Nuvolari
Passione Porsche... Il bilancio del primo anno del Centro del Locarnese è di pieno successo. Il direttore Luca Rifuggio: "Vendite oltre le aspettative. Grazie alla politica vincente del nostro marchio". E il gioiello è la carrozzeria certificata dalla prestigiosa casa di Stoccarda
Il Ticino è una delle regioni europee che conta tra le maggiori concentrazioni di Porsche: per ogni cento abitanti c’è una vettura sportiva uscita dalla fabbrica di Stoccarda. Il marchio tedesco ha allargato il segmento di mercato con modelli meno costosi, come la Macan, proposta a partire da 75'000 franchi
GORDOLA - Il Ticino è una delle regioni europee che conta tra le maggiori concentrazioni di Porsche: per ogni cento abitanti c’è una vettura sportiva uscita dalla prestigiosa casa di Stoccarda.
Negli ultimi anni il marchio tedesco ha saputo mantenere la sua quota di mercato anche diversificando i modelli, in particolare entrando nel segmento dei Suv.

E la conferma del costante successo della casa automobilistica tedesca viene anche dal Locarnese: a un anno dall’apertura del nuovo Centro Porsche, inaugurato il 18 marzo del 2016 a Gordola, il bilancio del direttore, Luca Rifuggio, è decisamente positivo: “Le nostre aspettative sono state raggiunte e addirittura superate”.

Il Centro Porsche del Locarnese, che serve in realtà l’intero Sopraceneri, impiega quindici collaboratori, e comprende anche una carrozzeria ufficiale e certificata.

“In questo primo anno – spiega Rifuggio - abbiamo eseguito il ripristino completo di alcuni veicoli d’epoca, i cosiddetti ‘classic’, che hanno più di 10 anni di vita. Queste auto sono tornate come nuove, dal motore alla carrozzeria. Più che una spesa, per i clienti è un investimento, in quanto grazie a questi interventi le vetture mantengono il loro valore. In carrozzeria lavoriamo con tecnologie moderne, ma utilizziamo lacche originali, rispettando sempre i requisiti raccomandati da Porsche. E abbiamo dei collaboratori specializzati che hanno seguito appositi corsi. Ovviamente la nostra carrozzeria si occupa di ogni tipo di riparazione, dal piccolo graffio alle auto incidentate”.

Tornando al bilancio del primo anno, già nei primi nove mesi di apertura, dunque tra aprile e dicembre 2016, il Centro Porsche del Locarnese ha consegnato 83 veicoli nuovi.

“Siamo quindi attorno ai cento veicoli nuovi – dice il direttore -, oltre a una sessantina di auto d’occasione”.

Molti pensano che la Porsche, che all’ultimo Salone di Ginevra ha presentato tre nuovi modelli - la Panamera Sport Turismo, la 911 Gt3 e la 911 Gts - sia una marca destinata esclusivamente a persone benestanti.
La percezione non è del tutto errata, ma il marchio tedesco ha allargato il segmento di mercato con modelli anche meno costosi, come la Macan, che nuova viene proposta a partire da 75'000 franchi.

In Ticino un terzo delle vendite è rappresentata dalle sportwagen, quindi 718 Boxter, 718 Cayman ed ovviamente il modello 911. Più o meno identica la quota dei ‘mini suv’, con la Macan, che ha ottenuto un grandissimo successo. Il restante terzo di vendite è rappresentato dai modelli Panamera e Cayenne.

“L’entrata di Porsche nel segmento Suv, segnato dalla nascita della Cayenne – afferma Luca Rifuggio - è stato importantissimo: molti clienti cercavano e cercano un veicolo sportivo in grado di abbinare il confort a una dinamica di guida tipicamente Porsche”.

Molto importante è anche la tecnologia 4 x 4: oggi l’85/90% dei modelli del marchio tedesco venduti in Svizzera sono infatti a trazione integrale.

Un’altra tendenza significativa, conclude il direttore, è la crescita del mercato dei modelli ibride ed elettrici.
“Posso dire che anche qui siamo all’avanguardia: abbiamo una variante ibrida su Panamera e Cayenne, e anche il modello super sportivo della Panamera, la Turbo S, è ibrida. Questo è un indicatore di come saranno le auto in futuro: realizzate con tecnologie che consentono di recuperare e di riutilizzare l’energia cinetica del veicolo”.

red




Pubblicato il 25.05.2017 18:33

Guarda anche
Nuvolari
Il concerto, organizzato da Carlo Ferrari, vice general manager del gruppo Gardel, è stato reso possibile anche grazie al sostegno della cantina vinicola Valsangiacomo e dell’azienda HSI Sirio di Mendrisio
Nuvolari
Il TCS ha testato e paragonato tra di loro una Renault Zoe, una Nissan Leaf e una Opel Ampera-e. Le auto elettriche esaminate nelle condizioni di questo test offrono solo circa il 58% dell’autonomia annunciata dai costruttori per una ricarica di batteria
Nuvolari
Iniziano oggi, lunedì 2 ottobre, e termineranno sabato 14 ottobre le giornate promozionali di AMAG Regione Ticino
Nuvolari
La vettura è ora in prova presso tutte le concessionarie Audi di AMAG Regione Ticino
  • Le più lette