il Ticino grazie ai suoi produttori si è confermato luogo di eccellenza per questo vitigno di origine bordolese. Lo dimostrano le numerose medaglie assegnate, 18 d’oro e 33 d’argento, ma anche i premi di categoria al Mondial du Merlot. E il 25 e 26 maggio sarà possibile degustare i vini medagliati alla Casa del Vino al Mulino del Ghitello
Nella foto Angelo Delea con i premi conquistati al Mondial du Merlot
SIERRE - La decima edizione del Mondial du Merlot, che si è avvalsa di una giuria internazionale, si è svolta, come di consueto, a Sierre. Anche quest’anno il Ticino grazie ai suoi produttori si è confermato luogo di eccellenza per questo vitigno di origine bordolese.

 

Il merlot, in tutte le sue sfaccettature, riesce a produrre sui nostri terreni diverse tipologie di vino che si impongono a livello internazionale. Lo dimostrano le numerose medaglie assegnate, 18 d’oro e 33 d’argento, ma anche i premi di categoria.

 

Premio per il Miglior vino svizzero e del Concorso è stato attribuito all’azienda Piccola Vigna di Soldini e Trapletti, Coldrerio. La ditta Vini & Distillati Angelo Delea, Losone con il suo Chiar di Luna si è aggiudicata il premio per il miglior rosato o bianco di nero e anche il premio VINOFED, destinato al vino che ottiene il punteggio più omogeneo tra i giurati, mentre con il suo Diamante vince il premio per il miglior vino d’assemblaggio.

 

Un concorso però non deve rimanere appannaggio esclusivo degli addetti ai lavori: per questo, alla Casa del vino Ticino al Mulino del Ghitello di Morbio, i prossimi 25 e 26 maggio sarà possibile degustare i vini medagliati con l’oro, incluso il vincitore assoluto del concorso. Costo della degustazione Chf. 30.-

 

Questi risultati d’insieme sono un biglietto da visita per l’immagine della nostra viticoltura e lo dimostrano i risultati di vendita pubblicati settimana scorsa dall’ufficio federale dell’agricoltura dai quali si evince chiaramente che il Ticino è l’unica regione viticola svizzera ad avere incrementato le proprie vendite e, se pensiamo che anche l’importazione dei vini esteri è regredita del 0.9%, non possiamo che andarne fieri.



Pubblicato il 17.05.2017 13:36

Guarda anche
Pane e vino
“Maggio e giugno sono i mesi delle fragole ma anche il periodo dell’anno dove il pomodoro locale inizia a dare il meglio di sé esprimendosi in una miriade di varietà", spiega Marco Colombo, responsabile commerciale di TIOR
Pane e vino
"La qualità raggiunta dai nostri imprenditori viticoli - scrive Ticinowine in una nota - viene premiata anche nelle vendite. Settimana scorsa, l’ufficio federale dell’Agricoltura ha pubblicato il resoconto dell’annata 2016 e, negli articoli apparsi, ne esce un’immagine di vendite non molto incoraggiante per la viticoltura svizzera e sul consumo del vino nel nostro paese che continua a diminuire a livello pro capite. Peccato che i media non siano andati più a fondo. Infatti dai risultati emerge che l’unica regione viticola controcorrente è il Ticino, dove le vendite sono aumentate"
Pane e vino
Ogni cantina ha la sua filosofia. Da alcuni anni Uberto Valsangiacomo, titolare dell’omonima azienda di Mendrisio, in via alle Cantine, propone una formula singolare: abbina alle degustazioni delle ghiottonerie gastronomiche
Pane e vino
In occasione dell’evento ‘Cantine aperte’, in programma sabato 27 e domenica 28 maggio, dalle 10 alle 18, l’azienda Tamborni Vini presenterà il suo nuovo rosato ‘Osé’