Politica e Potere
Un Ticino sempre più povero, Quadri replica a Beltraminelli: "Gli asilanti non devono essere integrati nel mondo del lavoro, gli immigrati nello stato sociale non devono ricevere prestazioni, le espulsioni vanno rese più rapide. E poi ci sono i frontalieri..."
Il consigliere nazionale al ministro: "Se in Ticino entrano ogni giorno 65mila frontalieri, e, di questi, 40mila sono attivi nel terziario dove non colmano alcuna carenza di manodopera locale, è scontato che poi non ci sia lavoro per i residenti. Questi ultimi, di conseguenza, cadono in situazioni di povertà"
Foto: TiPress/Carlo Reguzzi
LOCARNO - Il consigliere nazionale Lorenzo Quadri replica sulla sua bacheca Facebook alle riflessioni del ministro Paolo Beltraminelli (leggi qui) sul nostro articolo sulla povertà in Ticino.

di Lorenzo Quadri

“Il testo del Beltradirettore del DSS pubblicato su liberatv merita un paio di considerazioni.

- Scrive il Consigliere di Stato: "Molti rifugiati ammessi non hanno una formazione professionale per le esigenze svizzere e per tre quarti restano a carico della rete sociale”. Certo, ma il punto è un altro: ossia che molti di questi asilanti non dovrebbero nemmeno più essere in Svizzera. Le ammissioni provvisorie devono tornare ad essere tali.
L’asilante che non è individualmente minacciato ma che scappa dal suo paese perché è in guerra, una volta passata l’emergenza umanitaria deve rimpatriare. Invece questo adesso non avviene.
Gli asilanti non devono venire “integrati” nel mondo del lavoro di questo sempre meno ridente Cantone dove, “grazie” all’invasione da sud, non c’è più spazio nemmeno per i ticinesi. Devono venire rimpatriati.

Scrive il Consigliere di Stato: “Insisto che finché una persona che ha diritto di risiedere (da noi) deve poter ricevere gli aiuti dell’assistenza perché non vogliamo che aumentino i furti e il degrado sociale”.
Occorre ribadire: gli immigrati nello Stato sociale non devono ricevere prestazioni. Le espulsioni vanno rese più rapide ed efficaci (anche se ovviamente molto dipende dalle istanze giudiziarie).

- Scrive il Consigliere di Stato: "Fatico a credere che chiudendo i vasi comunicanti (ossia le frontiere) si aumenti il benessere”. Ohibò, eppure è tanto semplice: se in Ticino entrano ogni giorno 65mila frontalieri, e, di questi, 40mila sono attivi nel terziario dove non colmano alcuna carenza di manodopera locale, è scontato che poi non ci sia lavoro per i residenti. Questi ultimi, di conseguenza, cadono in situazioni di povertà.



Pubblicato il 19.05.2017 14:49

Guarda anche
Politica e Potere
Il vicepresidente dell'UDC mette il carico sulla polemica dell'estate: "Già solo il fatto che definiscano un luogo lontano 2 ore/122 km dal capoluogo lombardo e soprattutto sito in un altro stato, le "Maldive di Milano" la dice tutta sulla supponenza e l'arroganza dei nostri vicini"
Politica e Potere
Il presidente del Governo: "Non tocca a me giudicare la strategia del PLR ticinese, ma siccome il partito nazionale dovrà presentare all’Assemblea federale un ticket (ormai questa è la prassi da diversi anni), non occupando tutti i posti disponibili con delle candidature italofone mi pare che così facendo si apra anche formalmente la strada ai romandi, cioè alla principale concorrenza"
Politica e Potere
Morniroli era un medico conosciutissimo (fu il primo neurochirurgo a operare in Ticino), e una personalità di spicco della Lega dei ticinesi, nelle cui fila venne eletto senatore nel 1991, sconfiggendo in una dura battaglia l'uscente Camillo Jelmini
Politica e Potere
La nuova immagine istituzionale della Città, conferma l’istanza di ricorso, non è in contrasto con le leggi vigenti poiché non prevede la sostituzione dello stemma comunale, che resterà invariato