Cronaca
È morto Claudio Generali. Uno dei personaggi che più hanno segnato la politica e l'economia ticinese degli ultimi decenni. È stato ministro, ha guidato la Banca del Gottardo e per quindici anni è stato presidente della CORSI. Aveva 74 anni
“Mi sono messo a disposizione della politica perché avevo maturato una certa indignazione di cittadino per come erano stati gestiti in quegli anni le finanze”, disse qualche anno dopo
È stato consigliere di Stato, direttore del Dipartimento finanze, ha poi lasciato il Governo per assumere la guida della Banca del Gottardo… In seguito è stato presidente della CORSI. Un personaggio che ha segnato profondamente la storia politica ed economica del Ticino. Claudio Generali è morto oggi, dopo lunga malattia, all'età di 74 anni.
Era nato a Sorengo il 17 gennaio del 1943. Dopo il liceo frequentò l’Università di Ginevra laureandosi in economia politica. Poi lavorò nel settore bancario, prima all’UBS e poi alla Banca dello Stato. Nel 1983 fu eletto in Governo.
“Mi sono messo a disposizione della politica perché avevo maturato una certa indignazione di cittadino per come erano stati gestiti in quegli anni le finanze”, disse qualche anno dopo, come riporta il sito della RSI.
Dal 1990 tornò al mondo bancario assumendo la presidenza della Gottardo. Il 10 gennaio del 1994 fu vittima di un grave fatto di sangue: venne ferito al ventre da un ex collaboratore della Banca. La carriera di Generali proseguì alla Gottardo sino al 2005.
Per quindici anni è stato presidente della Società cooperativa per la Radiotelevisione svizzera di Lingua italiana, la CORSI.
“Tutto mi ha dato soddisfazione – disse in un’intervista alla RSI – però considero che il punto massimo dal profilo spirituale e morale è stata la politica”.




Pubblicato il 19.05.2017 16:03

Guarda anche
Cronaca
L’impatto del pugno di per sé di modesta entità - scrive la RSI che ha anticipato la notizia - provocò un abnorme movimento del collo, che produsse a sua volta la lacerazione dell’arteria vertebrale sinistra (all’origine dell’emorragia cerebrale). Sembrerebbe trovare dunque conferma la testimonianza del buttafuori del locale
Cronaca
La gente che ha casa lì questa mattina ha iniziato a spalare in attesa che arrivassero rinforzi. Il Cantone ha inviato una ruspa, ma agli abitanti resta il compito di spalare a mano i detriti. Perché, gli è stato detto, quel piazzale è terra di nessuno: “Dovere arrangiarvi voi”. Potete immaginare il livello di incazzatura…
Cronaca
Un uomo impugnando un arma da taglio è entrato nel distributore e si è fatto consegnare l'incasso. Il rapinatore è poi fuggito con una Fiat di colore grigio con targhe italiane, in direzione del valico. A bordo del veicolo vi era pure una seconda persona.
Cronaca
Se la lacustre di 11 chili se l’era aggiudicata Angelo Delea, che l’ha proposta ai clienti della sua ‘Bottega del Vino’, quella di oggi l’ha comprata l’Osteria Boato di Brissago