Cronaca
È morto Claudio Generali. Uno dei personaggi che più hanno segnato la politica e l'economia ticinese degli ultimi decenni. È stato ministro, ha guidato la Banca del Gottardo e per quindici anni è stato presidente della CORSI. Aveva 74 anni
“Mi sono messo a disposizione della politica perché avevo maturato una certa indignazione di cittadino per come erano stati gestiti in quegli anni le finanze”, disse qualche anno dopo
È stato consigliere di Stato, direttore del Dipartimento finanze, ha poi lasciato il Governo per assumere la guida della Banca del Gottardo… In seguito è stato presidente della CORSI. Un personaggio che ha segnato profondamente la storia politica ed economica del Ticino. Claudio Generali è morto oggi, dopo lunga malattia, all'età di 74 anni.
Era nato a Sorengo il 17 gennaio del 1943. Dopo il liceo frequentò l’Università di Ginevra laureandosi in economia politica. Poi lavorò nel settore bancario, prima all’UBS e poi alla Banca dello Stato. Nel 1983 fu eletto in Governo.
“Mi sono messo a disposizione della politica perché avevo maturato una certa indignazione di cittadino per come erano stati gestiti in quegli anni le finanze”, disse qualche anno dopo, come riporta il sito della RSI.
Dal 1990 tornò al mondo bancario assumendo la presidenza della Gottardo. Il 10 gennaio del 1994 fu vittima di un grave fatto di sangue: venne ferito al ventre da un ex collaboratore della Banca. La carriera di Generali proseguì alla Gottardo sino al 2005.
Per quindici anni è stato presidente della Società cooperativa per la Radiotelevisione svizzera di Lingua italiana, la CORSI.
“Tutto mi ha dato soddisfazione – disse in un’intervista alla RSI – però considero che il punto massimo dal profilo spirituale e morale è stata la politica”.




Pubblicato il 19.05.2017 16:03

Guarda anche
Cronaca
Il fatto è accaduto in Canada, nella regione dell'Ontario, mentre Richard Wesley era a caccia con l'arco sulla riva di un fiume
Cronaca
L'ANALISI - La prima misura concreta (per citare il giornalista) che dovremmo adottare contro il terrorismo islamico, è quella di spogliarci di questa ipocrisia elefantiaca, di questa corruzione etica che in nome del denaro ci ha messo in vendita, e rinunciare a fare affari, a farci comprare, e a vendere armi a Nazioni che sostengono lo Stato Islamico