Crisi e Lavoro
Addio Lugano bella... Lukas Bernasconi parte delle vetrine 'indecorose' dell'ex negozio King in via Nassa e chiede al Municipio che vuol fare e che sta facendo per frenare le chiusure dei negozi in centro
Interrogazione del consigliere comunale a nome del gruppo Lega: "Sono state identificate le ragioni delle ripetute chiusure di negozi? Cosa pensa il Municipio della situazione del commercio in centro città? Sono stati commissionati degli studi per capire come evolverà nel medio termine il commercio al dettaglio a Lugano?"
Foto: TiPress/Francesca Agosta
LUGANO – “Da ormai diverse settimane le facciate dello stabile che precedentemente ospitava il negozio King presentano, al posto delle vetrine esterne, una serie di aperture che definire brutte è poca cosa. Questi vani sono proprio ad altezza uomo e danno alla nostra principale via dello shopping un’immagine di abbandono”. È la premessa dell’interrogazione presentata al Municipio di Lugano dal consigliere comunale Lukas Bernasconi a nome del gruppo Lega.

“Diversi commercianti si sono lamentati manifestando il proprio disappunto per questa situazione. Si fa notare come l’amministrazione abbia due pesi e due misure, da una parte si chiede ai commerci aperti un comportamento rispettoso del decoro e dall’altra si tollera, da lungo tempo, una situazione più riconducibile a un cantiere che al salotto bello di Lugano”, scrive Bernasconi.

Ma il tema principale dell’interrogazione è la difficoltà in cui si dibatte il commercio in centro città. Il gruppo Lega chiede dunque al Municipio come intende muoversi, non solo sulle facciate dello stabile che ospitava il negozio King (sono compatibili con l’immagine che la città si vuole dare? Se No per quale ragione viene tollerata da mesi questa situazione anti estetica che trasmette un’immagine di abbandono?).

Bernasconi chiede se sono state identificate le ragioni delle ripetute chiusure di negozi, cosa pensa il Municipio della situazione del commercio in centro città, se sono stati commissionati degli studi per capire come evolverà nel medio termine il commercio al dettaglio a Lugano, cosa sta facendo il Municipio per evitare che altri negozi debbano chiudere, se è pensabile prevedere delle soluzioni che responsabilizzino i proprietari degli stabili e incentivino l’apertura di nuovi negozi. E infine se il  Municipio è intenzionato ad agire direttamente o preferisce attendere che il mercato trovi un suo equilibrio senza interventi esterni.


Pubblicato il 02.06.2017 09:25

Guarda anche
Crisi e Lavoro
L’obiettivo è di proporre un evento che raduni esperti di ogni settore e permetta di valutare il fenomeno considerandone i diversi aspetti, da quello economico a quello sociale a quello dello sviluppo urbano
Crisi e Lavoro
Il sindacalista e vicepresidente del PPD: "Un esempio concreto dell’amore del PLR per i lavoratori? Il voto contrario alla proposta del PPD (poi accolta dal Gran Consiglio) che chiedeva di favorire i disoccupati residenti evitando di attingere alle agenzie interinali nell’ambito delle commesse pubbliche!"
Crisi e Lavoro
Il deputato di AreaLiberale ci scrive: "E non diciamo che chi paga sono sempre gli stessi, né che sono sempre più strizzati da imposte, tasse e balzelli che se erano uguali a 100 dieci anni fa ora sono 145, e che non sono sufficienti per fare le paghe degli addetti alla burocrazia del quartiere..."
Crisi e Lavoro
Dopo aver deciso in settembre di sospendere la trattazione dell'iniziativa parlamentare presentata dai deputati PPD del Mendrisiotto, la Commissione della legislazione è tornata ad affrontare l'argomento e oggi ha deciso a maggioranza di accogliere la proposta
  • Le più lette