Pane e vino
Sette tappe nelle aziende agricole, sei grandi chef e un pasticcere gourmet. Fuori le agende: il 18 giugno sul Piano di Magadino torna Ti Ho Raccolto
A coordinare la squadra di cucina sarà Lorenzo Albrici, chef stellato della Locanda Orico di Bellinzona, uno degli artisti della gastronomia più conosciuti e apprezzati sul territorio. Dalla colazione fino al dessert: ecco i menù che scandiranno gli 8 km del percorso
CADENZATO - Dopo il grande successo della manifestazione lo scorso anno, nella sua prima edizione, anche per il 2017 S.Pellegrino Sapori Ticino ha messo in agenda l’evento più verde del festival per il prossimo 18 giugno: Ti Ho Raccolto.

 

Squadra che vince non si cambia: Sapori Ticino e TIOR hanno voluto tornare a collaborare per proporre una nuova versione della manifestazione, dopo che lo scorso anno erano stati in oltre 700 i partecipanti sul Piano di Magadino. La formula è la stessa: 7 tappe tra le aziende agricole, ciascuna con un’offerta gastronomica a tema curata da 6 grandi chef ticinesi e un pasticcere gourmet. Parentesi didattiche, degustazioni di ricette a base di frutta e verdura ticinese, senza dimenticare la convivialità della passeggiata: fuori dagli schemi del festival enogastronomico in location eleganti come lo conosciamo, in realtà mantiene intatto lo spirito della kermesse ideata da Dany Stauffacher. Anche in questo caso, infatti, a ricavarne il meglio è la nostra splendida regione, presentata nella sua versione rurale.

 

L’appuntamento è quindi per domenica 18 giugno, quando sul Piano di Magadino si potrà andare alla scoperta delle aziende agricole TIOR e dei loro prodotti genuini, ma anche degustarli nel piatto. A coordinare la squadra di cucina sarà Lorenzo Albrici, chef stellato della Locanda Orico di Bellinzona, uno degli artisti della gastronomia più conosciuti e apprezzati sul territorio.

 

Dalla colazione fino al dessert, spostandosi volta per volta da un’azienda agricola all’altra e da uno chef all’altro, il pubblico potrà trascorrere una giornata all’aria aperta, vedere da vicino come lavorano gli agricoltori ticinesi, concedersi sfiziosi piatti gourmet. L’occasione è unica nel suo genere, anche se le camminate gastronomiche non sono una novità sul territorio. Quello che rende davvero speciale questo evento è il fatto che sia una vera e propria occasione formativa: entrando in contatto con la realtà agricola, infatti, ci si può rendere conto di quanto lavoro e impegni stia dietro i prodotti della terra. Il Ticino, infatti, grazie alle sue serre all’avanguardia tecnologica, produce ortaggi tutto l’anno e rappresenta una fascia di mercato di assoluta eccellenza. La qualità dei prodotti di casa nostra è in costante crescita, frutto di un impegno costante e di un ricambio generazionale che rimane al passo coi tempi e impara a comunicare le proprie storie e passioni in maniera sempre più popolare. A legare TIOR e S.Pellegrino Sapori Ticino non c’è solo la comune passione per i prodotti della tavola. Quello che davvero rappresenta il filo rosso tra le due realtà è l’amore per il Ticino.

 

Il Menu e gli Chef

 

Colazione con caffè, succo d’arancia, mini-brioche nera con cioccolato bianco, gipfel integrale e gipfel al burro (a cura di Christian Caterina del Panificio Pasticceria Naretto, Ascona)

 

Smoothie con yogurt e frutta ticinese

 

Gamberi di fiume in carpione di anguria, burrata e olive (a cura di Andrea Bertarini del Ristorante Hotel Enoteca Conca Bella, Vacallo) – Tisana alle erbe

 

Salumi misti del territorio (Ticinella)

 

Fiori di zucchina ripieni di ricotta e caviale di melanzane (a cura di Dario Ranza di Villa Principe Leopoldo, Lugano)

 

Cavatelli alle erbette aromatiche con Sbrinz e pomodoro (a cura di Egidio Iadonisi dello Swiss Diamond Hotel, Vico Morcote)

 

Stracotto di manzetta all’olio extra vergine di oliva con verdure croccanti del Piano di Magadino (a cura di Alessandro Fumagalli – 6805 La Palazzina, Mezzovico) e Ambrogio Stefanetti (Vecchia Osteria Seseglio, Seseglio)

 

Selezione di formaggi ticinesi – Mousse ai lamponi – Gelato Mövenpick – Caffè Carlito

 

Ad accompagnare i piatti ci sarà un’altra importante eccellenza ticinese: la selezione di vini locali di Ticinowine. Bianchi e rossi del nostro territorio, a dimostrazione della vocazione enologica del canton Ticino che ogni anno vede salire la qualità dei propri prodotti. Presente anche Ittinger, una delle birre di bandiera più conosciute e apprezzate.

 

INFORMAZIONI

 

Dove: Piano di Magadino

 

Costo: 70 CHF per gli adulti

 

40 CHF per i ragazzi fino ai 18 anni

 

Gratuito per i bambini fino ai 5 anni

 

Tappe: 1 (ritrovo e arrivo) + 5 tappe enogastronomiche

 

Chef: gruppo di Top Chef ticinesi coordinato dalla stella Michelin Lorenzo Albrici

 

Lunghezza percorso: circa 8 Km (in piano)

 

In caso di pioggia la manifestazione si svolgerà regolarmente. Sono previste aree coperte.

 

ORARI DI PARTENZA:

 

Ore 9.00

 

Ore 9.25

 

Ore 9.50

 

Ore 10.15

 

Ore 10.40

 

Ore 11.05

 

Visita alle coltivazioni e spiegazioni didattiche da parte degli addetti ai lavori

 

Animazione musicale

 

Sono ammessi animali Il kit di degustazione comprende: un porta calice con tracolla, materiale informativo sulla giornata

 

I costi comprendono 7 tappe gourmet con degustazioni di tisane, piatti e ricette a base dei gioielli gastronomici ticinesi. Acqua, birra e vini ticinesi sono compresi nel prezzo.

 

RISERVAZIONI:

 

www.tihoraccolto.ch



Pubblicato il 11.06.2017 16:11

Guarda anche
Pane e vino
“Dopo l’esperienza dei primi due anni abbiamo tentato di fare ancora meglio selezionando un’accurata gamma di nuove birre premium dalla Svizzera e da tutto il mondo”, spiega il direttore dell’azienda di bibite, Lele Coduri
Pane e vino
Tre serate all’insegna della birra e delle atomosfere bavaresi: da giovedì 19 a sabato 21 ottobre. E per il patron, Bruno D’Addazio, si tratta della FESTA tutta in maiuscolo. Insomma, uno degli eventi più belli, se non il più bello, del suo Lungolago
Pane e vino
Il presidente della Rassegna, Antonio Florini spiega che prodotti di quella marca vengono venduti anche in Ticino, ma non del tipo scelto dagli organizzatori. E che, comunque, i piattini in omaggio sono una goccia nel mare di una manifestazione che genera un indotto di 1 milione e mezzo di franchi. E che per il settore rappresenta una boccata d’ossigeno. Tutto giusto e tutto vero. Ma…
Pane e vino
Più che una rassegna gastronomica è un evento settimanale che da qualche tempo è entrato nell’agenda della ‘Fattoria’ e resterà in calendario ogni giovedì fino a dicembre. Lo chef, Fabrizio Fontana, propone tre variazioni, da declinare in menu o in singole portate