Cronaca
Torino, esplode un petardo in piazza San Carlo. Tra gli oltre 20'000 tifosi che seguono la finale Juve-Real in diretta scoppia il panico. La sindrome per l'allarme bomba provoca 1'527 feriti, 5 dei quali gravi
Un bambino di sette anni e mezzo, una ragazza di 27 e una terza persona, una donna, sono in condizioni molto critiche, in coma farmacologico. GUARDA IL VIDEO
TORINO - È salito a 1’527 feriti, 5 dei quali gravi, il bilancio del panico di massa in piazza San Carlo a Torino, dove era stato allestito un maxi schermo per la finale Juve-Real. Alla partita assistevano secondo le stime delle autorità tra le 20mila e le 30mila persone.

È stata prima l’esplosione di un piccolo petardo, dopo il terzo gol del Real, e poco dopo la caduta del parapetto del parcheggio sotterraneo, a generare i due forti rumori che hanno seminato il panico tra la folla. Lo scoppio non è stato particolarmente fragoroso ma è stato sufficiente perché qualcuno gridasse “attentato”.

La psicosi della bomba è stata amplificata da un secondo rumore, quello provocato dalla caduta del parapetto del parcheggio, appunto. Anche la gente che si trovava in quella zona ha iniziato a correre ed è scoppiato un putiferio. C’era chi scappava nei sotterranei del parcheggio, chi citofonava alle case per farsi aprire, chi provava a entrare nei locali…

Un bambino di sette anni e mezzo, una ragazza di 27 e una terza persona, una donna, sono in condizioni molto critiche, in coma farmacologico.




Pubblicato il 04.06.2017 18:06

Guarda anche
Cronaca
Nel filmato, girato domenica e postato online, si vede una rissa tra i calciatori. Il caso sul tavolo della Federazione. Il presidente Biancardi: "Abbiamo chiesto all'arbitro di redigere un rapporto su questo evento". GUARDA IL VIDEO
Cronaca
Scott Rosenberg rompe il muro di ipocrisia di Hollywood sullo scandalo sessuale. Ecco la traduzione integrale del suo post: "Per me, se il comportamento di Harvey è la cosa più disgustosa che uno possa immaginare, al secondo posto (di poco) c’è l’attuale ondata di condanne"
Cronaca
Scoppiettante intervista con l'esperta: "Le denunce dello scandalo vanno valutate caso per caso. Se non c'è coazione non si può parlare di stupro. Non penso che nessuno sia caduto dalle nuvole sentendo la storia di un produttore cinematografico che ha goduto di vantaggi sessuali da parte di alcune attrici che ha fatto lavorare”
Cronaca
Intanto la RSI ha contattato il Ministero pubblico, che "nega di aver già ricevuto il dossier preparato dal Cantone e smentisce che si riapra l’inchiesta sulla credibilità del testimone". La RSI ha pure contattato Morini: ci ha confermato di “ricevere 250 euro al mese d’invalidità” e che questa prestazione “era nota a tutti. Non pensavo dovesse dichiarare un simile importo”