Crisi e Lavoro
Addio Lugano bella... Lukas Bernasconi parte delle vetrine 'indecorose' dell'ex negozio King in via Nassa e chiede al Municipio che vuol fare e che sta facendo per frenare le chiusure dei negozi in centro
Interrogazione del consigliere comunale a nome del gruppo Lega: "Sono state identificate le ragioni delle ripetute chiusure di negozi? Cosa pensa il Municipio della situazione del commercio in centro città? Sono stati commissionati degli studi per capire come evolverà nel medio termine il commercio al dettaglio a Lugano?"
Foto: TiPress/Francesca Agosta
LUGANO – “Da ormai diverse settimane le facciate dello stabile che precedentemente ospitava il negozio King presentano, al posto delle vetrine esterne, una serie di aperture che definire brutte è poca cosa. Questi vani sono proprio ad altezza uomo e danno alla nostra principale via dello shopping un’immagine di abbandono”. È la premessa dell’interrogazione presentata al Municipio di Lugano dal consigliere comunale Lukas Bernasconi a nome del gruppo Lega.

“Diversi commercianti si sono lamentati manifestando il proprio disappunto per questa situazione. Si fa notare come l’amministrazione abbia due pesi e due misure, da una parte si chiede ai commerci aperti un comportamento rispettoso del decoro e dall’altra si tollera, da lungo tempo, una situazione più riconducibile a un cantiere che al salotto bello di Lugano”, scrive Bernasconi.

Ma il tema principale dell’interrogazione è la difficoltà in cui si dibatte il commercio in centro città. Il gruppo Lega chiede dunque al Municipio come intende muoversi, non solo sulle facciate dello stabile che ospitava il negozio King (sono compatibili con l’immagine che la città si vuole dare? Se No per quale ragione viene tollerata da mesi questa situazione anti estetica che trasmette un’immagine di abbandono?).

Bernasconi chiede se sono state identificate le ragioni delle ripetute chiusure di negozi, cosa pensa il Municipio della situazione del commercio in centro città, se sono stati commissionati degli studi per capire come evolverà nel medio termine il commercio al dettaglio a Lugano, cosa sta facendo il Municipio per evitare che altri negozi debbano chiudere, se è pensabile prevedere delle soluzioni che responsabilizzino i proprietari degli stabili e incentivino l’apertura di nuovi negozi. E infine se il  Municipio è intenzionato ad agire direttamente o preferisce attendere che il mercato trovi un suo equilibrio senza interventi esterni.


Pubblicato il 02.06.2017 09:25

Guarda anche
Crisi e Lavoro
"Il suo presidente Edo Bobbià, che secondo quanto pensa la sinistra non appartiene all'emisfero politico che detiene il primato dell'anima sociale, si esprime dicendo: "non pensavo che la situazione in Ticino fosse ancora così critica". Malgrado gli aiuti (statali e di associazioni private) "ci sono molte famiglie in difficoltà di cui non si sa quasi niente".
Crisi e Lavoro
Gregor Zebic: “Se stai utilizzando per vendere i tuoi prodotti piattaforme come Amazon, Ebay, Booking, Rakuten o altre similari, devi considerare una cosa semplicissima: tu non sei il proprietario dei dati aggregati provenienti dai tuoi clienti, o in altre parole non sei il proprietario del futuro della tua attività"
Crisi e Lavoro
Il sindacato torna sul tema che ha tenuto banco in queste settimane. E minaccia una nuova iniziativa popolare se non verrà adottato un salario minimo di almeno 21 franchi…
Crisi e Lavoro
La vicepresidente del PLR: "Occorre lavorare per mantenere il potere d’acquisto generato, anche con l’introduzione di salari minimi, mettendo davvero i lavoratori su un piano di eguaglianza e riducendo la distorsione del potere d’acquisto determinato dai differenti costi della vita al di là e al di qua della frontiera"